Bruno Bertagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bruno Bertagna
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Segretario generale del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano
Segretario della Pontificia commissione per lo Stato della Città del Vaticano
Segretario del Pontificio Consiglio per l'interpretazione dei Testi Legislativi
Uditore generale della Camera Apostolica
Vicepresidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi
Nato 12 ottobre 1935 a Tiedoli
Ordinato presbitero 23 maggio 1959
Consacrato vescovo 6 gennaio 1991 da papa Giovanni Paolo II
Elevato arcivescovo 15 febbraio 2007
Deceduto 31 ottobre 2013 a Parma

Bruno Bertagna (Tiedoli, 12 ottobre 1935Parma, 31 ottobre 2013) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nasce a Tiedoli, piccola frazione a 8 km da Borgo Val di Taro, in provincia di Parma e diocesi di Piacenza, il 12 ottobre 1935.

Dopo aver completato gli studi presso il seminario della propria diocesi, viene ordinato sacerdote il 23 maggio 1959.

Inizia l'attività pastorale, l'anno seguente, come parroco della chiesa seicentesca di Santa Teresa del Carmelo, nel centro di Piacenza, dove rimane fino al 1962.

In quell'anno viene inviato a Roma per continuare i propri studi, laureandosi, nel 1967, in utroque iure e conseguendo poi anche il diploma di avvocato rotale.

Collabora inizialmente con la Sacra Romana Rota, dal 1971, poi con la Segreteria di Stato.

Il 28 maggio 1973 viene nominato cappellano di Sua Santità e, dieci anni dopo, il 18 maggio 1983, prelato d'onore di Sua Santità. In quel periodo inizia la sua collaborazione con la parrocchia di San Pio X a Roma.

Dal 28 febbraio 1989 al 15 dicembre 1990 ricopre il ruolo di chierico prelato della Camera Apostolica.

Il 6 aprile 1990 papa Giovanni Paolo II lo nomina segretario generale del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, e, il successivo 15 dicembre, lo elegge vescovo titolare di Drivasto.

Il 6 gennaio 1991 riceve la consacrazione episcopale, nella basilica di San Pietro in Vaticano, per l'imposizione delle mani dello stesso papa, essendo co-consacranti Giovanni Battista Re, arcivescovo titolare di Vescovio e sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato, e Justin Francis Rigali, arcivescovo titolare di Bolsena e segretario della Congregazione per i Vescovi, entrambi futuri cardinali.

Il 18 giugno 1994 è nominato segretario della Pontificia commissione per lo Stato della Città del Vaticano e, il 19 dicembre dello stesso anno, segretario del Pontificio Consiglio per l'interpretazione dei Testi Legislativi, accanto al presidente dello stesso, nominato quel medesimo giorno, lo spagnolo Julián Herranz Casado, futuro cardinale, venendo poi confermato nell'incarico il 19 dicembre 2004.

Il 16 giugno 2003 diviene consultore della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli, confermato il 2 giugno 2009. Dal 16 marzo 2005 è annoverato come consigliere dello Stato della Città del Vaticano.[1]

Il 20 novembre 2006 riceve la nomina ad uditore generale della Camera apostolica,[2] e, il 15 febbraio dell'anno successivo, Benedetto XVI lo promuove alla dignità di arcivescovo, conservandogli il titolo di Drivasto, e lo nomina anche vicepresidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi,[3] incarico da cui si dimette il 12 ottobre 2010, per raggiunti limiti d'età.

Muore, a 78 anni, in una clinica di Parma, nelle prime ore del mattino del 31 ottobre 2013.[4]

Genealogia episcopalemodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Nomine all'interno dello Stato della Città del Vaticano, press.vatican.va, 22 febbraio 2005. URL consultato il 9 novembre 2013.
  2. ^ Nomina dell'Uditore Generale della Camera Apostolica, press.vatican.va, 18 dicembre 2006. URL consultato il 9 novembre 2013.
  3. ^ Nomina del Vice-Presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi, press.vatican.va, 15 febbraio 2007. URL consultato il 9 novembre 2013.
  4. ^ Franco Brugnoli, È morto monsignor Bertagna, gazzettadiparma.it, 1 novembre 2013. URL consultato il 9 novembre 2013.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Predecessore Segretario generale del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano Successore Emblem Holy See.svg
- 6 aprile 1990 - 18 giugno 1994 Gianni Danzi
Predecessore Vescovo titolare di Drivasto Successore BishopCoA PioM.svg
Traian Crisan 15 dicembre 1990 - 31 ottobre 2013
con dignità di arcivescovo dal 15 febbraio 2007
sede vacante
Predecessore Segretario della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano Successore Emblem Holy See.svg
- 18 giugno 1994 - 1º febbraio 1995 Gianni Danzi
Predecessore Segretario del Pontificio Consiglio per l'interpretazione dei Testi Legislativi Successore Emblem Holy See.svg
Julián Herranz Casado 19 dicembre 1994 - 15 febbraio 2007 Juan Ignacio Arrieta Ochoa de Chinchetru
Predecessore Uditore generale della Camera Apostolica Successore Sede vacante.svg
Antonio Petti 20 novembre 2006 - 12 ottobre 2010 Giuseppe Sciacca
Predecessore Vicepresidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi Successore Emblem Holy See.svg
- 15 febbraio 2007 - 12 ottobre 2010 -

Controllo di autorità VIAF: 88686290








Creative Commons License