Canneto Pavese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Canneto Pavese
comune
Canneto Pavese – Stemma
Canneto Pavese – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Sindaco Francesca Panizzari (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°03′00″N 9°17′00″E / 45.05°N 9.283333°E45.05; 9.283333 (Canneto Pavese)Coordinate: 45°03′00″N 9°17′00″E / 45.05°N 9.283333°E45.05; 9.283333 (Canneto Pavese)
Altitudine 233 m s.l.m.
Superficie 5,81 km²
Abitanti 1 459[1] (31-12-2010)
Densità 251,12 ab./km²
Frazioni Beria, Ca' Bassa, Caccialupo, Colombarone, Montebruciato, Monteveneroso, Montù de' Gabbi, Casa Bazzini, Casa Zangobbi, Serra, Fornace, Vergomberra, Vigalone
Comuni confinanti Broni, Castana, Cigognola, Montescano, Montù Beccaria, Stradella
Altre informazioni
Cod. postale 27044
Prefisso 0385
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018029
Cod. catastale B613
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti cannetesi
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Canneto Pavese
Posizione del comune di Canneto Pavese nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Canneto Pavese nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Canneto Pavese è un comune italiano di 1.450 abitanti[2] della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova sulle colline dell'Oltrepò Pavese, tra le valli Versa e Scuropasso, in posizione dominante rispetto alle cittadine di Broni e Stradella. Con i comuni di Montescano e Castana, forma l'Unione dei Comuni di Prima Collina.

Storiamodifica | modifica sorgente

Il territorio immenso

dell'attuale comune di Canneto Pavese comprende numerosi centri che ebbero in passato l'autonomia comunale e spesso una storia non oscura: Canneto, Beria, Vigalone, Monteveneroso e soprattutto Montù de' Gabbi.

Vigalone è citato nel diploma del 1164 con cui Federico I concede a Pavia il predominio sulla zona; e forse anche Monteveneroso (che appare come Monterosus). Nell'elenco delle terre pavesi del 1250 compaiono ormai tutti questi centri. Quello più importante, di cui gli altri seguirono le sorti, era Montù de Gabbi, dove Montù sta per Monte Acuto; era detto anche Montuè ovvero Monte Acutello. Esso era noto già nell'XI secolo. Appartenne ai Gabbi fino al XV secolo, poi probabilmente il potere fu usurpato dai Beccaria, che lo unirono al feudo di Broni; nelle successive spartizioni di questo feudo, non è chiara la sorte; comunque nel 1528 giunse ai Valperga e nel secolo successivo ai Candiani di Pavia, divenuti poi Rota Candiani. Tra i comuni del feudo, Canneto, sede della parrocchia, appare già nel XVII secolo essere aggregato a Montù de' Gabbi. Nel secolo successivo Biria e Vigalone mantengono l'autonomia, ma prima del 1783 sono anch'essi uniti a Montù. Rimane autonomo Monteveneroso, che sarà unito a Montù solo all'inizio del secolo successivo. Notiamo che al feudo di Montù de' Gabbi apparteneva anche Torre Sacchetti, anch'esso un piccolo comune che fu poi in gran parte unito a Stradella.

Soltanto nel 1885 il comune di Montù de' Gabbi ricevette il nuovo nome di Canneto Pavese. Pochi anni dopo il grandioso castello dei Rota Candiani, che dominava l'abitato di Montù, venduto ad altri, fu completamente demolito. Questo castello ospito anche Carolina Amalia di Brunswick moglie di Giorgio IV Hannover nel 1815

Societàmodifica | modifica sorgente

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[3]


Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Comunità montanemodifica | modifica sorgente

Fino al 2009 faceva parte della fascia bassa della Comunità montana Oltrepò Pavese.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Dato Istat al 31/7/2010.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.







Creative Commons License