Cardè

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Cardè
comune
Cardè – Stemma Cardè – Bandiera
Cardè – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Cuneo-Stemma.png Cuneo
Sindaco Carlo Manzo (Nuova Cardè) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 44°44′42″N 7°28′40″E / 44.745°N 7.477778°E44.745; 7.477778 (Cardè)Coordinate: 44°44′42″N 7°28′40″E / 44.745°N 7.477778°E44.745; 7.477778 (Cardè)
Altitudine 258 m s.l.m.
Superficie 19,33 km²
Abitanti 1 124[1] (31-12-2010)
Densità 58,15 ab./km²
Frazioni Boschi, Milleni, Ormea, Tetti
Comuni confinanti Barge, Moretta, Revello, Saluzzo, Villafranca Piemonte (TO)
Altre informazioni
Cod. postale 12030
Prefisso 0172
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 004042
Cod. catastale B755
Targa CN
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 635 GG[2]
Nome abitanti cardettesi
Patrono Madonna della Salesea
Giorno festivo seconda domenica di settembre
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Cardè
Sito istituzionale
« È paese di modeste apparenze, come in genere tutti i centri di campagna. In compenso, offre il quadro d'una ricca distesa di campi, prati e alteni, e qualcosa di quieto, calmo e riposato, che fa pensare alla vita tranquilla e laboriosa che vi si conduce. »
(Giacomo Nasetta, Cardè - Note illustrative)

Cardè (Cardè [kar'dɛ], [-æ], [-a] in piemontese[3], Nemus Cardei in latino) è un comune italiano di 1.138 abitanti della provincia di Cuneo.

Geografiamodifica | modifica sorgente

Storiamodifica | modifica sorgente

Origine del nome

Documenti del XIII secolo fanno cenno ad una selva chiamata “nemus Cardesii”, “nemus Cardeti”, “nemus Cardei” ossia bosco di Cardesio, di Cardetto, di Cardè. Il poleonimo proviene evidentemente dalle condizioni del terreno incolto, prevalentemente caratterizzato da rovi e cardi selvatici: Cardè era quindi il nome della selva. In una documentazione del 1324 è detto chiaramente: «Nemus quod appellatum est Cardettum».[4]

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[5]


Persone legate a Cardèmodifica | modifica sorgente

Stemmamodifica | modifica sorgente

« Troncato d'azzurro e d'argento, alla lettera maiuscola romana "C" dell'uno all'altro. Ornamenti esteriori da Comune. »

Gonfalonemodifica | modifica sorgente

« Drappo troncato di bianco e d'azzurro riccamente ornato di ricami d'argento e caricato dello stemma comunale con l'iscrizione centrata in argento recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo ed i cordoli sono argentati. L'asta verticale è ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia è rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolori dai colori nazionali frangiati d'argento. »

Luoghi di interessemodifica | modifica sorgente

Monumentimodifica | modifica sorgente

  • Il castello risalente al XIII secolo, voluto da Manfredo II per proteggere il Marchesato di Saluzzo.
  • La cappella dei Marchesi di San Germano: ultimi detentori nobili del castello. È il sepolcro dove sono inumate le salme dei signori. Il legame di parentela con la Famiglia Reale Belga deriva dal fatto che la Regina Paola di Liegi è la cognata dell'ultimo marchese.
  • Il ponte, primo in cemento armato sul Po,riaperto il 23 settembre 2013 dopo 9 anni
  • La torre, costruita all'inizio del XVI secolo, prima abitazione del borgo.

Chiesemodifica | modifica sorgente

Tempo liberomodifica | modifica sorgente

  • Sono presenti numerose piste ciclabili con aree di sosta attrezzate: i Sentieri del Cuore.

Culturamodifica | modifica sorgente

Feste e fieremodifica | modifica sorgente

Economiamodifica | modifica sorgente

Settorimodifica | modifica sorgente

  • Primario 45%
  • Secondario 32%
  • Terziario 23%

Trasportimodifica | modifica sorgente

Strademodifica | modifica sorgente

Cardè è attraversata dalla:

  • Strada Provinciale 29 Italia.svg Strada Provinciale 29
  • Strada Provinciale 175 Italia.svg Strada Provinciale 175

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1949 1954 Antonio Barbero Sindaco
1954 1959 Antonio Barbero Sindaco
1959 1964 Mario Piovano Sindaco
1964 1969 Mario Piovano Sindaco
1969 1974 Domenico Vanzetti Sindaco
1974 1979 Osvaldo Campra Sindaco
1979 1984 Mario Civalleri Sindaco
1984 1989 Mario Civalleri Sindaco
1989 1994 Andrea Ballari Sindaco
1994 1999 Andrea Ballari Sindaco
1999 2004 Sebastiano Miglio Sindaco
2004 2009 Sebastiano Miglio Lista civica "Insieme per Cardè" Sindaco
2009 in carica Carlo Manzo Lista civica "Nuova Cardè" Sindaco

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Pronuncia piemontese
  4. ^ Carlo Fedele Savio, Cardè - Cenni storici (1207 - 1922), Le origini
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Carlo Fedele Savio, Cardè - Cenni storici (1207 - 1922), Uomini illustri

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Cuneo Portale Cuneo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cuneo







Creative Commons License