Carlo Lauberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Lauberg

Carlo Lauberg divenuto poi Charles Jean Laubert (Teano, 8 settembre 1752Parigi, 3 novembre 1834) è stato un politico, rivoluzionario e scienziato italiano naturalizzato francese.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Figlio di un ufficiale dell'esercito spagnolo che aveva accompagnato Carlo di Borbone alla conquista del Regno di Napoli nel 1734[1], dopo essere stato professore di matematica e scienze nelle regie scuole di Chieti e alla Nunziatella e, in gioventù, chierico scolopio, nel 1792 Carlo Lauberg, con Annibale Giordano, aprì a Napoli un'accademia di chimica che divenne un circolo a favore della Rivoluzione francese. Alla fine del 1792 fu uno dei napoletani che incontrarono l'ammiraglio francese Latouche-Tréville e che, a causa di questi incontri, furono perseguitati da Ferdinando IV di Napoli. Nel 1794 fu costretto a fuggire da Napoli e riparò ad Oneglia, conquistata un anno prima dalle truppe francesi del generale Anselme ed amministrata allora dal commissario rivoluzionario Filippo Buonarroti, per poi arruolarsi come farmacista nel corpo della Sanità militare.

Sceso in Italia nel 1796 al seguito dell'armata napoleonica, Carlo Lauberg ritornò a Napoli assieme al generale Championnet il 5 dicembre 1798. Il 23 gennaio 1799 (4 piovoso del nuovo calendario), con decreto di Championnet, fu nominato presidente del governo provvisorio e costituente della Repubblica Partenopea. Come molti governanti che erano stati esuli in Francia, anche Lauberg fu giudicato un intransigente e la sua politica avversata sia dai "buoni repubblicani" (moderati) di Ignazio Ciaia sia dagli ex-aristocratici. L'autorità di Carlo Lauberg inoltre risentì negativamente delle difficoltà dello stesso Championnet, il quale era stato richiamato in Francia, tratto in arresto il 24 febbraio 1799 e sostituito dal generale MacDonald. Pertanto il 25 febbraio 1799 Carlo Lauberg venne sostituito alla guida della Repubblica napoletana da Ignazio Ciaia.

Abbandonata l'attività politica, ritornò in Francia dove si dedicò alla professione di farmacista. Ottenuta la cittadinanza francese, mutò il proprio nome in Charles Jean Laubert, e visse a Parigi dove svolse anche attività di ricerca[2]: suo è stato l'isolamento e lo studio delle proprietà della quinquina[3].

Riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ "Nécrologie", Journal de pharmacie et des sciences accessoires de la Société de pharmacie de Paris (1834). XX: 705-709 [1]
  2. ^ F. Coraccini, Catalogue des Italiens et des Français qui ont figuré dans le royaume d'Italie ..., in Charles Jean La Folie, Histoire de l'administration du royaume d'Italie pendant la domination française, Paris: Audin etc. 1823, p. XLII [2]
  3. ^ Charles Jean Laubert, Recherches botaniques, chimiques, pharmaceutiques sur la Quinquina, in: "Journal de médecine, de chirurgie ed de Pharmacie militaires", 1816
  4. ^ Umberto Quattrocchi (ed), CRC World Dictionary of Plant Names: Common Names, Scientific Names, Eponyms, CRC Press, 2000, p. 1431, ISBN 0849326737 [3]

Bibliografiamodifica | modifica sorgente








Creative Commons License