Casa del Fascio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Palazzo Littorio di Montevarchi
La ex Casa del Fascio, ora Caserma dei Carabinieri, di Asciano

Con casa del Fascio, casa Littoria o casa del Littorio, si intendono gli edifici che erano sedi locali, dislocate nei comuni d'Italia, del Partito Nazionale Fascista. Nei centri urbani importanti presero la denominazione di palazzo del Littorio o palazzo Littorio.

Storiamodifica | modifica sorgente

Dopo l'avvento al potere del fascismo vennero costruiti, come sedi del PNF, edifici ad hoc, una stima calcola che ne venissero realizzati circa 5.000[1], moltissimi creati ex novo da architetti del movimento razionalista tra i quali Adalberto Libera, Saverio Muratori, Ludovico Quaroni, Giuseppe Samonà e Giuseppe Terragni. Non mancarono edifici realizzati da architetti della tendenza storicista e altri da architetti "novecentisti".

Le case del Fascio istituite furono in tutto circa 11.000. Non tutte furono ospitate in edifici costruiti ad hoc, anzi, la maggioranza, soprattutto nei centri minori, fu istituita semplicemente affittando, acquistando o acquisendo in uso edifici esistenti, non di rado senza neanche condurre significative ristrutturazioni funzionali ed estetiche, pur previste in diversi casi[2]

La casa del Fascio divenne un elemento irrinunciabile nelle successive città di fondazione e in molti dei nuovi borghi rurali, assieme alla chiesa e al municipio, in quelli destinati a essere eletti a comune. Oltre che in Italia, tali edifici vennero costruiti anche nelle colonie, dall'Africa al Dodecaneso.

Durante il periodo della Repubblica Sociale Italiana alcune diventarono sedi del Partito Fascista Repubblicano (1943-1945), erede del Partito Nazionale Fascista.

Nel secondo dopoguerra, tali immobili furono devoluti allo Stato per effetto delle disposizioni contenute nell'articolo 38 del DLL 27 luglio 1944, n. 159, recante "Sanzioni contro il fascismo".

Alcune case del Fascio in Italiamodifica | modifica sorgente

Denominazione Città Regione Anno Progettisti Attuale destinazione
Casa del Fascio Asciano Toscana 1935-1937 Armando Sabatini Caserma dei Carabinieri
Casa Littoria Aosta Valle d'Aosta 1939 Giuseppe Momo Assessorato all'Industria
Casa del Fascio Arborea Sardegna 1934-35 Giovanni Battista Ceas
Casa del Fascio Asti Piemonte 1934 Ottorino Aloisio
Casa del Fascio Bologna Emilia-Romagna 1923 Museo civico medievale
Casa del Fascio Bolzano Trentino-Alto Adige 1939-1942 Guido Pelizzari, Francesco Rossi, Luis Plattner, bassorilievo di Hans Piffrader Palazzo degli Uffici finanziari
Casa del Fascio Castel Goffredo Lombardia 1930-1932 Demetrio Palvarini Cinema-teatro, biblioteca
Palazzo del Fascio Castellammare di Stabia Campania
Casa del Fascio Como Lombardia 1932-1936 Giuseppe Terragni Comando Guardia di Finanza
Palazzo del Littorio Roma Lazio 1935–1959 Enrico Del Debbio, Arnaldo Foschini e Vittorio Ballio Morpurgo Palazzo della Farnesina, sede del Ministero degli Affari Esteri
Casa del Fascio Firenze Toscana 1940 Raffaello Fagnoni Uffici del Demanio
Casa del Fascio Grosseto Toscana Sede della Guardia di Finanza
Casa del Fascio Ivrea Piemonte 1936 Carlo Celeghin Caserma Guardia di Finanza
Casa del Fascio Lastra a Signa Toscana Caserma dei Carabinieri
Casa del Fascio Lissone Lombardia 1938-1940 Giuseppe Terragni Teatro Comunale
Palazzo del Littorio Messina Sicilia 1940 Giuseppe Samonà, Guido Viola
Casa del Fascio Minerbio Emilia-Romagna Gian Luigi Giordani Edificio comunale polifunzionale
Palazzo del Littorio Montevarchi Toscana 1937-1939 Raffaello Maestrelli
Casa Littoria Novara Piemonte 1939 Questura e Comando Provinciale Guardia di Finanza
Casa del Littorio Prato Toscana 1932 Brunetto Chiaramonti Sede della Guardia di Finanza
Casa del Fascio Pescia Toscana 1928 Archivio di Stato
Casa del Fascio e dell'ospitalità Predappio Romagna 1937
Casa del Fascio Raffadali Sicilia Sede di una banca
Casa del Fascio Reggio Calabria Calabria 1936 TAR della Calabria
Gruppo Rionale Ugo Pepe Roma Lazio Commissariato di Ponte Milvio
Casa del Fascio Sabaudia Lazio 1934 Gino Cancellotti, Eugenio Montuori, Luigi Piccinato, Alfredo Scalpelli
Casa del Fascio Taranto Puglia 1937 Cesare Bazzani Commissione Tributaria Regionale
Casa del Fascio Treviso Veneto Biblioteca Comunale
Casa del Fascio Torino Piemonte Dipartimenti dell'Università di Torino
Torre Littoria Torino Piemonte 1934 Armando Melis de Villa Reale Mutua Assicurazioni

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ L'architettura delle Case del Fascio. URL consultato il 26-09-2009.
  2. ^ Flavio Mangione Le case del Fascio - In Italia e nelle Terre d'Oltremare, Ministero Per I Beni e Le Attività Culturali - Pubblicazioni degli Archivi di Stato, Roma, 2003, ISB 8871252209 p. XVII e elenchi descrittivi per Federazione, pp. 153-491.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • L'architettura delle Case del Fascio nella Regione Lazio, a cura di Flavio Mangone e Andrea Soffitta, Alinea, Firenze, 2006

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License