Castel Boymont

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castel Boymont
Schloss Boymont
Una vista delle rovine del castello Boymont
Una vista delle rovine del castello Boymont
Mappa di localizzazione: Trentino-Alto Adige
Ubicazione
Stato attuale Italia Italia
Regione Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Città Appiano sulla Strada del Vino
Coordinate 46°29′01.56″N 11°14′43.03″E / 46.483767°N 11.245286°E46.483767; 11.245286Coordinate: 46°29′01.56″N 11°14′43.03″E / 46.483767°N 11.245286°E46.483767; 11.245286
Informazioni generali
Tipo Castello
Inizio costruzione 1230
Termine costruzione 1235
Condizione attuale rudere
Visitabile Si

senza fonte

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Castel Boymont (Schloss Boymont in tedesco) è un castello che si trova a Missiano, frazione di Appiano sulla Strada del Vino (BZ), sopraelevata rispetto al vicino Castel Corba.

Storiamodifica | modifica sorgente

Vista del castello

Venne costruito attorno al 1230 (probabilmente fu terminato nel 1235) verosimilmente da membri di un ramo collaterale della famiglia dei conti di Appiano. Tra il 1239 ed il 1245 appare nelle fonti più volte un Enrico di Boymont, vassallo del conte Ulrico di Appiano-Ultimo. Fu infatti probabilmente concesso ai signori di Boymont, ministeriali di tali conti, da cui prese anche il nome.

I due decenni compresi tra il 1220 ed il 1240 sono considerati il periodo d'oro dell'edificazione di castelli in Alto Adige: un elevato numero di manufatti, tra cui Castel Flavon (o Haselburg) e Castel Roncolo, sono nati allora.

I signori di Boymont ebbero più tardi, in particolare nel XIV secolo, un ruolo importante, ma il castello venne infine a trovarsi nelle mani di Ulrich Kässler, che nel 1413 aveva sposato la ricca ereditiera Barbara di Boymont. Il Kässler era il segretario di Federico Tascavuota (1382-1439). Nel 1742 Castel Boymont fu distrutto da un incendio, forse appiccato a causa di contrasti ereditari e da allora non fu più abitato e cadde definitivamente in rovina, nonostante sia passato di mano tra alcune delle maggiori famiglie nobiliari sudtirolesi, tra le quali i Wolkenstein-Trostburg e gli Enzenberg.

Impiantomodifica | modifica sorgente

Boymont è un'opera romanica e venne costruita verosimilmente in un'unica fase con una pianta praticamente quadrangolare. Anche i tratti costruttivi, chiari e ben progettati, appaiono insoliti per una costruzione altomedievale di questo tipo. Boymont è infatti disposto in una posizione difensiva, ma serviva soprattutto come residenza e solo marginalmente per il controllo militare della zona, come invece il vicino Castel d'Appiano. Lo stato delle rovine ancora imponenti è interessante per lo studio dei castelli, poiché si tratta in questo caso di un grande castello residenziale romanico, pervenuto in discrete condizioni e senza significative aggiunte e manipolazioni. Il palazzo a più piani si trova nell'angolo di sud-est e presenta delle inconfondibili e splendide trifore aperte nel muro perimetrale. Il mastio si trova a nord-est e mostra una notevole apertura ad arco verso est, di ampie dimensioni - simile peraltro a quella che si vede nella torre di Castel Neuhaus, vicino a Terlano. Un'altra torre più piccola si trova invece a nord-ovest. La cappella del maniero era posizionata sopra l'entrata, al primo piano. L'abside, che si è conservata, è rivolta come di consueto verso est. La posizione della cappella è comparabile a quelle che si trovano a castel Bruck presso Lienz in Austria (Tirolo orientale).

Stato attualemodifica | modifica sorgente

Solo nel 1977 il nuovo proprietario ha cominciato un'opera di consolidamento e di recupero di quanto ancora salvabile. Le parti aggiunte nel consolidamento sono distinguibili, secondo corretti criteri di restauro. Il castello è posto lungo sentieri percorribili ed è oggi visitabile; al suo interno è allestito un punto di ristoro. Nella roccia sotto il castello si trova un bunker, di difficile accesso, appartenente al Vallo Alpino in Alto Adige, e precisamente allo Sbarramento Bolzano Sud.

Galleria immaginimodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License