Cato Neimoidia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cato Neimoidia
Tipo Pianeta
Saga Guerre stellari
Ideatore
Appare in
Caratteristiche immaginarie
Sistema Sistema Cato Neimoidia
Regione Regione delle colonie
Capitale Zarra
Dimensioni Ø 12.240 km
Abitanti 450 miliardi
Razze Neimoidiani
Periodo rotazione 25 ore standard
Periodo rivoluzione 278 giorni locali
Satelliti 2

Cato Neimoidia è un pianeta immaginario appartenente all'universo fantascientifico di Guerre stellari.

Descrizionemodifica | modifica sorgente

Cato era il più vecchio dei "mondi borsello" Neimoidiano. Era il nascondiglio usato dal Viceré Nute Gunray. Il pianeta era vicino al mondo d'origine dei Neimoidiani, Neimoidia, che risiedeva nella regione coloniale. Solo i più ricchi potevano vivere sul pianeta e le loro ricchezze erano protette da droidi da battaglia ti tipo B-1. Le città del pianeta erano costruite su grandi ponti.

Cato Neimoidia era uno dei tanti mondi colonizzati dai Nemoidiani durante il periodo della Vecchia Repubblica. I mondi più ricchi e con più risorse erano detti "mondi borsello" che venivano usati come zone amministrative, per controllare un proprio settore coloniale. I mondi borsello erano gli unici che portavano il nome "Neimoidia". Altri mondi borsello erano Deko Neimoidia, Vacu Nemoidia e Koru Neimoidia, che si trovavano nella regione vicina. Cato Neimoidia era uno dei mondi borsello più vecchi, e probabilmente il primo o uno dei primi colonizzati. Durante le Guerre dei Cloni il pianeta aveva supportato la Confederazione dei Sistemi Indipendenti ed era difeso dalla Legione di Difesa Neimoidiana.

Verso la fine delle Guerre dei Cloni, fu l'ultimo baluardo della Confederazione ad essere conquistato per essere assorbito nei Mondi del Nucleo e nelle Colonie. Nel 19 BBY, la Repubblica lanciò un massiccio attacco al pianeta, con i comandanti Jedi Obi-Wan Kenobi e Anakin Skywalker e il comandante della flotta Repubblicana Jan Dodonna, per cercare il Viceré Nute Gunray e portarlo di fronte alla giustizia.

Le città sui ponti continuarono a resistere alla Repubblica, scatenando una battaglia in cui Plo Koon rimase ucciso a causa del tradimento del suo pilota Clone, poco dopo che ebbe ricevuto l'Ordine 66 dal Supremo Cancelliere Palpatine.

Apparizionimodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • HoloNet News

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Guerre stellari Portale Guerre stellari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerre stellari







Creative Commons License