Cavriani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati.
Cavriani
Coa fam ITA sachetti.jpg
inquartato: nel 1º e 4º d'argento a tre bande di nero; nel 2º e 3º d'argento all'aquila bicipite di nero, coronata di oro, alla croce patente di rosso, attraversante sull'inquartato
Stato Ducato di Mantova
Titoli Marchese
Fondatore Pietro Cavriani
Attuale capo Federico Cavriani
Data di fondazione XIII secolo

Cavriani è una famiglia aristocratica italiana di Mantova. Era scesa dalla Germania intorno al 1000 e già nell'XI secolo era fiorente e ricca. Capostipite fu Pietro Cavriani (XIII secolo).

Storia e personalità illustri

Ritratto di Teresa Cavriani (von Johann Poch, nel 1830)

La famiglia Cavriani appare nel XII secolo. Il nome precedente era Capriani e deriva, a sua volta, probabilmente dalla famiglia di origine di Cavriana in Lombardia. All'inizio del XIII secolo alcune terre di Sacchetta (Sacha Caprianorum, Sacca dei Cavriani), ora frazione di Sustinente, furono donate dal Comune di Mantova alla nobile famiglia Cavriani, che vennero in soccorso della città. Nel 1359 l'imperatore Carlo IV le dichiarò fondo imperiale e ne investì Corradino II Cavriani, cavaliere al servizio dei Visconti di Milano. La famiglia prese durante il dominio dei Gonzaga, con i quali si erano imparentati, una posizione significativa ricoprendo importanti incarichi. Nel 1700 veniva annoverata come la più ricca proprietaria fondiaria della città.

La famiglia annovera tra i suoi più illustri esponenti:

  • Pietro Cavriani, con 300 cavalieri da lui assoldati difese la Repubblica mantovana e fu fatto membro del consiglio comunale;
  • Vivaldo Cavriani (XIV secolo), patrizio di Mantova, Anziano del Consiglio di Mantova e famigliare dei Gonzaga nel 1370;
  • Ottavio Cavriani (XIV secolo), ambasciatore di Mantova presso il Papa Bonifacio IX nel 1398, accompagnò in Terra Santa Francesco I Gonzaga;
  • Galeazzo Cavriani, vescovo di Mantova dal 1444 e governatore di Roma (1459-1460);
  • Luigi Cavriani,(XV secolo), Signore di Sacchetta e Cpodell' Esercito Imperiale di Sigismondo I nel 1433
  • Galeazzo Cavriani (XV secolo), al servizio di Gianfrancesco Gonzaga;
  • Antonio Cavriani (1497-1574), fisico, padre di Filippo, Francesco ed Alessandro, che fu medico del futuro imperatore Carlo V nonché del cardinale Ercole Gonzaga;
  • Guido Antonio Cavriani (XVI secolo), pretore di Castiglione nel 1520 e podestà di Castel Goffredo;
  • Giulio Cavriani (XVI secolo), patrizio di Mantova, castellano in Casale nel 1550, presidente del Senato del Monferrato, presidente del Senato mantovano nel 1554, ambasciatore mantovano a Venezia nel 1572, presidente di sanità durante la peste del 1576.
  • Ercole Cavriani (XVI secolo), patrizio di Mantova, giureconsulto, dottore del collegio mantovano dal 1571 e cameriere del Duca Guglielmo Gonzaga nel 1584;
  • Eusperio Cavriani (m. 1587), patrizio di Mantova, arciprete di Borgoforte;
  • Annibale Cavriani (m. 1594), fu consigliere degli imperatori Ferdinando I e di Massimiliano II;
  • Massimiliano Cavriani, maggiordomo del duca di Mantova Vincenzo I Gonzaga;
  • Alberto Cavriani (m. 1595), decano nella cattedrale mantovana, nel 1590 vescovo di Alba e dal 1590 ambasciatore del duca di Mantova Guglielmo Gonzaga in Spagna;
  • Federico Cavriani (1597-1662), capostipite della linea dei “Cavriani d'Austria”;
  • Ottavio Cavriani (m. 1617), consigliere intimo dell'imperatore, servì anche l'Arciduca d'Austria Mattia e fu famigliare dell'Imperatore Rodolfo II;
  • Francesco Cavriani, infeudato di Colcavagno nel 1652 ed elevato al titolo di marchese il 9 gennaio 1658 dal duca di Mantova, primo marchese della nobile della casata, cavaliere del Redentore e maggiordomo maggiore del duca Carlo II di Gonzaga-Nevers;
  • Ferdinando Cavriani, primo ministro e consigliere del IX duca di Mantova, primo ministro del duca Ferdinando Carlo di Gonzaga-Nevers, colonnello nelle milizie imperiali e ducali, cameriere dello zio dell’omperatore Leopoldo I, comandante generale delle milizie del Monferrato;
  • Francesco Cavriani (XVII secolo), cavaliere dell'Ordine del Redentore nel 1633;

Nel 1638 la reggente Maria Gonzaga concesse alla famiglia Cavriani il titolo di marchesi.

  • Massimiliano Cavriani (1631-1718), signore di Sacchetta di Sustinente e patrizio di Mantova; frate capuccino e poi "Padre Antonio";
  • Corradino Cavriani (1660-1638),signore di Sacchetta di Sustinente e patrizio di Mantova;Sacerdote, Primicerino della Basilica di Sant'Andrea (Mantova) aMantova.
  • Annibale Cavriani (XVII secolo), signore di Sacchetta e patrizio di Mantova; generale delle caccie del duca di Mantova;
  • Massimiliano Cavriani (m. 1738), patrizio di Mantova,signore di Sacchetta di Sustinente, Membro del Consiglio Ducale di Ascanio Andreasi.
  • Ferdinando Cavriani (1718-1797), signore di Sacchetta e patrizio di Mantova, conservatore delle acque del Po e governatore della città di Governolo;
  • Luigi Cavriani (2-10-1758/14-8-1839), signore di Sacchetta e patrizio di Mantova, ciambellano dell’omperatore Leopoldo II nel 1791, decurione di Mantova nel 1791, prefetto della congregazione municipale nel 1795 e rappresentante di Mantova presso la corte imperiale nel 1795.
  • Federico Cavriani (m. 1837), signore di Sacchetta e patrizio di Mantova, Cavaliere Gerosolimitano, senatore del Regno d'Italia (1805-1814). Creato conte con lettere Patenti (11-10-1811), prefetto dell'Accademia nazionale virgiliana. Il titolo di Conte gli venne riconosciuto con Sovrana Risoluzione dell'Imperatore Francesco II d'Asburgo-Lorena il (22-3-1821);
  • Massimiliano Cavriani, (Mantova 11-7-1833/6-6-1863), ciambellano Imperial-Regio austriaco, sposatosi con Donna Isabella Lucchesi Palli, figlia di Don Ettore Duca della Grazia e di Carolina di Borbone Principessa delle Due Sicilie il 5-10-1856;
  • Annibale Cavriani (18-12-1805/16-9-1876), cavaliere dell’Ordine della Corona Ferrea, ciambellano imperiale, podestà di Mantova nel 1849. I discendenti nati dalle prime nozze assunsero il cognome Cavriani-Arrigoni. Ottenne il riconoscimento del titolo marchionale con Decreto Ministeriale italiano del 1873;
  • Giovan Francesco Cavriani, (Sustinente 16-11-1834/30-1-1871), maggiore nella Guardia Nazionale di Mantova; Sposato con Beatrice Castiglioni
  • Tullo Cavriani (Sustinente 16-12-1842/30-5-1915), signore di Sacchetta e parente del pretendente ducale Achille Gonzaga poiché sposò Costanza Gonzaga;
  • Antonio Cavriani (Mantova 9-4-1834/21-5-1919),Sposa Camilla Dal Verme, Figlia del Conte Don Carlo di Sanguinetto, Principe del S.R.I.,
  • Carlo Cavriani (Mantova 4-11-1879/9-1-1931), Signore di Sacchetta Titolo Riconosciuto con Regio Decreto nel 1920.
  • Giuseppe Cavriani (Mantova 14-03-1879/1-09-1932),Ministro e Plenipotenziario di S.M. Re Vittorio Emanuele III, Signore di Sacchetta.
  • Massimiliano Cavriani (Sustinente 21-09-1873 / 12-08-1957), Signore di Sacchetta: Titolo Non Riconosciuto dal Fascismo. Sposato con Ippolita Cavriani Arrigoni, Deportata nelle Alpi Durante la Repubblica Sociale Italiana.
  • Alessandro Cavriani, (Mantova, 21-06 1911 – Asinara, 9-08-1943), eroe di guerra;
  • Aliana Cavriani (Mantova 12-6-1933),
  • Gianfrancesco Cavriani (Mantova 31-10-1874/30-04-1946), signore di Sacchetta;
  • Carlo Cavriani (Mantova 7-4-1876/30-4-1962), sacerdote della chiesa di Sacchetta;
  • Luigi Guido Cavriani (Sustinente 9-06-1885 / 20-07-1972), signore di Sacchetta, dirigente del Partito Socialista Italiano a Mantova;
  • Federico Cavriani (Genova 6-02-1935), è l'attuale rappresentante della famiglia Cavriani, residente a Mantova e pretendente allo storico titolo di Signore di Sacchetta e Marchese delle Terre di Famiglia..
  • Carlo Cavriani (Ostiglia 16-11-1947),Signore di Sacchetta e Membro del Consiglio Comunale di Sustinente
  • Alessandro Cavriani (Mantova 5-1-1978), Signore di Sacchetta


Oltre a Mantova anche in Austria ci sono stati membri della famiglia Cavriani nell'esercito asburgico e nell'amministrazione:

I Cavriani costruirono nella cripta della Michaelerkirche (Chiesa di S. Michele) di Vienna la loro tomba di famiglia laica. Avevano come margravio di tre generazioni un seggio ereditario nella Camera dei signori d'Austria, prima Camera rappresentativa austriaca.

Arma

Lo stemma originario della famiglia è costituito da tre strisce bianche su sfondo nero. Lo stemma si trova in forma modificata, a seconda della linea collaterale. Lo stemma comunale della località Mitterndorf an der Fischa nella Bassa Austria si basa sullo stemma dei Cavriani.

Possedimenti

Palazzo Cavriani a Vienna nel 1730
  • Palazzo Cavriani a Mantova, in via Trento, fu dal Quattrocento la dimora della famiglia e venne ricostruito nel 1756 dall'architetto Alfonso Torreggiani. L'esterno presenta una serie di finestre con robuste inferriate, mentre quelle del piano superiore hanno coperture triangolari e a semiluna. L'interno si apre con un ampio salone ricco di stucchi e affreschi di pittori mantovani tra i quali Giuseppe Bazzani e Francesco Maria Raineri.
Mozzecane, Villa Vecelli, Cavriani

Dopo l'annessione di Mantova da parte dell'Austria, la famiglia acquistò della proprietà nell'Impero asburgico. Queste includono il castello di Bad Kreuzen, il castello di pietra di Mauthausen, il castello di Wartberg ob der Aist, il castello di Unterweitersdorf e il castello di Seibersdorf (Bassa Austria). In Boemia e Moravia sono stati in loro possesso i villaggi di Veselá u Častrova e Letohrad e ha preso il loro nome il villaggio della Moravia Kavriánov, nel comune di Saratice.

A Vienna costruirono il Palazzo Cavriani.

Note

  1. ^ SustinenteOnLinE - Parrocchia di Sacchetta - Il castello Maggiorasco
  2. ^ Graziella Scavazza, Oratorio Cavriani, finito il restauro da 150mila euro, Gazzetta di Mantova, 20 maggio 2012. URL consultato il 14 gennaio 2014.

Bibliografia

  • Cesare Cantù, Grande illustrazione del Lombardo-Veneto. Mantova e la sua provincia. Volume quinto, Milano, 1859. (ISBN non esistente).
  • Daniela Ferrari (a cura di), I Cavriani, una famiglia mantovana, Sometti, 2012. ISBN 978-88-7495-449-0

Collegamenti esterni

Altri progetti








Creative Commons License