Cecilia Gonzaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi con questo nome, vedi Cecilia Gonzaga (disambigua).
Marchesato di Mantova
Gonzaga
Coat of arms of the House of Gonzaga (1433).svg

Gianfrancesco
Ludovico III
Federico I
Francesco II
Federico II
Modifica

Cecilia Gonzaga (Mantova, 1426Mantova, 1451) fu una nobildonna italiana, figlia del primo marchese di Mantova Gianfrancesco I Gonzaga e di Paola Malatesta.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Ultimogenita della coppia marchionale di Mantova, fu educata alla Ca' Zoiosa, la scuola umanistica fondata a Mantova da Vittorino da Feltre. Giovinetta di brillante intelligenza, si dice che all'età di sette anni conoscesse perfettamente il greco antico.

Perché non destinata a una politica matrimoniale, probabilmente per via di ristrettezze economiche che impedirono di crearle un dote adeguata, o perché, promessa sposa a Oddantonio II da Montefeltro, preferì la vita religiosa, dopo la morte del padre avvenuta nel 1444, sciolto il contratto nuziale, il 2 febbraio 1445, accompagnata dai fratelli tra due ali di folla, entrò nel Convento di Santa Lucia[1] a Mantova, dove rimase fino alla morte.

Cecilia è soprattutto famosa per la medaglia che il fratello le fece dedicare nel 1447, forse in compensazione delle sue sventure personali, da Pisanello, dove venne ritratta, sul recto, accanto a un unicorno, simbolo di purezza verginale. La medaglia, per l'eleganza e la purezza di motivi, è considerata il capolavoro dell'artista[2].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Lombardia Beni Culturali. Convento di Santa Lucia, clarisse. (1380 - 1786).
  2. ^ AA.VV., L'opera completa di Pisanello, Rizzoli, Milano 1966, pag. 101.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License