Cecrope Barilli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cecrope Barilli, autoritratto.

Cecrope Barilli (Parma, 2 aprile 1839Parma, 23 giugno 1911) è stato un pittore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Spinto dal padre, iniziò giovanissimo a dedicarsi agli studi pittorici: partecipò come volontario alla II guerra d'indipendenza, combattendo a Palestro.

Per completare la sua formazione artistica, soggiornò lungamente a Firenze (dove studiò i macchiaioli) ed a Parigi, dove ebbe modo di frequentare Gustave Doré, ma dovette tornare in patria dopo lo scoppio della guerra franco-prussiana (1870).

Abile decoratore, la sua opera fu richiesta negli ambienti ufficiali romani e parmigiani (realizzò affreschi per la prefettura e la sala consigliare del palazzo municiple).

Giovane fanciulla romana con un mazzo di fiori (coll. privata) [1]

Nel 1877 dipinse il sipario del nuovo Teatro Comunale di Montecarotto. Nel 1889 venne nominato direttore dell'Accademia Parmense di Belle Arti, e l'anno seguente venne eletto consigliere comunale di Parma.

La maggior parte delle sue opere è oggi conservata presso collezioni private: alcuni dipinti sono esposti nella Pinacoteca Stuard e nella Galleria Nazionale di Parma.

Ebbe tre figli: Latino diventò un affermato pittore, Bruno un direttore d'orchestra e Arnaldo uno studioso di storia e arte locale.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Questo dipinto è stato acquistato da un collezionista di Parma nel 2010 ad un'asta a Vienna per 21.040 euro. Torna a casa la bimba di Cecrope.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Roberto Lasagni, Dizionario biografico dei parmigiani, I, Parma, 1999

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License