Centro Stile Fiat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'ingegnere e designer Dante Giacosa, "padre" dello storico Centro Stile FIAT.

Il Centro Stile Fiat, noto dal 2007 anche come Centro Stile Fiat Group Automobiles od Officina 83,[1][2] è la divisione di Fiat Group Automobiles che riunisce tutte le attività relative all'automotive design delle case automobilistiche FIAT, Alfa Romeo, Lancia, Fiat Professional, Abarth e Maserati.

Storiamodifica | modifica sorgente

Anni '50 e '60: Centro Stile FIATmodifica | modifica sorgente

Il primo Centro Stile FIAT, concepito con una organizzazione autonoma ed una sede indipendente, nasce a gennaio del 1959 in via Settembrini 153 a Torino. Nel 1960 è trasferito provvisoriamente in via Correggio e poi trova una collocazione stabile nel 1961 nella palazzina in Strada della Manta 22, dove rimane fino al 2007.

Il Centro Stile FIAT "delle origini" è inquadrato nell'organizzazione della Direzione Superiore Tecnica Autoveicoli e risponde direttamente all'ingegnere Dante Giacosa. Vi operano circa 82 persone suddivise in 8 sezioni in grado di realizzare indipendentemente la carrozzeria di un'automobile: l'ufficio stilisti e disegnatori, il reparto modellazione in plastilina ed in gesso, il reparto falegnameria (per l’allestimento del manichino su cui "battere" la lamiera), il reparto battitura lastra, il reparto assemblaggio e saldatura, il reparto verniciatura ed il reparto selleria.

Durante i primi anni, il Centro Stile FIAT si avvale della consulenza del carrozziere Mario Boano. Nel corso degli anni sessanta, sotto la direzione di Dante Giacosa, il Centro Stile FIAT sviluppa la Fiat 850, la Fiat 124, la Fiat 125, la Fiat 128, la Fiat 130 e l'Autobianchi A112. Sul finire del decennio, dalla cooperazione con il designer Pio Manzù nascono la Fiat 127 e la Fiat 126.

Anni '70 e '80: inglobamento dello stile Lancia ed Alfa Romeomodifica | modifica sorgente

Nel corso degli anni settanta il Centro Stile FIAT sviluppa la Fiat 132 e la Fiat 131 e, sotto la direzione di Gianpaolo Boano, la Fiat Ritmo.

Dalla fine degli anni settanta e nel corso degli anni ottanta il Centro Stile FIAT sviluppa internamente vetture quali la Fiat Argenta, la Fiat Regata e la Autobianchi Y10, e si apre a collaborazioni con carrozzieri e studi esterni (in particolare Italdesign Giugiaro, Pininfarina ed I.De.A Institute). In questo periodo le attività si svolgono sotto la responsabilità dell'architetto Mario Maioli.

In seguito all'acquisizione da parte di FIAT dell'altra casa automobilistica torinese Lancia, nel 1977 Maioli acquisisce la responsabilità del Coordinamento Stile per Lancia e Autobianchi.

Negli anni ottanta, dopo l'entrata di Alfa Romeo nella galassia del Gruppo Fiat, anche lo stile della casa milanese passa sotto la responsabilità del Centro Stile FIAT. Il Centro Stile Alfa Romeo, fondato a Milano nel 1948, mantiene però inizialmente una propria autonomia, dato che non viene inglobato nello stile FIAT (come successo per Lancia e Autobianchi), ma viene soltanto trasferito ad Arese nel 1989, ed affidato alla direzione di Walter De Silva. Nello stesso periodo alla direzione del Centro Stile FIAT si succedono personaggi come l'architetto Ermanno Cressoni, l'ingegnere Leonardo Fioravanti e il designer statunitense Chris Bangle.

Anni '90modifica | modifica sorgente

Nel 1992 viene realizzato il Centro Stile Lancia, con sede presso il Centro Sicurezza di Orbassano, sotto la direzione dell'ingegnere Enrico Fumia, a cui in seguito succede il designer americano Mike Robinson.

L'anno successivo il Centro Stile FIAT, il Centro Stile Lancia ed il Centro Stile Alfa Romeo, pur mantenendo la loro autonomia creativa e la loro sede, vengono riuniti (insieme alle funzioni di Innovazione e di Impostazione) nell'ente Innovazione e Sviluppo Design, sotto la direzione dell'ingegnere Nevio Di Giusto, a cui succedono l'ingegnere Carlo Maria Fugazza nel 1997 e l'architetto Ermanno Cressoni nel 1999. In particolare la direzione del Centro Stile FIAT è affidata al designer americano Peter Davis e successivamente al designer americano Mike Robinson (responsabile in precedenza del Centro Stile Lancia).

Nel corso degli anni novanta sono numerosissime le vetture sviluppate internamente ad opera dei Centri Stile FIAT, Lancia ed Alfa Romeo, tra cui Fiat Cinquecento, Fiat Bravo/Brava, Fiat Marea, Fiat Barchetta, Fiat Coupé, Fiat Seicento, Fiat Multipla, Fiat Punto II, Fiat Stilo, Fiat Doblò, Lancia Y, Lancia Lybra, Lancia Thesis, Alfa Romeo 145, Alfa Romeo 156, Alfa Romeo 166 ed Alfa Romeo 147; nel contempo prosegue una intensa attività di collaborazione con i carrozzieri e gli studi esterni (in particolare Italdesign Giugiaro ed I.De.A Institute).

Anni 2000modifica | modifica sorgente

Nel 2000 il coordinamento dell'ente Stile viene assunto dall'ingegnere Humberto Rodriguez; alla direzione del Centro Stile FIAT si succedono il designer americano Mike Robinson e l'architetto Flavio Manzoni; la direzione del Centro Stile Lancia è assunta dal designer Marco Tencone; mentre alla direzione del Centro Stile Alfa Romeo si succedono il designer greco Andreas Zapatinas ed il designer tedesco Wolfgang Egger. Nel 2000 viene costituito l'ente di Advanced Design, sotto la responsabilità del designer Roberto Giolito.

In questo periodo vengono sviluppate la Fiat Panda (in collaborazione con Bertone ed I.De.A Institute), la Fiat Idea (in collaborazione con Italdesign Giugiaro), la Lancia Ypsilon, l'Alfa Romeo GT (in collaborazione con Bertone) e l'Alfa Romeo 8C Competizione.

Nel 2005 il coordinamento dell'ente Stile viene assunto dal designer americano Frank Stephenson; la direzione del Centro Stile FIAT viene affidata al designer austriaco Christopher Reitz. In questo periodo vengono sviluppate la Fiat Bravo, la Fiat 500 e l'Alfa Romeo MiTo. Nello stesso periodo prosegue l'attività di collaborazione con i carrozzieri e gli studi esterni (in particolare Italdesign Giugiaro).

2007: Centro Stile Fiat Group Automobiles (Officina 83)modifica | modifica sorgente

Il 2 luglio 2007, in un'area riqualificata dello stabilimento di Mirafiori, in via Plava 80, viene inaugurata l'Officina 83, sede del nuovo Centro Stile di Fiat Group Automobiles (Centro Stile FGA), il polo di riferimento per tutte le attività di stile di Fiat Group.[1][2] Qui vengono concepiti i nuovi modelli dei marchi FIAT, Alfa Romeo, Lancia, Abarth, Maserati, FIAT Professional, Iveco e CNH. Responsabile e coordinatore di tutte le attività è dal 1º giugno 2007 l'ingegnere Lorenzo Ramaciotti.[3][4]

Il Centro Stile FGA, al cui interno 200 persone circa, è organizzato in 9 dipartimenti: FIAT e Abarth Style sotto la responsabilità del designer Roberto Giolito; Lancia, Alfa Romeo e Maserati Style sotto la responsabilità del designer Marco Tencone; Fiat Professional, Iveco e CNH Style sotto la responsabilità del designer Peter Jansen; Cross Style sotto la responsabilità di Alberto Dilillo; Color & Material sotto la responsabilità dell’architetto Rossella Guasco; CAS e Pre-Engineering sotto la responsabilità dell'ingegnere Andrea Mainini; Workshop sotto la responsabilità del funzionario Valerio Gullino; Style Planning sotto la responsabilità dell'ingegnere Dario Rebola.

Automobilimodifica | modifica sorgente

Principali concept carmodifica | modifica sorgente

FIAT
  • ESV, Torino 1971
  • X1/23, Torino 1974
  • SCIA, Torino 1993
  • Downtown, Torino 1993
  • Ecobasic, Ginevra 2000
  • Trepiùno, Ginevra 2004
  • Oltre, Bologna 2005
LANCIA
  • Dialogos, Torino 1998
  • Nea, Parigi 2000
  • Stilnovo, Barcellona 2003
  • Fulvia Coupé, 2004
ALFA ROMEO
  • Proteo, Ginevra 1991
  • Nuvola, Parigi 1996
  • Kamal, Ginevra 2003
  • 8C Competizione, Francoforte 2003
  • 4C Concept, Ginevra 2011
MASERATI
  • Kubang, Francoforte 2011

Riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Fiat Multipla
  • Top Gear U.K. Car of the year, London 1999
  • Top Gear U.K. Best Family car, London 1999
  • Top Gear U.K. Best Family car, London 2000
  • Car Design Award, Auto & Design “Best concept car design”, Torino 1996
Fiat Ecobasic
  • Automotive World, “Best Design Team”, Paris 2000
  • Automotive News, “Best Concept Car Interior”, Paris 2000
Fiat 500
  • World Car Design of the Year, New York 2009
  • Premio Innovazione e Ricerca, Presidenza della Repubblica, Roma 2009
Alfa Romeo 156
  • Auto più Bella del Mondo, Automobilia, Italia, 1998
  • Trophee du Design, Automobile Magazine, Francia, 1998
  • European Award of Automotive Designe, Belgio, 1998
  • The Best Performance in Styling, Autovisie, Olanda, 1998
  • Dream Car of the Year, Auto Moto, Polonia, 1998
Alfa Romeo 147
  • Trophées du Design 2000, Automobile Magazine, Francia, 2000
  • Prix Européen du Design Automobile 2001, Belgio, 2001
Alfa Romeo 166 FL
  • L'Automobile più Bella del Mondo (cat. Berline grandi), Automobilia, 2003
Alfa Romeo GT
  • Trophée du Design, L'Automobile Magazine, Francia, 2004
  • L'Automobile più Bella del Mondo (cat. Coupé e cabriolet), Automobilia, 2004
  • The Most Beautiful Car in the Czech Republic, Designers Committee, 2005
Alfa Romeo 8C Competizione
  • Premio Internazionale Villa d'Este, 2004
  • Premio Supercar Festival Automobile International, 2006
Alfa Romeo 8C Spider
  • Premio Internazionale Villa d'Este, 2006
Alfa Romeo MiTo
  • Plus Belle Voiture de l'Année, Festival Automobile International, 2008
  • Die Besten Autos 2009, Stoccarda, 2009

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Nuovo Centro Stile per Fiat Group Automobiles! in autoblog.it, 2 luglio 2007. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  2. ^ a b Sergio Chierici, Inaugurato il nuovo Centro Stile di Fiat Group Automobiles in virtualcar.it, 2 luglio 2007. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  3. ^ (EN) Noah Joseph, Fiat design centralized with legendary Pininfarina designer at the helm in autoblog.com, 2 ottobre 2007. URL consultato il 27 febbraio 2011.
  4. ^ Federica Ratti, Lorenzo Ramaciotti responsabile Style di Fiat Group Automobiles e Maserati in virtualcar.it, 23 maggio 2007. URL consultato il 27 febbraio 2011.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License