Cesare Bertea (ingegnere)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cesare Bertea (Torino, 23 giugno 1866Torino, 18 gennaio 1941) è stato un ingegnere italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Figlio maggiore del pittore paesaggista Ernesto Bertea e di Eleonora Vicino, frequentò prima il Liceo Classico e poi la Scuola di Applicazione per Ingegneri di Torino, conseguendo nel 1889 la laurea in ingegneria civile[1].

Nel 1891 iniziò a lavorare come ingegnere presso l'Ufficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti del Piemonte e della Liguria (la futura Soprintendenza ai Monumenti dei Piemonte e della Liguria), allora diretta dal pittore e architetto Alfredo d'Andrade[1].

Durante gli anni di lavoro alla Soprintendenza curò moltissimi lavori di restauro e consolidamento in Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta. Tra di essi l'Abbazia di Sant'Antonio di Ranverso, la chiesa di San Giovanni di Saluzzo, il castello di Fénis in Valle d'Aosta[2], la Porta Palatina, Palazzo Madama[3] e il Duomo di Torino[1].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c Daniela Brusaschetto e Silvia Savarro, Cesare Bertea (1866-1941):note sul restauro in Piemonte nei primi decenni del Novecento. URL consultato il 26/05/2011.
  2. ^ La storia del castello di Fénis: il Novecento. URL consultato il 26/05/2011.
  3. ^ Palazzo Madama - linea del tempo: 1928 - Il Rotary torinese supporta il recupero del Palazzo. URL consultato il 26/05/2011.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie







Creative Commons License