Cesare Meucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cesare Meucci
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Squadre di club1
1940-1941 Cormons
1941-1942 Derthona Derthona 6 (6)
1942-1943 Cormons
1944 Cormons 12 (0)
1945-1946 Cormons
1946-1947 Atalanta Atalanta 18 (1)
1947-1948 Treviso Treviso 30 (1)
1948-1950 Fiorentina Fiorentina 30 (0)
1950-1953 Prato Prato 87 (7)
1953-1955 Piombino Piombino 64 (4)
1955-1957 Cecina Cecina 46 (6)
1957-1958 Massese Massese 22 (2)
Carriera da allenatore
1959-62 Prato Prato
1962-63 Perugia Perugia
1963-64 Pisa Pisa
1964-66 Arezzo Arezzo
1967-69 Cesena Cesena
1969-70 Massese Massese
1970-72 SPAL SPAL
1972-73 Venezia Venezia
1973-74 Modena Modena
1974-75 Venezia Venezia
1975-77 Rimini Rimini
1977-78 Livorno Livorno
1978-1979 Prato Prato
1979-1980 Latina Latina
1980-1982 Fucecchio Fucecchio
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Cesare Meucci (Cormons, 2 settembre 1921) è un ex calciatore e allenatore di calcio italiano.

Carriera da giocatoremodifica | modifica sorgente

Centrocampista cresciuto nelle serie minori, arriva nel grande calcio grazie al passaggio all'Atalanta nella stagione 1946-1947, con la quale esordisce in Serie A. In quella stagione svolge il suo compito di gregario del centrocampo senza tuttavia eccellere, tolgiendosi tuttavia la soddisfazione di andare a segno contro il Grande Torino in occasione dell'incontro disputato al Filadelfia il 1º giugno 1947 e vinto dai granata per 5 a 3[1]

Viene quindi ceduto al Treviso in Serie B, dove disputa una buona stagione, al termine della quale ritorna nel massimo campionato grazie al passaggio alla Fiorentina. Con i gigliati disputa due stagioni, senza riuscire ad imporsi come titolare fisso (30 presenze complessive) dopodiché viene ceduto al Prato in Serie C. Conclude quindi la carriera da calciatore in società toscane nei campionati minori.

In carriera ha totalizzato complessivamente 48 presenze ed una rete in Serie A, e 30 presenze ed una rete in Serie B.

Carriera da allenatoremodifica | modifica sorgente

Tra le molte esperienze da allenatore si segnalano le cinque promozioni dalla Serie C alla Serie B con il Prato nella stagione 1959-60, l'Arezzo nel 1965-66, il Cesena nel 1967-68, la Massese nel 1969-70 ed il Rimini nel 1975-76. Fu poi, sempre in Serie C, alla guida della SPAL tra 1970 e il 1972 ottenendo un secondo ed un terzo posto. Ha inoltre guidato il Perugia nel 1964, il Pisa nel 1965 ed il Venezia in due riprese, prima nel 1973 poi nel 1975 con un intervallo, nel 1974 in cui allenò il Modena e quindi al Livorno nel 1978. In seguito scese in Serie C2 tornando a Prato nel 1979 e poi a Latina nel 1980, per poi conquistare la promozione al Campionato Interregionale con il Fucecchio e sfiorare una storica promozione in Serie C2 nel 1981-82.

Meucci, nella sua singolare ed interessante carriera di allenatore, venne quindi considerato una sorta di mago della Serie C ma non riuscì mai ad andare significativamente oltre questa categoria: infatti quando fu confermato in Serie B dalle squadre neopromosse, Prato, Arezzo e Rimini, non ebbe particolare fortuna. Di carattere non facile, a tratti duro, fu considerato un autentico sergente di ferro, scaramantico al punto che, se si convinceva che un abito gli portasse fortuna, seguitava ad indossarlo per diverse domeniche sino a quando i risultati si rivelavano positivi.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

  • Dario Marchetti (a cura di), Cesare Meucci in Enciclopediadelcalcio.it, 2011.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Serie A 1946-1947 Rsssf.com







Creative Commons License