Cesare Uva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cesare Uva (Avellino, 11 novembre 1824Napoli, 16 febbraio 1886) è stato un pittore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Avviato all'arte dal padre Mariano, pittore "ornamentista, frequentò la bottega di Gabriele Smargiassi e poi l'Accademia di Belle Arti (Napoli). Cesare è un pittore naturalista, dipinse una celebre veduta della Piazza Libertà di Avellino, dipinto preso come riferimento per un progetto di riqualificazione della principale piazza del capoluogo irpino, oltre a numerose altre vedute di Avellino, dell'Irpinia, di Napoli e della Campania. Cesare Uva è comunque un pittore minore della scuola napoletana del diciannovesimo secolo. Le sue opere si trovano principalmente in collezioni private, oltre che: presso il Palazzo Comunale di Avellino, il Palazzo della Provincia di Avellino, la Chiesa di S. Maria del Carmine (XV - XVII sec) di Montefredane.

Opere nei museimodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Giuseppe Aurelio Lauria:"Un buffalo dipinto di Cesare Uva" Napoli, 1879
  • Andrea Massaro: "Cesare Uva pittore avellinese". Lioni (AV), 1986
  • Riccardo Sica: "Pittori irpini dell'Ottocento". Elio Sellino editore, Pratola Serra (AV) 2001







Creative Commons License