Progettazione di personaggi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Character designer)

La Progettazione di personaggi, spesso indicata anche con le espressioni inglesi Character design e Chara design è, nel mondo dell'animazione e del fumetto, quella parte del lavoro che consiste nello studio grafico e nella caratterizzazione, in parte anche psicologica, dei personaggi della storia creati dall'autore.

In particolare, il disegnatore che se ne occupa (quando non sia l'autore stesso, come quasi sempre accade nei fumetti) è generalmente indicato come "progettista di personaggi" o, in inglese, character designer. Tale professionista, attraverso una serie di prove grafiche dette schizzi preparatori o model-sheet, in lingua giapponese settei (設定 settei?), è chiamato a dare ai personaggi il massimo dell'espressività con il minimo dei tratti: deve occuparsi, quindi, di fissarne la fisionomia, le proporzioni tra le varie parti del corpo, le principali espressioni, l'atteggiamento e la postura, la pettinatura, l'abbigliamento, fornendo così una sorta di guida di riferimento il più semplice possibile da riprodurre per gli animatori che dovranno farli "muovere".[1]

Nell'ambito dell'animazione giapponese, tale figura professionale si è evoluta in maniera specifica ed autonoma grazie a personaggi come Yasuji Mori, Kazuo Komatsubara, Shingo Araki, Yoshikazu Yasuhiko e Yoshiyuki Sadamoto.[2]

Nel caso di anime tratti da videogiochi o romanzi illustrati viene spesso citato anche il character designer originale, detto character gen'an (キャラクター原案 kyarakuta gen'an?) in giapponese, ossia colui o colei che per la prima volta ha concepito i personaggi successivamente "reinterpretati" dal character designer dell'anime. Un esempio è in Clannad, in cui il character design originale di Itaru Hinoue costituì il modello seguito da Kazumi Ikeda, a cui si deve il character design della serie animata.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Elena Vitagliano. Il character designer, in AA.VV., Con gli occhi a mandorla. Sguardi sul Giappone dei cartoon e dei fumetti, Tunué, 2007, p. 267.
  2. ^ Scott Frazier. (1997) Titles and positions in japanese animation industry.







Creative Commons License