Charles Vilain XIV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles Ghislain Guillaume Vilain XIV

Il visconte Charles Ghislain Guillaume Vilain XIV (Bruxelles, 15 maggio 1803Leuth, 16 novembre 1878) è stato un politico belga. Di forti tendenze cattoliche, era fiero oppositore delle politiche di Guglielmo d'Orange, sostenendo che fossero eccessivamente dispotiche, in particolare riguardo alla libertà di insegnamento.

Nel 1831 divenne membro del Congresso Nazionale, e portò lì le sue battaglie in difesa delle libertà minacciate e del monocameralismo belga. Votò a favore della candidatura di Auguste de Leuchtenberg al trono del Belgio, ma decise poi di appoggiare Léopold de Saxe-Cobourg-Gotha, ritenendolo più capace come regnante.

In seguito fu nominato ambasciatore presso la Santa sede e gli altri stati italiani (1832-1834), incarico rinnovato per il periodo 1835-1839). Divenne quindi vicepresidente della Camera belga (1843-1847 e 1852-1855). Infine raggiunse l'apice della carriera politica con la nomina nel 1855 a ministro per gli affari esteri, posto che occupò per due anni -fino al 1857- difendendo ancora una volta le libertà del popolo belga contro le pressioni di Napoleone III. Lasciato il ministero, restò deputato fino alla morte, avvenuta nel 1878.








Creative Commons License