Chiesa cattolica in Ungheria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica in Ungheria
Emblem of the Holy See usual.svg
Budapest, St. Stephen's Basilica C16.jpg
Basilica di Santo Stefano a Budapest
Anno 2004
Cattolici 6 milioni
Popolazione 10 milioni
Primate Péter Erdő
Nunzio apostolico Alberto Bottari de Castello
Codice UH

La Chiesa cattolica in Ungheria conta circa sei milioni di battezzati su una popolazione totale di circa 10 milioni di persone.

Suddivisioni ecclesiastichemodifica | modifica sorgente

Diocesi cattoliche d'Ungheria

Nell'ambito dell'organizzazione ecclesiastica romano-cattolica, dal 1993 (con una ristrutturazione territoriale che tiene conto, tra l'altro, anche delle perdite territoriali subite dall'Ungheria con il Trattato del Trianon) l'Ungheria è divisa nelle seguenti diocesi o arcidiocesi:

Storiamodifica | modifica sorgente

Nell'XI secolo l'Ungheria fu divisa da Santo Stefano in undici diocesi[1]:

Nel XIV secolo, ai tempi di Luigi il Grande, vennero aggiunte le seguenti nuove diocesi:

  • Gran Varadino (ricavata dal territorio della diocesi di Eger)
  • Nitra (dal territorio settentrionale della diocesi di Strigonio)
  • Diocesi di Sibiu (dalla diocesi transilvana)

Nello stesso periodo il Regno d'Ungheria si estese fino a comprendere le seguenti diocesi:

Nel XVIII secolo vennero create le seguenti nuove diocesi:

Nunziatura apostolicamodifica | modifica sorgente

Santa Sede ed Ungheria hanno stabilito relazioni diplomatiche nel 1920. Queste sono state interrotte dopo la seconda guerra mondiale, quando i comunisti presero il potere nel Paese. Le relazioni diplomatiche sono riprese a partire dal 2 febbraio 1990.

Nunzi apostolicimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Szent István Társulat [Società Santo Stefano], Magyar Katolikus Lexikon, Budapest, 1993-2000, vol. II, pp. 516-517

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

  • (HUITENDE) Sito ufficiale della Conferenza dei vescovi cattolici ungheresi







Creative Commons License