Chiusa di San Michele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiusa di San Michele
comune
Chiusa di San Michele – Stemma Chiusa di San Michele – Bandiera
Il paese visto dal truc del Serro
Il paese visto dal truc del Serro
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Torino-Stemma.svg Torino
Sindaco Domenico Usseglio (lista civica) dal 14/06/2004
Territorio
Coordinate 45°06′00″N 7°19′00″E / 45.1°N 7.316667°E45.1; 7.316667 (Chiusa di San Michele)Coordinate: 45°06′00″N 7°19′00″E / 45.1°N 7.316667°E45.1; 7.316667 (Chiusa di San Michele)
Altitudine 378 m s.l.m.
Superficie 6 km²
Abitanti 1 701[1] (30-09-2011)
Densità 283,5 ab./km²
Frazioni Basinatto, Bennale, Molè
Comuni confinanti Caprie, Coazze, Condove, Sant'Ambrogio di Torino, Vaie, Valgioie
Altre informazioni
Cod. postale 10050
Prefisso 011
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 001081
Cod. catastale C655
Targa TO
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti Chiusini
Patrono San Pietro e san Paolo
Giorno festivo 29 giugno
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Chiusa di San Michele
Localizzazione del Comune di Chiusa di San Michele nella Provincia di Torino.
Localizzazione del Comune di Chiusa di San Michele nella Provincia di Torino.
Sito istituzionale

Chiusa di San Michele (Ciusa San Michel in piemontese, Kiusa in francoprovenzale, L'Écluse in francese) è un comune italiano di 1.701 abitanti della provincia di Torino originariamente detto 'Clausae Longobardorum' (Chiuse longobarde) dal nome dell'omonima fortificazione.

Si trova in Val di Susa e fa parte della Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone.

Monumenti e luoghi d'interessemodifica | modifica sorgente

Chiuse longobardemodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Chiuse longobarde.
Cappella sconsacrata di San Giuseppe ora planetario a Chiusa San Michele. Al piano inferiore resti archeologici ipotizzati fortificazione altomedievale

Sul territorio comunale vi sono dei resti di mura che fanno pensare alle celebri Chiuse longobarde: Chiusa di San Michele da sempre viene associato alle fortificazioni longobarde, che servivano a difendere il Regno longobardo dal Regno dei Franchi e che secondo la tradizione storica vennero aggirate da Carlo Magno. La conformazione orografica della valle, che qui presenta uno dei punti più stretti del suo tratto iniziale, tende a confermare questa ipotesi: si può tratteggiare una linea immaginaria che, con orientamento sud-nord, andrebbe dalla frazione Borgo Pracchio di Chiusa di San Michele sul versante sud della valle, alla zona del Castello del Conte Verde in comune di Condove sul versante nord della valle.

La tradizione locale identificava come mura longobarde alcuni muraglioni costruite lungo il rio Pracchio di Chiusa di San Michele, probabilmente a difesa dell'abitato dalle alluvioni, la cui origine non è però meglio precisata. A destare interesse tra gli studiosi è invece stata in anni recenti una costruzione posta sempre lungo l'immaginaria linea di imbocco della valle, più lontano dall'attuale corso del rio e nei pressi della centrale piazza della Repubblica.

L'ambiente sottostante a una cappella sconsacrata, detta di San Giuseppe, ha sollevato gli interrogativi degli archeologi: sono state rinvenute mura antiche, di incerta datazione, ma che possono far pensare a una fortificazione altomedioevale, si ipotizza una torre con quattro torrette angolari[2]. Si tratta di un ambiente quadrato, con ai quattro angoli smussature che fanno pensare a piccole torrette di due metri di diametro.

Cappella di Santa Crocemodifica | modifica sorgente

Antica cappella posta all'ingresso ovest del paese, posta su un rilevato fra il rio Pracchio e il Borgo del Rustico. Presenta davanti alla facciata un ampio sagrato, piuttosto antico.

Chiesa parrocchialemodifica | modifica sorgente

La chiesa parrocchiale, completamente ristrutturata in anni recenti, presenta un'aula di ampie dimensione con due navate minori e un coro restrostante l'altare maggiore.

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze stranieremodifica | modifica sorgente

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 138 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Romania Romania 86 5,09%

Escursioni e accesso alla Sacra di San Michelemodifica | modifica sorgente

Il sentiero da Chiusa San Michele alla Sacra di San Michele

Dal paese si possono compiere diverse escursioni, nel bosco vicino alla Sacra di San Michele, verso le frazioni o in direzione dei paesi vicini. Un antico sentiero, lastricato in pietra e completamente ombreggiato dal bosco, conduce in circa 1,15 h con una escursione a portata di tutti alla Sacra di San Michele, che sovrasta il paese dai 962 metri del Monte Pirchiriano, con un dislivello di poco meno di 600 metri. Una strada secondaria di collegamento ai paesi vicini (S.Ambrogio verso Torino e Vaie verso Susa), completamente pianeggiante, è chiusa al traffico la domenica e i giorni festivi per consentire escursioni a piedi o in bicicletta.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2011.
  2. ^ Si veda la Scheda sul sito archeologico pubblicata in www.ValleSusa-Tesori.it: http://www.vallesusa-tesori.it/contents/attached/c15/13_Schede_Introduttive_Siti_13_Chiuse_SGiuseppe_ChiusaSMichele.pdf
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di arte religiosa alpina, Valle di Susa, Borgone Susa 2009
  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di Cultura e Natura alpina Valle di Susa, Borgone Susa 2010

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

  • Scheda sulle Chiuse longobarde: [1]
  • Scheda sui resti nella Cappella di S. Giuseppe: [2]
  • Sito del comune di Chiusa di San Michele: www.comune.chiusadisanmichele.to.it

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte







Creative Commons License