Cittadinanza sammarinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coat of arms of San Marino.svg

La cittadinanza sammarinese è disciplinata dalla Legge 30 novembre 2000 n. 114[1], e dalla sua successiva modificazione con Legge 17 giugno 2004 n. 84[2], secondo cui ai sensi dell'art. 1, stabilisce che sono cittadini sammarinesi per origine:

  • i figli di padre e madre entrambi cittadini sammarinesi;
  • i figli di cui un solo genitore è cittadino sammarinese, a condizione che entro il termine perentorio di dodici mesi dal raggiungimento della maggiore età dichiarino di voler mantenere la cittadinanza da questo trasmessa;
  • i figli di genitore sammarinese se l'altro genitore è ignoto o apolide;
  • gli adottati da cittadino sammarinese conformemente alle norme sull’adozione ed ai sensi dei punti precedenti;
  • i nati nel territorio della Repubblica se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi.

Inoltre, si ottiene la naturalizzazione e la cittadinanza[3]:

  • dopo aver dimorato effettivamente per 30 anni continuativi nel territorio della Repubblica;
  • il periodo di cui sopra è ridotto a 15 anni per il coniuge di cittadino o di cittadina sammarinese.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Legge 30 novembre 2000 n. 114 LEGGE SULLA CITTADINANZA. URL consultato il 23 agosto 2008.
  2. ^ Legge 17 giugno 2004 n. 84 Modifiche alla Legge 30 novembre 2000 n. 114 (legge sulla cittadinanza). URL consultato il 23 agosto 2008.
  3. ^ Legge 30 novembre 2000 n. 115 DISPOSIZIONI STRAORDINARIE SULLA NATURALIZZAZIONE. URL consultato il 23 agosto 2008.
San Marino Portale San Marino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di San Marino







Creative Commons License