Club Brugge Koninklijke Voetbalvereniging

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Club Brugge K.V.
Calcio Football pictogram.svg
Club Brugge KV.png
Blauw en Zwart (Blu-Neri)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Azzurro e Nero (Strisce).png Blu-nero
Dati societari
Città Bruges
Paese Belgio Belgio
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Belgium.svg URBSFA/KBVB
Fondazione 1891
Presidente Belgio Bart Verhaeghe
Allenatore Belgio Michel Preud'homme
Stadio Stadio Jan Breydel
(29,997 posti)
Sito web www.clubbrugge.be
Palmarès
Titoli nazionali 13 Campionati belgi
Trofei nazionali 10 Coppe del Belgio
13 Supercoppe del Belgio
Si invita a seguire il modello di voce

Il Club Brugge (ned. Club Brugge Koninklijke Voetbalvereniging, fr. Football Club Brugeois, abbreviato in Bruges) è una società calcistica belga con sede a Bruges, nelle Fiandre.Gioca nella Pro League, la massima serie del campionato belga.

Fondato nel 1891 come FC Brugeois, il club gioca attualmente nello Stadio Jan Breydel,impianto da 29.997 posti che condivide coi rivali cittadini del Cercle Brugge. I giocatori vestono una maglia a strisce nero-azzurre, mentre la divisa per le trasferte è totalmante bianca.

È la seconda squadra in Belgio per numero di titoli nazionali vinti, dopo l'Anderlecht, grandi rivali degli ultimi anni. Nella sua lunga storia, il Bruges ha conquistato tredici campionati, dieci Coppe del Belgio e tredici Supercoppe del Belgio.

A livello internazionale l'apice è stato raggiunto nel 1978, quando i Blauw en Zwart hanno raggiunto la finale della Coppa dei Campioni; la squadra in precedenza aveva anche raggiunto la finale della Coppa UEFA nel 1976. In entrambe le partite il Bruges è stato però sconfitto dagli inglesi del Liverpool. Attualmente la squadra occupa la 61a posizione del Ranking UEFA.

Storiamodifica | modifica sorgente

La squadra campione nel 1920

L'anno ufficiale di fondazione del Bruges, nato come FC Brugeois, è il 1891; il club prende parte alla prima edizione campionato belga nella stagione 1895-1896. Nel 1897 l'FC Brugeois si unisce al Brugsche FC, e il club continua col vecchio nome. Un'altra fusione avviene nel 1902, quando alla squadra si unisce anche il Vlaamsche FC.

L'FC Brugeois ottiene un primo risultato di rilievo nel campionato 1909-1910: al termine del torneo la squadra arriva a pari punti con l'Union Saint-Gilloise, ed è quindi necessario effettuare uno spareggio per decretare il vincitore del titolo; la partita viene però vinta però dai rivali. Le due squadre si affrontano nuovamente nel 1914, nella finale delle coppa nazionale che i Blauw en Zwart raggiungono per la prima volta, ma sono ancora questi ultimi ad avere la peggio.

Il club conquista il primo titolo belga al termine del campionato 1919-1920, e retrocede una prima volta al termine del campionato 1927-1928. Riconquista subito la massima divisione, e trascorre gli anni trenta quasi interamente in Division I. Retrocede nuovamente nella stagione 1938-1939; questa volta il club rimane lontano dalla massima divisione per lungo tempo.

L'FC Brugeois torna a giocare nel massimo campionato nella stagione 1959-1960, ed ha in Fernand Goyvaerts uno degli elementi di spicco. Successivamente arrivano altri giocatori quali Raoul Lambert, Erwin Vandendaele e Fons Bastijns, e nella seconda metà degli anni sessanta il club ottiene due secondi posto in campionato e la prima Coppa del Belgio, datata 1968. Al gruppo si aggiunge anche Henk Houwaart, e nel 1970 la squadra conquista anche la seconda coppa. I Blauw en Zwart ottengono un primo risultato di rilievo in campo europeo nella Coppa delle Coppe 1970-1971, dove approdano nei quarti di finale e vengono qui eliminati dai futuri campioni del Chelsea. Nel 1972 la squadra cambia nome in Club Brugge; vengono ingaggiati Georges Leekens e Ruud Geels, e la squadra, allenata da Leo Canjels, torna a vincere il titolo dopo più di cinquant'anni; tuttavia nella prima esperienza in Coppa dei Campioni, a cui partecipa anche il nuovo acquisto Julien Cools, i belgi vengono eliminati negli ottavi dal Basilea.

Nel 1974 si aggiungono al gruppo Birger Jensen, René Vandereycken e non ultimo l'allenatore Ernst Happel, che già aveva ottenuto grandi risultati col Feyenoord, e la squadra ottiene un quarto posto in campionato. Nella stagione 1975-1976, invece, i Blauw en Zwart vincono il terzo titolo; in campo internazionale ottengono un risultato prestigioso approdando alla finale della Coppa UEFA. In questa manifestazione i belgi eliminano tra gli altri la Roma negli ottavi e il Milan nei quarti, mentre in finale incontrano il Liverpool: sono però gli inglesi a conquistare la coppa, vincendo 3-2 la partita di andata in casa, e pareggiando 1-1 il ritorno in Belgio. Nella stagione successiva il club partecipa alla Coppa dei Campioni 1976-1977, dove viene eliminato nei quarti dai futuri vice-campioni del Borussia Mönchengladbach; in patria la squadra conquista sia il titolo che la coppa, realizzando così un double.

La stagione 1977-1978 è forse la migliore nella storia del club: il Bruges raggiunge la finale nella Coppa dei Campioni. I belgi eliminano tra gli altri la Juventus in semifinale, e si apprestano a giocare la finale di Londra. Qui incontrano nuovamente il Liverpool, a cui basta un gol di Kenny Dalglish per aggiudicarsi la coppa. In patria la squadra conquista il terzo titolo consecutivo. Questo è l'ultimo titolo con Happel, che in questa stagione è seduto contemporaneamente anche sulla panchina della nazionale olandese, squadra che qualche mese dopo sarà vice-campione mondiale.

Il Bruges torna al successo in campionato nella stagione 1979-1980, un anno dopo l'ingresso in squadra di Jan Ceulemans; l'anno successivo i Blauw en Zwart vincono la prima edizione della Supercoppa del Belgio, tuttavia nella prima parte degli anni ottanta, nonostante l'ingaggio di giocatori come Marc Degryse e Franky Van Der Elst, non arrivano altri trofei. Per la stagione 1985-1986 viene tesserato il futuro Pallone d'oro Jean-Pierre Papin, e il Bruges può festeggiare la quarta coppa nazionale. L'anno successivo arriva il settimo titolo, e si registra nuovamente un buon risultato in campo europeo con il raggiungimento delle semifinali nella Coppa UEFA 1987-1988, dove il Bruges viene eliminato dall'Espanyol.

L'esultanza per la vittoria della Jupiler League nel 2005

La stagione 1989-1990 vede il Bruges conquistare l'ottavo titolo: il capocannoniere del campionato è Frank Farina, mentre in porta nei Blauw en Zwart c'è Dany Verlinden. Nella stagione successiva il Bruges viene eliminato negli ottavi di Coppa dei Campioni dal Milan, tuttavia in patria alla fine arrivano sia la Supercoppa la che Coppa, che è il biglietto d'ingresso per la Coppa delle Coppe 1991-1992: qui la compagine belga, con in squadra anche il nuovo acquisto Paul Okon, raggiunge nuovamente le semifinali in una competizione europea, ma fermato questa volta dal Werder Brema poi vincitore del trofeo; a fine stagione arriva il nono titolo.

Negli anni seguenti vengono alcuni degli acquisti sono Gert Verheyen, Mario Stanić e Robert Špehar. Il Bruges conquista il decimo titolo e la settima Coppa nella stagione 1995-1996, e Stanić è capocannoniere; dopo due stagioni arriva l'undicesimo titolo; questo è seguito da quattro secondi posto in campionato, e nel frattempo arriva anche Timmy Simons.

I Blauw en Zwart tornano al successo nella stagione 2002-2003, e l'anno successivo accedono per la terza volta alla fase a gruppi della Champions League dove incontrano nuovamente il Milan che vince il girone. In quella stagione la squadra conquista però sia l'undicesima Supercoppa che la nona Coppa. Il tredicesimo titolo arriva invece nella stagione 2004-2005, e la squadra accede nuovamente ai gironi della Champions League, dove incontra la Juventus che vince il gruppo. Il Bruges si classifica nuovamente al terzo posto e va in Coppa UEFA, dove viene eliminato dalla Roma nei sedicesimi.

Dopo due stagioni in cui il club conquista la tredicesima Supercoppa e la decima Coppa si arriva alla stagione 2007-2008, in cui scompare tragicamente François Sterchele. Nella stagione 2010-2011 il capocannoniere del campionato è Ivan Perišić e nella stagione 2012-2013 Carlos Bacca. A metà della stagione 2013-2014 viene ingaggiato come allenatore Michel Preud'homme.

Cronistoriamodifica | modifica sorgente

Cronistoria del Club Brugge
  • 1891: fondazione del club


Perde 1-0 lo spareggio per il titolo contro l'Union Saint-Gilloise

Finalista nella Coppa del Belgio.
  • 1914-15 · Non disputato
  • 1915-16 · Non disputato
  • 1916-17 · Non disputato
  • 1917-18 · Non disputato
  • 1918-19 · Non disputato
  • 1919-20 Belgio Campione del Belgio (1º titolo).

  • 1920-21 · 4º in Division I.
  • 1921-22 · 9º in Division I.
  • 1922-23 · 8º in Division I.
  • 1923-24 · 9º in Division I.
  • 1924-25 · 11º in Division I.
  • 1925-26 · 10º in Division d'Honneur.
  • 1926-27 · 8º in Division d'Honneur.
  • 1927-28 1downarrow red.svg 12º in Division d'Honneur. Retrocesso in Division 1
  • 1928-29 1uparrow green.svg 1º in Division 1.. Promosso in Division d'Honneur
  • 1929-30 · 6º in Division d'Honneur.

  • 1930-31 · 5º in Division d'Honneur.
  • 1931-32 · 11º in Division d'Honneur.
  • 1932-33 1downarrow red.svg 13º in Division d'Honneur. Retrocesso in Division 1
  • 1933-34 · 3º in Division 1.
  • 1934-35 1uparrow green.svg 1º in Division 1.. Promosso in Division d'Honneur
  • 1935-36 · 9º in Division d'Honneur.
  • 1936-37 · 10º in Division d'Honneur.
  • 1937-38 · 5º in Division d'Honneur.
  • 1938-39 · 14º in Division d'Honneur.
  • 1939-40 · Non disputato

  • 1940-41 · Non disputato
  • 1941-42 ·
  • 1942-43 ·
  • 1943-44 ·
  • 1944-45 · Non disputato
  • 1945-46 ·
  • 1946-47 ·
  • 1947-48 ·
  • 1948-49 ·
  • 1949-50 ·

  • 1950-51 ·
  • 1951-52 ·
  • 1952-53 · 8º in Division II.
  • 1953-54 · 12º in Division II.
  • 1954-55 · 3º in Division II.
  • 1955-56 · 6º in Division II.
  • 1956-57 · 9º in Division II.
  • 1957-58 · 5º in Division II.
  • 1958-59 1uparrow green.svg 1º in Division II. Promosso in Division I
  • 1959-60 · 13º in Division I.

Eliminato nel primo turno della Coppa delle Fiere.
Vince la Coppa del Belgio (1º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Fiere.
Vince la Coppa del Belgio (2º titolo).

Eliminato nei quarti della Coppa delle Coppe.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
  • 1972-73 Belgio Campione del Belgio (2º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
  • 1974-75 · 4º in Division I.
  • 1975-76 Belgio Campione del Belgio (3º titolo).
Finalista nella Coppa UEFA.
  • 1976-77 Belgio Campione del Belgio (4º titolo).
Eliminato nei quarti della Coppa dei Campioni.
Vince la Coppa del Belgio (3º titolo).
  • 1977-78 Belgio Campione del Belgio (5º titolo).
Finalista nella Coppa dei Campioni.
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Finalista nella Coppa del Belgio.
  • 1979-80 Belgio Campione del Belgio (6º titolo).

Vince la Supercoppa del Belgio (1º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa dei Campioni.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Vince la Coppa del Belgio (4º titolo).
Vince la Supercoppa del Belgio (2º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa delle Coppe.
  • 1987-88 Belgio Campione del Belgio (7º titolo).
Semifinalista nella Coppa UEFA.
Vince la Supercoppa del Belgio (3º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
  • 1989-90 Belgio Campione del Belgio (8º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.

Eliminato nel secondo turno della Coppa dei Campioni.
Vince la Supercoppa del Belgio (4º titolo).
Vince la Coppa del Belgio (5º titolo).
  • 1991-92 Belgio Campione del Belgio (9º titolo).
Vince la Supercoppa del Belgio (5º titolo).
Semifinalista nella Coppa delle Coppe.
Vince la Supercoppa del Belgio (6º titolo).
Eliminato nella fase a gruppi della Champions League.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Vince la Supercoppa del Belgio (7º titolo).
Eliminato nei quarti della Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa del Belgio (6º titolo).
  • 1995-96 Belgio Campione del Belgio (10º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa delle Coppe.
Vince la Coppa del Belgio (7º titolo).
Vince la Supercoppa del Belgio (8º titolo).
Eliminato nel turno preliminare della Champions League.
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA.
  • 1997-98 Belgio Campione del Belgio (11º titolo).
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Vince la Supercoppa del Belgio (9º titolo).
Eliminato nel secondo turno preliminare della Champions League.
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.

Eliminato nei sedicesimi della Coppa UEFA.
Eliminato nei sedicesimi della Coppa UEFA.
Vince la Coppa del Belgio (8º titolo).
  • 2002-03 Belgio Campione del Belgio (12º titolo).
Vince la Supercoppa del Belgio (10º titolo).
Eliminato nella fase a gruppi della Champions League.
Eliminato nei sedicesimi della Coppa UEFA.
Vince la Supercoppa del Belgio (11º titolo).
Eliminato nella fase a gruppi della Champions League.
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA.
Vince la Coppa del Belgio (9º titolo).
  • 2004-05 Belgio Campione del Belgio (13º titolo).
Vince la Supercoppa del Belgio (12º titolo).
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nella fase a gruppi della Coppa UEFA.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Vince la Supercoppa del Belgio (13º titolo).
Eliminato nella fase a gruppi della Champions League.
Eliminato nei sedicesimi della Coppa UEFA.
Eliminato nella fase a gruppi della Coppa UEFA.
Vince la Coppa del Belgio (10º titolo).
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Eliminato nella fase a gruppi della Coppa UEFA.
Eliminato nei sedicesimi dell'Europa League.

Eliminato nella fase a gruppi dell'Europa League.
Eliminato nei sedicesimi dell'Europa League.
Eliminato nel terzo turno preliminare della Champions League.
Eliminato nella fase a gruppi dell'Europa League.
  • 2013-14 · In Division I (stagione in corso)
Eliminato nel terzo turno preliminare dell'Europa League

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

1919-1920, 1972-1973, 1975-1976, 1976-1977, 1977-1978, 1979-1980, 1987-1988, 1989-1990, 1991-1992, 1995-1996, 1997-1998, 2002-2003, 2004-2005
1967-1968, 1969-1970, 1976-1977, 1985-1986, 1990-1991, 1994-1995, 1995-1996, 2001-2002, 2003-2004, 2006-2007
1980, 1986, 1988, 1990, 1991, 1992, 1994, 1996, 1998, 2002, 2003, 2004, 2005

Giocatorimodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori del Club Brugge K.V..
Giocatori


Allenatorimodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori del Club Brugge K.V..

Dal 1930 gli allenatori sono stati:

Allenatori


Rosa 2013-2014modifica | modifica sorgente

N. Ruolo Giocatore
2 Norvegia D Tom Høgli
3 Belgio C Timmy Simons (C)
4 Costa Rica D Oscar Duarte
5 Svezia D Fredrik Stenman
7 Burundi A Mohammed Tchité
8 Israele C Lior Refaelov
9 Belgio A Tom De Sutter
10 Danimarca C Jesper Jørgensen
11 Belgio C Jonathan Blondel
13 Spagna C Víctor Vázquez
14 Danimarca D Jim Larsen
15 Cina C Shangyuan Wang
16 Belgio A Maxime Lestienne
17 Polonia A Waldemar Sobota
19 Belgio D Thomas Meunier
21 Australia P Matthew Ryan
22 Islanda A Eiður Guðjohnsen
28 Belgio D Laurens De Bock
30 Cile A Nicolas Castillo
32 Belgio C Vadis Odjidja-Ofoe
33 Serbia P Vladan Kujović
40 Belgio D Björn Engels
41 Belgio C Birger Verstraete
42 Belgio A Nikola Storm
43 Belgio C Sander Coopman
44 Belgio D Brandon Mechele
50 Belgio P Sven Dhoest
55 Belgio A Tuur Dierckx
63 Belgio A Boli Bolingoli Mbombo
90 Nigeria A Kehinde Fatai

Stagioni precedentimodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio








Creative Commons License