Codevilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Codevilla
comune
Codevilla – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Sindaco Paolo Marchesotti (lista civica) dal 14/06/2004
Territorio
Coordinate 44°58′00″N 9°03′00″E / 44.966667°N 9.05°E44.966667; 9.05 (Codevilla)Coordinate: 44°58′00″N 9°03′00″E / 44.966667°N 9.05°E44.966667; 9.05 (Codevilla)
Altitudine 146 m s.l.m.
Superficie 13,00 km²
Abitanti 1 010[1] (31-12-2010)
Densità 77,69 ab./km²
Frazioni Casareggio, Garlassolo di Sotto, Mondondone, Piana, Pontazzo, Rasei
Comuni confinanti Montebello della Battaglia, Retorbido, Torrazza Coste, Voghera
Altre informazioni
Cod. postale 27050
Prefisso 0383
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 018051
Cod. catastale C813
Targa PV
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti codevillesi
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Codevilla
Posizione del comune di Codevilla nella provincia di Pavia
Posizione del comune di Codevilla nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Codevilla è un comune italiano di 1.022 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova ai piedi delle colline dell'Oltrepò Pavese, vicino allo sbocco in pianura del torrente Staffora; il comune è esteso parte in pianura, parte in collina.

Storiamodifica | modifica sorgente

I due centri storicamente più importanti del comune di Codevilla sono l'attuale capoluogo e la sua frazione Mondondone: mentre quest'ultima ebbe per lungo tempo la preminenza politica, il primo mantenne sempre la maggiore importanza religiosa. Mondondone, che sorge su un colle dominante il capoluogo, è noto fin dal X secolo (997): era compreso nella contea di Tortona, e apparteneva in gran parte al Monastero del Senatore in Pavia; nel 1164 la città di Pavia ne acquisì anche il dominio politico, facendone sede di una delle podesterie o squadre in cui era diviso il territorio: il monastero del Senatore ne manteneva però la signoria e nominava il podestà.

Nel 1412 la squadra di Mondondone, comprendente anche Codevilla e l'attuale comune di Torrazza Coste nonché la frazione Garlassolo del comune di Retorbido, fu data in feudo a Rainaldo Beccaria del ramo di Pieve del Cairo. Nel 1610, estinti questi Beccaria, il feudo fu venduto ai conti Rovida di Pavia, cui restò fino all'abolizione del feudalesimo (1797).

In tutto questo periodo Mondondone era rimasto sede comunale. Ai suoi piedi era andato sviluppandosi Codevilla, che almeno dal XVI secolo era divenuto il centro più importante, e anzi uno dei più popolosi della zona. Si era sviluppato nel basso medioevo poco distante dall'antica pieve di San Martino della Luta (nota fin dal XII secolo e crollata definitivamente nel corso del XVII secolo), decaduta in seguito all'abbandono dell'antico villaggio cui faceva capo in favore di quella che oggi è Codevilla. In questo spostamento va ricercata l'etimologia di Codevilla, e cioè in cò ad la vila (in capo alla "villa", il precedente villaggio presso la Pieve). La Pieve di San Martino della Luta si trovava presso l'odierna località S. Martino, situata lungo la str. Ferretta che collega Codevilla a Voghera, a circa 2 km dal nucleo più antico di Codevilla. L'antico borgo sorgeva attorno a una rocchetta nei pressi del torrente oggi noto come Luria (forse all'epoca Luta). Nel 1814 Codevilla divenne sede comunale, e Mondondone fu ridotto a frazione.

Nel 1997 si sono svolti i festeggiamenti per il millenario di Mondondone.

Societàmodifica | modifica sorgente

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[2]

Tradizioni e folcloremodifica | modifica sorgente

Le leggende popolari diffuse in questa zona raccontano che a Casareggio vi fosse la dimora estiva dove avrebbe soggiornato re Alboino durante gli anni dell'assedio pavese. Questo, sempre secondo la tradizione locale, sarebbe stato il luogo degli incontri tra il sovrano longobardo e il contadino Bertoldo.

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Comunità montanemodifica | modifica sorgente

Fa parte della fascia bassa della Comunità Montana Oltrepò Pavese.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente









Creative Commons License