Collegio garante della costituzionalità delle norme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Istituzioni di San Marino.

Coat of arms of San Marino.svg

Collegio garante della costituzionalità delle norme San Marino Palace of Government.jpg

Reggenti: Antonio Carattoni

Roberto Giorgetti

Presidente: Augusto Barbera
Istituito: 2002
Sede: Palazzo pubblico
Indirizzo: Piazza della Libertà

47890 - San Marino

Tel: 0549.XXXXXX*
Fax 0549.XXXXXX*
*from outside Italy +378 replace 0549, in most cases or try +39549

Sito: Collegio garante della costituzionalità delle norme

Il Collegio garante della costituzionalità delle norme è un organo della Repubblica di San Marino, istituito con la Legge 26 febbraio 2002, n.36.

Il Collegio si compone di tre membri effettivi e di tre membri supplenti, eletti inizialmente per quattro anni dal Consiglio Grande e Generale, con la maggioranza di due terzi dei suoi componenti. Dopo il primo mandato, il collegio viene rinnovato per un terzo ogni due anni. Il collegio nomina, tra i suoi membri effettivi, a rotazione e per la durata di due anni il Presidente. Analogo alle Corti costituzionali tipiche degli Stati occidentali, è l’unico organo del genere composto da individui non cittadini dello stato in cui si esercitano i suoi poteri giudiziari.

Il Collegio ha le funzioni di:

  • Verificare la rispondenza delle leggi, degli atti aventi forza di legge e delle norme consuetudinarie aventi forza di legge, ai principi fondamentali dell’ordinamento. La verifica avviene su richiesta di almeno venti Consiglieri, del Congresso di Stato, di cinque Giunte di Castello, dell’1,5% del corpo elettorale oppure su richiesta dei giudici o delle parti in causa nell’ambito di giudizi pendenti presso i Tribunali. L’effetto di annullamento delle decisioni d’incostituzionalità, fermo restando il valore di giudicato immediato tra le parti, è differito per un periodo di sei mesi. Entro tale termine il Consiglio Grande e Generale può legiferare sulla materia in conformità alle decisioni d’incostituzionalità.
  • Decidere sull’ammissibilità del referendum, nei casi previsti dalle leggi.
  • Decidere sui conflitti fra organi costituzionali.
  • Esercitare il Sindacato sui Capitani Reggenti.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto







Creative Commons License