Compassione (Buddhismo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Nel Buddhismo, la compassione è il vissuto del desiderio del bene nei confronti di ogni essere senziente.

Esso viene indicato con i due termini sanscriti di:

Nelle lingue asiatiche correlate al Canone buddhista cinese il termine "compassione buddhista" viene indicato nell'unione dei due precedenti termini:

Il vissuto della compassione nel Buddhismo Theravādamodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Mettā.

Il vissuto della compassione nel Buddhismo Mahāyānamodifica | modifica sorgente

Nel Buddhismo Mahāyāna la "compassione" (karuṇā) rappresenta unitamente alla "saggezza" (prajñā) i due pilastri delle proprie dottrine e pratiche religiose.

La dottrina e la pratica mahāyāna della "compassione" si fondano sulla consapevolezza (saggezza, sans. prajñā) della "Verità della Via mezzo" (sanscrito mādhya-satya) predicata da Nāgārjuna ovvero sulla compresenza della "assolutezza" (paramārtha-satya) o vacuità (śūnyatā-satya) e della "singolarità" o "provvisorietà" (saṃvṛti-satya) in ogni aspetto della Realtà ultima per cui essendo "Tutto" privo di esistenza intrinseca, indipendente, ogni fenomeno esiste sia nella sua natura soggettiva ("convenzionale") e contemporaneamente nella sua relazione con gli altri ("assoluta") rappresentando la "singolarità" una delle molteplici manifestazioni di un'unica Realtà ultima: singole facce di un «grande brillante». Le distinzioni che la mente opera di continuo, unicamente dividendo e classificando in categorie le percezioni, sono viste, dunque, come illusorie e l’ego se non compreso anche olisticamente con l'intera Realtà è solo un'illusione poiché non esiste un io separato da tutto il resto.

Per questa ragione il Buddhismo Mahāyāna non predica il "distacco" nei confronti dei sentimenti e dei vissuti quale l'amore e la pietà, ma fonda la sussistenza di ciò sulla corretta comprensione della Realtà ultima (saggezza, sans. prajñā).

Quindi non vi può essere "compassione senza saggezza", né "saggezza priva di compassione".

Nel Buddhismo Mahāyāna il principio della "compassione" è rappresentato dal bodhisattva cosmico Avalokiteśvara.

Buddhismo Portale Buddhismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Buddhismo







Creative Commons License