Corte permanente di arbitrato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Corte permanente di arbitrato
(EN) Permanent Court of Arbitration
(FR) Cour permanente d'arbitrage
Corte permanente di arbitrato
Il Palazzo della Pace, sede della Corte permanente di arbitrato
Abbreviazione CPA
Fondazione 1899
Sede centrale Paesi Bassi L'Aia
Sito web

La Corte permanente di arbitrato (CPA) è un'organizzazione internazionale fondata nel 1899 per facilitare la risoluzione delle controversie fra stati. Ha sede a L'Aia, nel Palazzo della Pace, che ospita anche la Corte Internazionale di Giustizia e l'Accademia del Diritto Internazionale.

Storiamodifica | modifica sorgente

La corte è stata costituita con le convenzioni dell'Aja del 29 luglio 1899 e del 18 ottobre 1907.

Organizzazionemodifica | modifica sorgente

La Corte ha di "permanente" un'esile struttura istituzionale, cioè un Ufficio internazionale di cancelleria, un Consiglio di amministrazione permanente, composto dagli agenti diplomatici degli Stati parti della Convenzione, accreditati in Olanda, e presieduto dal Ministro degli affari esteri olandese; un elenco di arbitrati designati dagli Stati parti della Convenzione dell'Aja e infine da un elenco di regole di procedura. La corte "non è un tribunale arbitrale precostituito bensì semplicemente un elenco di persone designate dagli Stati parte della convenzione, da cui gli Stati parte a una controversia possono scegliere gli arbitri investiti della soluzione e utilizzare l'assistenza di un segretariato".[1]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Tullio Treves, Diritto internazionale. Problemi fondamentali, Giuffrè editore, 2005. p. 597.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License