Cristian Bucchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cristian Bucchi
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 186 cm
Peso 79 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 26 luglio 2011 - giocatore
Carriera
Giovanili
1994-1995 Sambenedettese Sambenedettese
Squadre di club1
1995-1996 Sambenedettese Sambenedettese 5 (0)
1996-1998 600px Bianco Rosso e Bianco.png Settempeda 56 (54)
1998-1999 Perugia Perugia 27 (5)
1999-2000 Vicenza Vicenza 30 (10)
2000-2001 Perugia Perugia 10 (1)
2001-2002 Ternana Ternana 27 (9)
2002-2003 Catania Catania 13 (2)
2003-2004 Cagliari Cagliari 10 (1)
2004 Ancona Ancona 12 (5)
2004-2005 Ascoli Ascoli 41 (17)
2005-2006 Modena Modena 41 (29)
2006-2007 Napoli Napoli 29 (8)
2007-2008 Siena Siena 10 (0)
2008 Bologna Bologna 19 (5)
2008-2009 Ascoli Ascoli 21 (3)
2009-2010 Cesena Cesena 24 (4)
2010-2011 Napoli Napoli 0 (0)
2011 Pescara Pescara 11 (1)
Nazionale
1998-1999 Italia Italia U-21 3 (1)
Carriera da allenatore
2012-2013 Pescara Pescara Primavera
2013 Pescara Pescara
2013-2014 Gubbio Gubbio
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Cristian Bucchi (Roma, 30 maggio 1977) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Inizia la sua carriera nella Sambenedettese nel 1995 in CND, poi scende in Promozione alla Settempeda di San Severino Marche dove in 2 anni sigla una valanga di reti conquistando nella prima stagione l'accesso in Eccellenza. Nel 1998 arriva la svolta alla sua carriera, i tanti gol segnati nelle serie minori non sfuggono a Luciano Gaucci che lo porta in Serie A nel suo Perugia: 27 partite e 5 gol nella prima stagione.

L'estate successiva è prestato in Serie B al Vicenza e con 10 reti contribuisce alla promozione in Serie A. Tornato al Perugia, viene trovato positivo all'antidoping (Nandrolone) ed è costretto a rimanere fermo per un anno.[1][2] Terminata la squalifica, passa in prestito alla Ternana in Serie B. Nell'estate 2002 Gaucci lo presta al Catania, altra società di sua proprietà, ma a gennaio si trasferisce a titolo definitivo al Cagliari, sempre in Serie B. Qui vive il momento più nero della sua carriera, in seguito all'improvvisa morte della compagna Valentina a pochi mesi dal loro matrimonio. La coppia aveva già una figlia di un anno e mezzo.[2]

Ricomincia lentamente a tornare sui campi da gioco e nel gennaio 2004 ritorna in Serie A all'Ancona, con cui segna 5 gol in 12 partite. La società fallisce e Bucchi, svincolato, firma per il ChievoVerona, dove non giocherà mai poiché viene ceduto in comproprietà all'Ascoli, dove con 17 gol più 2 nei Playoff contribuisce alla promozione dei marchigiani in Serie A, arrivata tramite ripescaggio per le mancate iscrizioni di Torino e Perugia. Non segue l'Ascoli in A dato che il ChievoVerona lo trasferisce (sempre in comproprietà) al Modena, dove realizza un brillante avvio di stagione, tanto da procurarsi un'allettante offerta da parte del Benfica che non va in porto. Con il Modena nella stagione 2005-06 sigla ben 29 reti di cui 12 su calcio di rigore, risultando di gran lunga il capocannoniere della Serie B, trascina così i gialloblù ai Playoff, dove non riescono a superare il Mantova in semifinale, nonostante una sua rete. Dopo che il Modena ha riscattato tutto il suo cartellino dal ChievoVerona, il 13 giugno del 2006 firma un contratto quinquennale col Napoli che lo acquista per 3,5 milioni di euro con l'obiettivo di riconquistare la Serie A.

A Napoli non si esprime ad altissimi livelli, scivolando, dopo un ottimo inizio, progressivamente in panchina e finendo col segnare soli 8 gol in campionato e 3 in Coppa Italia, ma la squadra conquista ugualmente la promozione in Serie A.

L'estate successiva viene ceduto sempre nella massima categoria al Siena, ma dopo opache prestazioni nel mercato di gennaio viene rispedito al Napoli che lo cede in prestito al Bologna in Serie B dove con 5 gol riesce ad essere uno dei protagonisti della promozione in Serie A (la seconda consecutiva per lui dopo quella l'anno prima col Napoli).

Tornato al Napoli, viene ceduto in prestito all'Ascoli, in Serie B dove torna dopo l'esperienza di 4 anni prima. Realizza 3 gol in 21 partite, quindi rientra al Napoli per poi trasferirsi, il 10 luglio 2009 e con la medesima formula, al Cesena.[3] Contribuisce con 4 reti alla promozione in Serie A dei romagnoli (la terza personale nel giro di quattro stagioni).

A fine stagione torna al Napoli, dove durante l'estate viene messo sul mercato in cerca di una sistemazione, senza però trovarla resta fuori rosa dopo aver seguito l'intera preparazione. A seguito dell'infortunio di Cristiano Lucarelli[4] la società decide di reintegrare in rosa Bucchi[5] per sopperire alla mancanza di attaccanti. Tuttavia, non colleziona alcuna presenza stagionale e nella sessione invernale del calciomercato torna in Serie B, ceduto in prestito al Pescara.[6] Il 2 aprile 2011 mette a segno la sua 1° ed unica rete in maglia biancazzurra nella gara interna contro il Crotone.

A fine stagione, conclusosi il periodo di prestito, torna al Napoli, con cui rescinde il contratto il 20 luglio 2011.[7] Qualche giorno dopo, il 26 luglio, annuncia il ritiro dall'attività agonistica.[8]

In carriera ha totalizzato complessivamente 59 presenze e 11 reti in Serie A e 266 presenze e 90 reti in Serie B.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Vanta 3 presenze e 1 rete nella Nazionale Under 21, con la quale ha esordito il 17 novembre 1998.

Allenatoremodifica | modifica sorgente

Il 21 giugno 2012 diviene il nuovo allenatore della Primavera del Pescara, squadra nella quale, un anno prima, aveva concluso la sua attività agonistica.[9] Il 5 marzo 2013, in seguito all'esonero di Cristiano Bergodi, viene promosso ad allenatore della prima squadra del Pescara;[10] il suo staff è comporto da Bruno Nobili come vice-allenatore (in possesso del patentino di prima categoria), Mirko Savini ed Ermanno Ciotti in qualità di collaboratori e Massimo Marini come preparatore dei portieri.[11] Esordisce sulla panchina del Pescara il 10 marzo 2013, nella sconfitta esterna per 2-1 contro l'Atalanta. Raccoglie appena un punto nelle 11 partite disputate, con la squadra che si classifica ultima con 22 punti e retrocede in Serie B dopo una sola stagione di massima serie.

Risolto il contratto con gli abruzzesi, il 12 luglio 2013 firma con il Gubbio, in Lega Pro Prima Divisione,[12] da dove viene esonerato il 15 gennaio 2014 dopo la sconfitta interna per 5-0 contro il Perugia.[13].

Statistichemodifica | modifica sorgente

Presenze e reti nei clubmodifica | modifica sorgente

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1995-1996 Italia Sambenedettese CND 28 0 - - - - - - 28 0
1996-1997 Italia Settempeda PRO 32 23 - - - - - - 32 23
1997-1998 ECC 26 29 - - - - - - 26 29
Totale Settempeda 58 52 - - - - 58 52
1998-1999 Italia Perugia A 27 5 - - - - - - 27 5
1999-2000 Italia Vicenza B 30 10 CI 6 0 - - - 36 10
2000-2001 Italia Perugia A 7 1 CI 2 1 - - - 8 2
giu.-set. 2001 A 3 0 CI 1 1 - - - 3 0
Totale Perugia 37 6 3 2 - - 40 9
set. 2001-2002 Italia Ternana B 27 9 CI 1 0 - - - 28 9
2002-gen. 2003 Italia Catania B 13 2 CI 3 1 - - - 16 3
gen.-giu. 2003 Italia Cagliari B 6 0 - - - - - - 6 0
2003-gen. 2004 B 4 1 - - - - - - 4 1
Totale Cagliari 10 1 - - - - 10 1
gen.-giu. 2004 Italia Ancona A 12 5 - - - - - - 12 5
2004-2005 Italia Ascoli B+POff 41+2 17+0 CI 2 1 - - - 45 18
2005-2006 Italia Modena B+POff 41+2 29+1 CI 1 0 - - - 44 30
2006-2007 Italia Napoli B 29 8 CI 5 3 - - - 34 11
2007-gen. 2008 Italia Siena A 10 0 CI 1 0 - - - 11 0
gen.-giu. 2008 Italia Bologna B 19 5 - - - - - - 19 5
2008-2009 Italia Ascoli B 21 3 - - - - - - 21 3
Totale Ascoli 64 20 2 1 - - 66 22
2009-2010 Italia Cesena B 24 3 - - - - - - 24 3
2010-gen. 2011 Italia Napoli A 0 0 CI 0 0 UEL 0 0 0 0
Totale Napoli 29 8 5 3 0 0 34 11
gen.-giu. 2011 Italia Pescara B 11 1 - - - - - - 11 1
Totale carriera 411+4 151+1 22 10 0 0 437 162

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Vicenza: 1999-2000

Individualemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ CALCIO / NANDROLONE, qn.quotidiano.net. URL consultato il 24 luglio 2012.
  2. ^ a b Torna dalla partita e trova la compagna morta in 4 marzo 2003, corriere.it. URL consultato il 24 luglio 2012.
  3. ^ Christian Bucchi è del Cesena, cesenacalcio.it
  4. ^ Infortunio a Lucarelli, sscnapoli.it
  5. ^ Bucchi reintregrato in rosa, tuttonapoli.net
  6. ^ Presentato Bucchi, pescaracalcio.com
  7. ^ UFFICIALE: Napoli, Bucchi e Amodio rescindono il contratto, tuttonapoli.net
  8. ^ Bucchi saluta: addio al calcio, tuttomercatoweb.com
  9. ^ Cristian Bucchi il nuovo tecnico della Primavera, forzapescara.tv
  10. ^ Il Pescara a Bucchi Pescaracalcio.com
  11. ^ Notiziario 6 marzo Pescaracalcio.com
  12. ^ Cristian Bucchi nuovo allenatore del Gubbio in asgubbio1910.com, 12 luglio 2013. URL consultato il 15 gennaio 2014.
  13. ^ Gubbio, UFFICIALE: esonerato Bucchi in calciomercato.com, 15 gennaio 2014. URL consultato il 15 gennaio 2014.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License