Demis Nikolaidis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Demis Nikolaidis
Dati biografici
Nome Themistoklis Nikolaidis
Nazionalità Grecia Grecia
Altezza 175 cm
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Ritirato 2004
Carriera
Giovanili
1990-1993 Ethnikos Alexandroupolis Ethnikos Alexandroupolis
Squadre di club1
1993-1996 Apollon Smyrnis Apollon Smyrnis 80 (38)
1996-2003 AEK Atene AEK Atene 189 (123)
2003-2004 Atletico Madrid Atlético Madrid 22 (6)
Nazionale
1995-2004 Grecia Grecia 54 (17)
Palmarès
UEFA European Cup.svg  Europei di calcio
Oro Portogallo 2004
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Themistoklis Nikolaidis detto Demis (gr. Ντέμης Νικολαΐδης; Gießen, 17 settembre 1973) è un ex calciatore greco, di ruolo attaccante.

Campione d'Europa con la Grecia nel 2004.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nikolaidis ha sposato Despina Vandi, cantante greca molto celebre nel suo Paese e a Cipro, dalla quale ha avuto due figli: una figlia, Melina, nata nel 2004, e un figlio, Yòrgos, nato nell'agosto 2007.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Apollon Smyrnismodifica | modifica sorgente

Nikolaidis iniziò a giocare nell'Ethnikos Alexandroupolis, squadra della sua città. All'età di 20 anni si trasferì all'Apollon Smyrnis, dove debuttò nel calcio pofessionistico e presto divenne un giocatore della prima squadra. Con Apollon Smyrnis raggiunge a sorpresa la finale della Coppe di Grecia, contro la l'AEK Atene. Le sue prestazioni interessarono moltissimo il Panathinaikos, l'Olympiakos e l'AEK Atene, squadra per cui faceva il tifo da bambino.

AEK Atenemodifica | modifica sorgente

Nikiolaidis rifiutò il trasferimento all'Olympiakos e costrinse il presidente dell'Apollon a venderlo all'AEK. Con la nuova squadra Nikolaidis segnò 177 gol in 266 partite, vincendo 3 Coppe di Grecia e una Supercoppa di Grecia e risultando capocannoniere nel campionato 1998/99 e nella Coppa UEFA 2000/01. È anche il capocannoniere delle squadre greche nelle coppe europee, con 26 gol in 51 partite. Ha realizzato una cinquina in due occasioni ed è l'unico calciatore greco ad aver segnato 4 reti in una sola partita delle coppe europee.

Nel 2002 ha ricevuto un riconoscimento dal comitato della UEFA per il fair play per aver richiesto che un suo gol realizzato in Coppa di Grecia non venisse contato in quanto segnato con la mano.

Benché non sia mai riuscito vincere il campionato con l'AEK, Nikolaidis è diventato una tra i giocatori più amati della squadra atenese. Tuttavia, dopo una lite avuta con il proprietario del club, Makis Psomiadis, decise che alla fine della stagione 2002/2003 avrebbe lasciato l'AEK.

Atlético Madridmodifica | modifica sorgente

Nel 2003 l'Atlético Madrid ingaggiò il giocatore. I primi mesi a Madrid furono un grande successo: segnò 6 gol e formò una coppia d'attacco temibile con Fernando Torres. Ma una serie di infortuni lo tennero fuori per il resto della stagione, alla fine della stagione Nikolaidis segnò 6 goals. Questo gli permise di andare agli Europei 2004 e di vincerli con la Grecia.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Nikolaidis è stato il principale marcatore della Nazionale greca del suo periodo, con cui vanta 54 presenze e 17 reti, quinto miglior marcatore di sempre.

Debuttò con la Grecia il 26 aprile 1995 contro la Russia.

Nel 1999 Nikolaidis con Kasapis e Atmatsidis si ritirò dalla nazionale per protestare contro le ingiustizie del campionato greco. Due anni più tardi, però, dopo una serie di risultati negativi che portarono all'esonero del CT Vasilis Daniil, ritornò in Nazionale. Nella sua prima partita dopo il ritorno, Nikolaidis segnà nel 2-2 contro l'Inghilterra, partita valida per le qualificazioni al Mondiale 2002. Il nuovo CT Otto Rehhagel in seguito puntò su di lui e la Grecia riuscì a qualificarsi direttamente per gli Europei 2004, vincendo il girone di qualificazione davanti alla Spagna.

Benché si fosse infortunato e non fosse sceso in campo nel periodo precedente, Rehhagel lo incluse nella lista dei convocati per Euro 2004. Durante la manifestazione continentale l'attacco titolare era composto da Vryzas e Charisteas ma Nikolaidis riuscì a disputare tutte e tre le partite del girone eliminario, anche se partì dalla panchina. Nei quarti di finale contro la Francia, invece, fu schierato come titolare. Dopo questa partita, tuttavia, si infortunò nuovamente e non poté giocare le ultime due partite che consegnarono il titolo di Campioni d'Europa ai greci.

Dopo il ritiromodifica | modifica sorgente

Nel maggio 2004 Nikolaidis formò un consorzio di imprenditori che acquistò l'AEK Atene salvando la società, che aveva molti problemi economici,[1] dalla bancarotta.[2] Nikolaidis si rititò dal calcio giocato dopo l'Europeo 2004, a 31 anni, e divenne presidente dell'AEK Atene.[1] Rimase in carica per 4 anni, fino al 2 novembre 2008, quando si dimise.[3][4]

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

AEK Atene: 1996
AEK Atene: 1996-1997, 1999-2000, 2001-2002

Nazionalemodifica | modifica sorgente

2004

Individualemodifica | modifica sorgente

1995
1997, 1998, 2002
1998-1999
2000-2001
2002

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b (EN) Nikolaidis takes AEK control, uefa.com, 29 maggio 2004. URL consultato il 26 febbraio 2014.
  2. ^ (EN) A OK for AEK, uefa.com, 15 aprile 2005. URL consultato il 26 febbraio 2014.
  3. ^ Stefano Sica, AEK Atene, Nikolaidis lascia la presidenza, tuttomercatoweb.com, 3 novembre 2008. URL consultato il 26 febbraio 2014.
  4. ^ (EN) Chris Paraskevas, AEK President Nikolaidis Resigns, goal.com, 2 novembre 2008. URL consultato il 26 febbraio 2014.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License