Dipartimento del Crostolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dipartimento del Crostolo
ex dipartimento
Dati amministrativi
Stato bandiera Repubblica Cisalpina
Capoluogo Reggio
Data di istituzione 1797
Data di soppressione 1814
Territorio
Coordinate
del capoluogo

44°42′N 10°38′E / 44.7°N 10.633333°E44.7; 10.633333 (Dipartimento del Crostolo)Coordinate: 44°42′N 10°38′E / 44.7°N 10.633333°E44.7; 10.633333 (Dipartimento del Crostolo)

Abitanti
Altre informazioni
Fuso orario
Localizzazione

Il Dipartimento del Crostolo fu, fra gli anni 1797 e 1815, un dipartimento della Repubblica Cispadana, della Repubblica Cisalpina, della Repubblica Italiana e infine del Regno d'Italia. Il nome deriva dal torrente Crostolo ed ebbe come capoluogo Reggio.

Storiamodifica | modifica sorgente

Il dipartimento fu creato il 5 gennaio 1797 a seguito della costituzione della repubblica cispadana e poi assorbito nella Repubblica Cisalpina, dopo la fusione delle due entità.

Perdette i territori meridionali (Massa, Carrara e la Garfagnana) il 1º maggio 1806, ceduti al principato di Lucca. Il 24 maggio dello stesso mese assorbì il principato di Guastalla, staccato dal ducato di Parma il 30 marzo 1806 e donato da Napoleone a sua sorella Paolina Bonaparte e da lei venduto all'Italia.

Nell'agosto 1811 il Crostolo acquisisce qualche comune distaccato dal dipartimento del Taro, francese, ma ne perderà a sua volta qualche altro (la vice prefettura d'Aulla), ceduto al Dipartimento degli Appennini, francese anch'esso.

Il dipartimento venne ricreato fra l'aprile e il maggio 1815 a seguito della riconquista di aree del Regno d'Italia per opera di Gioacchino Murat.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente








Creative Commons License