Don Lavoie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Don C. Lavoie (4 aprile 19516 novembre 2001) è stato un economista statunitense, esponente della scuola austriaca.

Ha scritto diversi articoli per il Cato Institute. Ha scritto anche due libri sul problema del calcolo economico: il primo si intitola Rivalry and Central Planning (1985) e enfatizzava l'importanza della rivalità concorrenziale in un mercato libero, mentre il secondo, intitolato National Economic Planning: What Is Left? e sempre pubblicato nel 1985, criticava ogni tipo di economia pianificata. Il suo pensiero è stato fortemente influenzato da Friedrich von Hayek, Michael Polanyi e Ludwig Lachmann.

Tra i suoi studenti ci sono stati diversi "austriaci", tra i quali ricordiamo Peter Boettke, David Prychitko, Steve Horwitz, Tom Rustici, Mark Gilbert, Ralph Rector, Emily Chamlee-Wright, Howie Baetjer e Virgil Storr.

Don Lavoie è stato cofondatore dell'unità interdisciplinare della George Mason University denominata on Social & Organizational Learning.

Da un punto di vista degli studi la sua attenzione cadde prevalentemente sulla filosofia (studiò in particolar modo l'applicazione della ermeneutica all'economia) e sulla comparazione di diversi sistemi economici, quello marxista su tutti.

In Culture and Enterprise: The Development, Representation and Morality of Business (2000), libro scritto insieme a Emily Chamlee-Wright, mise in rilievo l'importanza della cultura nello sviluppo economico di un paese.

Nella primavera del 2001 gli venne diagnosticato un cancro al pancreas. Scomparve dopo meno di un anno.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 2533661








Creative Commons License