Donatello Bellomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Donatello Bellomo (Busto Arsizio, 12 settembre 1953) è uno scrittore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Laureato in Giurisprudenza all'Università di Parma, ha lavorato in tre società finanziarie prima di dedicarsi all’organizzazione di concerti jazz e rock e in seguito al giornalismo, come freelance e poi come redattore e caposervizio alla redazione cultura e spettacoli del quotidiano L'Arena di Verona. Alterna romanzi storici (L’uomo che cavalcava un sogno, La settima onda, Prigionieri dell'Oceano, Undici lettere all'ammiraglio) ad altri a immaginario sfondo autobiografico (la quadrilogia dedicata al capitano francese Cédric Destouches: L'ultima notte sul Normandie, L'uomo del cargo, La donna della tempesta, Mare notte, tutti ambientati in Francia) e a inchieste (Titanic. L'altra storia vedi rassegna stampa: http://www.titanicillibro.it/; Il tesoro degli abissi centrato su una spy-story della Grande guerra: la nave italiana Ancona affondata nel 1915 da un U-boot tedesco, ancor oggi sul fondo del Tirreno con il suo carico d'oro, e il mistero dei 50 milioni per affari segreti con gli USA).

Con La settima onda ha visto il premio Tuscania e il premio Gaeta nel 1999, con Undici lettere all'ammiraglio il premio Circeo nel 2011.

Membro del Titanic Historical Society e della Society For Nautical Research, guest writer del Louis Vuitton Trophy, ha intervistato l'oceanografo Robert Ballard che nel 1985 individuò il relitto del transatlantico Titanic e l'esploratore e scrittore inglese Tim Severin.

Operemodifica | modifica sorgente

Romanzimodifica | modifica sorgente

Raccontimodifica | modifica sorgente

  • Sextet. Sei racconti americani, Bolzano, Arcoboan, 1984.
  • Il posto di mezzo, Trento, Arca, 1991.

Manualisticamodifica | modifica sorgente

  • I viaggiatori degli abissi. Storia della subacquea, con Fabio Vitale, Trento, Arca, 1990.
  • Dizionario del mondo subacqueo, con Fabio Vitale, Milano, Sugarco, 1995. ISBN 88-7198-368-8.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License