Donati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Donati (disambigua).
Lo stemma dei Donati era molto semplice, espressione di antichità di origine: troncato, (quando lo scudo è diviso in due parti uguali da una linea orizzontale che forma due campi: l'uno superiore e l'altro inferiore), in questo caso rosso quello superiore e argento quello inferiore.

I Donati furono una delle famiglie più numerose e importanti della Firenze medievale, nota anche per i suoi stretti legami con le vicende di Dante Alighieri.

Storia della famigliamodifica | modifica sorgente

Appartenevano all'antica oligarchia cittadina prima che con il boom economico duecentesco facesse salire alla ribalta un nuovo ceto borghese. Le loro case erano nella zona più antica di Firenze, nel Corso e nelle vie limitrofe, come testimonia ancora oggi la Torre dei Donati e le due Torri di Corso Donati.

Il capostipite è Fiorenzo, vissuto nell'XI secolo, i cui discendenti fondarono nel 1065 l'ospedale di San Paolo di Pinti. Nel 1165 compare Donato del Pazzo, dal quale prese nome la famiglia e il cui figlio Vinciguerra fu costruttore del lebbrosario di San Jacopo a Sant'Eusebio nel 1186 e console dei militi nel 1204.[1]

Torri di Corso Donati, tra le meglio conservate di Firenze

A partire dei primi scontri tra guelfi e ghibellini i Donati furono sempre in prima fila sul fronte guelfo. Erano in consorteria con i Cafucci ("I Donati ovvero Calfucci, che tutti furono uno legnaggio", dice Giovanni Villani[2]). Dopo la cacciata definitiva dei ghibellini del 1266, problemi di vicinato con la famiglia dei Cerchi, di recentissima ricchezza, seppur molto più ingente di quella dei Donati, sfociarono presto in risse e tumulti (anno 1300), che portarono alla fratturazione della città in due nuove fazioni, quelle dei guelfi bianchi e neri, con i Donati a capo dei Neri. Fu il periodo di Corso Donati, fiero capo politico della sua fazione, che grazie all'appoggio di Bonifacio VIII e all'intervento di Carlo di Valois, seppe sbaragliare gli avversari, ottenendo la cacciata dei Bianchi (1302), tra i quali anche Dante Alighieri.

In seguito la fiera superbia di Corso gli mise contro i suoi stessi alleati, tanto che si trovò isolato con la sola fazione dei suoi Donateschi (rispetto ai Tosinghi di Rosso della Tosa) e venne colpito da un agguato, nel quale trovò la morte, dopo una disperata fuga, davanti alla chiesa di San Salvi.

Per la famiglia Donati fu l'inizio di un declino che di fatto li estromise dalla storia cittadina, dopo avere segnato così marcatamente una lunga pagina. Giovanni Villani nella sua Cronica chiama i Donati Malefami[3], perché vi appartennero molti personaggi condannati a vario titolo per diversi reati.

Nel 1616 la famiglia si estinse con la morte del suo ultimo rappresentante ufficiale, Giovanni Donati, figlio di Piero[1], ma il cognome è ancora molto diffuso a Firenze e dintorni.

Rapporti con Dantemodifica | modifica sorgente

Nella Divina Commedia rivivono molti Donati: oltre a Corso, suo fratello Forese, amico di Dante a sua volta poeta protagonista di un lungo passo del Purgatorio, e sua sorella Piccarda, con cui il poeta dialoga in Paradiso; inoltre sono presenti una serie di personaggi minori: Buoso Donati il Vecchio, Cianfa Donati, Buoso Donati, Ubertino Donati.

La stessa moglie di Dante, Gemma apparteneva ai Donati, quindi il poeta era anche strettamente imparentato con essi.

Genealogia essenzialemodifica | modifica sorgente

Messer Vinciguerra Donati
│ │
│ └─Buoso Donati il Vecchio
│
└─?──Simone Donati
  │ │
  │ ├─Forese Donati (1250 circa - 1296)
  │ │
  │ ├─Corso Donati (m. 1308) si risposò con Tessa Ubertini e poi con una figlia di Uguccione della Faggiuola
  │ │
  │ └─Piccarda Donati
  │
  ├─Buoso Donati
  │
  └─Manetto Donati
    │
    └─Gemma Donati, sposò Dante Alighieri
      │
      ├─Jacopo Alighieri
      │
      ├─Pietro Alighieri
      │
      ├─Antonia Alighieri
      │
      └─Giovanni Alighieri

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Jan Gerchow, Donati, in Volker Reinhardt, Le grandi famiglie italiane, Vicenza, Neri Pozza, 1996, p. 283, ISBN 8873054897.
  2. ^ notizia riportata in "Il giornale dantesco" di Giuseppe Lando Passerini, Luigi Pietrobono, Guido Vitaletti, ed. L.S. Olschki, 1912.
  3. ^ Giovanni Villani, Cronica, VIII, 39.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Marcello Vannucci, Le grandi famiglie di Firenze, Newton Compton Editori, 2006 ISBN 88-8289-531-9

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License