Donato Squicciarini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Donato Squicciarini
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
Veritas et Caritas
Nato 24 aprile 1927 ad Altamura
Ordinato presbitero 12 aprile 1952
Elevato arcivescovo 26 novembre 1978
Deceduto 5 marzo 2006 a Roma

Donato Squicciarini (Altamura, 24 aprile 1927Roma, 5 marzo 2006) è stato un arcivescovo cattolico e diplomatico italiano, al servizio della Santa Sede.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Ordinato sacerdote il 12 aprile nel 1952 nella sua città natale, quindi studiò a Roma, dove si laureò in teologia e diritto. Nel 1958 divenne diplomatico della Santa Sede e operò dal 1958 a Panamá, dal 1960 in Colombia, dal 1961 sotto il nunzio apostolico Corrado Bafile in Germania e dal 1966 in Turchia, dove organizzò la visita di papa Paolo VI. Nel 1967 tornò in Segreteria di Stato e lavorò dal 1975 al 1978 presso il nunzio Opilio Rossi a Vienna.

Papa Giovanni Paolo I lo elevò il 31 agosto 1978 alla carica di arcivescovo titolare di Tiburnia. Squicciarini scelse come motto Veritas et Caritas e ricevette il 26 novembre 1978 l'ordinazione vescovile ad Altamura dal cardinale Franz König.

Fu poi nunzio apostolico in Burundi, dal 1981 al 1989 pro-nunzio in Camerun, Gabon e Guinea Equatoriale. Dal 1º luglio 1989 al 2002 fu nunzio apostolico in Austria: in questo periodo vi furono lo scandalo delle accuse di pedofilia mosse contro l'arcivescovo viennese Hans Hermann Groër, il movimento del Kirchenvolk nel 1995 e le nomine dei vescovi Kurt Krenn (1991) a Sankt Pölten, Paul Iby (1993) a Eisenstadt, Christoph Schönborn (1995) a Vienna, Alois Kothgasser (1997) a Innsbruck, Alois Schwarz (2001) a Klagenfurt. Dal 1990 al 1994 Squicciarini fu inoltre rappresentante stabile della Santa Sede presso le varie organizzazioni internazionali a Vienna.

Operemodifica | modifica sorgente

  • Beitrag für einen Dialog über die Themen des Kirchenvolks-Begehrens, Vienna, Nunziatura Apostolica, 1995.
  • Dialog in Wahrheit und Liebe (a cura di Egon Kapellari e Herbert Schambeck), Graz, Styria, 1997. ISBN 3-222-12546-5
  • Die Apostolischen Nuntien in Wien, Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 2000, ISBN 88-209-7055-4.

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Gran Decorazione d'Onore in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Decorazione d'Onore in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
immagine del nastrino non ancora presente Commendatore dell'Ehrenzeichen des Landes Burgenland (Austria)
Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania (Germania)

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Predecessore Arcivescovo titolare di Tiburnia Successore Archbishop CoA PioM.svg
Emilio Benavent Escuín 31 agosto 1978 - 5 marzo 2006 Víctor René Rodríguez Gómez
Predecessore Nunzio apostolico in Burundi Successore Flag of the Vatican City.svg
Nicola Rotunno 31 agosto 1978 - 16 settembre 1981 Bernard Henri René Jacqueline
Predecessore Pro-nunzio apostolico in Gabon Successore Flag of the Vatican City.svg
Giuseppe Uhac 16 settembre 1981 - 1º luglio 1989 Santos Abril y Castelló
Predecessore Pro-nunzio apostolico in Camerun Successore Flag of the Vatican City.svg
Giuseppe Uhac 16 settembre 1981 - 1º luglio 1989 Santos Abril y Castelló
Predecessore Pro-nunzio apostolico in Guinea Equatoriale Successore Flag of the Vatican City.svg
Giuseppe Uhac 16 settembre 1981 - 1º luglio 1989 Santos Abril y Castelló
Predecessore Nunzio apostolico in Austria Successore Flag of the Vatican City.svg
Michele Cecchini 1º luglio 1989 - 8 ottobre 2002 Giorgio Zur

Controllo di autorità VIAF: 23058364 LCCN: n98001768








Creative Commons License