Edgardo Ciani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Edgardo Ciani (Rocca San Casciano, 7 ottobre 1864Rocca San Casciano, 14 settembre 1942) è stato un matematico italiano.

Si era laureato nel 1886 a Pisa, dove era stato normalista, e rimase per oltre un decennio in quella Università quale assistente di Angiolo Nardi Dei, Riccardo De Paolis ed Eugenio Bertini. Insegnò poi negli Istituti Tecnici di Messina e di Milano, finché, nel 1906, fu nominato, in seguito a concorso, professore di Geometria proiettiva all'Università di Genova; in questa città insegnò pure nella Scuola Navale Superiore. Nel 1925 fu chiamato alla neo-costituita sezione matematica della Facoltà di Scienze dell'Università di Firenze, ove con Giovanni Sansone operò per la organizzazione dell'Istituto di Matematica. Qui rimase sino al collocamento a riposo nel 1935.

Autore di numerosi lavori geometrici nell'indirizzo proiettivo, di cui una cinquantina furono raccolti in due volumi, pubblicati a Padova (Cedam, 1937). Fra essi prevalgono alcuni sulle curve piane del 4º ordine e le superfici del 3°, nonché quelli dedicati a talune configurazioni (di Kummer, del pentaedro, etc.).

Ebbe come allievi Federigo Enriques e Guido Fubini.

Operemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License