Elena Vesnaver

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Elena Vesnaver (Trieste, 21 febbraio 1964) è una scrittrice italiana, autrice di romanzi e testi teatrali.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Elena Vesnaver nasce a Trieste il 21 febbraio 1964 e attualmente vive a San Vito al Tagliamento in provincia di Pordenone.

Nel 1980 inizia a frequentare l'Istituto d'Arte Drammatica a Trieste, dal quale esce diplomata nel 1983. Nel 1982 inizia la sua collaborazione, che durerà fino agli anni '90, con la sede RAI di Trieste, prendendo parte a diversi sceneggiati radiofonici trasmessi sul territorio nazionale. Nel 1986 lavora con la Compagnia teatrale La Contrada e prende parte allo spettacolo Bandiera con la regia di Francesco Macedonio.

Nel 1988 è tra i fondatori la Compagnia Teatrodellaluna che si occupa per diversi anni di teatro ragazzi e teatro di servizio ed è di questo periodo il suo avvicinamento alla scrittura che la porta a scrivere i testi, sia originali che riscritture, dei suoi spettacoli. Nel 2008 inizia a interessarsi di teatro civile scrivendo e rappresentando lo spettacolo Tutti mi chiamano bionda sulla vita delle operaie in filanda, con la consulenza storica di Giuseppe Mariuz e ispirato ai ricordi di Gilberta Antoniali. Lo scrivere fa quindi da sempre parte della sua vita professionale, infatti inizia scrivendo testi originali e adattamenti per la sua compagnia teatrale. Amante della cosiddetta letteratura “di genere”, preferisce scrivere noir e thriller, con qualche sortita nella letteratura per ragazzi. E sono proprio due libri per ragazzi editi dalla Edicolors (Genova) le sue due prime pubblicazioni: Le storie di Pozzo (una rielaborazione di Aspettando Godot di Samuel Beckett) ed Elide dov'è? Il mistero della bidella scomparsa (un giallo under 12). Nel 2005 conquista il terzo posto al concorso Profondo Giallo con La faccia nera della luna, che poco dopo pubblica con la Magnetica Edizioni di Napoli; nel novembre 2006, la casa editrice Cut-up, inserisce nell’antologia Lost Highway Motel il racconto Flor e sempre nel novembre dello stesso anno esce la raccolta di racconti per ragazzi Strane storie d'amore per la casa editrice Castalia. A fine maggio 2007, sempre con la Magnetica Edizioni, pubblica il libro, Sixta pixta rixa xista, una storia di stregoneria ambientata nella Cormòns del 1600 e dopo pochi mesi il racconto L’ora di andare è inserito nell’antologia Tutto il nero dell’Italia edita dalle Edizioni Noubs, a rappresentare il Friuli Venezia Giulia. Nel 2008 esce in edizione minilibro Flor, che la casa editrice 18:30 Edizioni (Grosseto) presenta al Pisa Book Festival riscuotendo un notevole successo.

Altri suoi racconti sono presenti in diverse antologie: Il matto di Blackburne in Giallo Scacchi edito da Edizioni Ediscere; Pepesale in Guida Galattica dei Gourmet pubblicato da Robin Edizioni; Tutto cominciò che sul numero autunno 2008 di Tratti, rivista letteraria della casa editrice MobyDick Il buio di una storia in Assurdotempo e l’esatta logica edito da Edizioni Corsare. Teodora, la neve e le lops ta spongje in Lo sport in rosa edito da Perrone. Sottopelle in L’oscura malinconia dei sensi per Demian Editore. Vince lo Sherlock Magazine Award 2008 con Il caso dell'unicorno nero e il racconto appare sul numero 13 della rivista dedicata agli appassionati di Sherlock Holmes. Il libro Le ragioni dell'inverno, un giallo dalle sfumature fosche, esce nel giugno 2009 per la A.Car Edizioni e nello stesso periodo la casa editrice Lineadaria pubblica Cime Tempestose (odio i fantasmi) con le belle illustrazioni di Sandro Natalini. Il suo monologo Un problema delicato è risultato tra i vincitori del concorso per corti teatrali Mai detto, m’hai detto nel 2009 ed è stato rappresentato a Porto Sant'Elpidio il 29 maggio durante il Festival di Microdrammaturgia. Il monologo Un bel posto tranquillo ha avuto la menzione speciale dell’Istituto di Storia della Resistenza di Cuneo per il miglior testo a contenuto politico sociale, all’interno del concorso Per Voce Sola 2009.

Collabora con il settimanale Confidenze, per il quale ha scritto in esclusiva i romanzi a episodi Amore & Caramello e La vita secondo Giulietta, oltre ai romanzi brevi Sfida d’amore , Adesso baciami, Alto, bruno, bella presenza, Il coraggio di fuggire e Tre donne. Inoltre scrive anche per Intimità che ha pubblicato il romanzo in dieci puntate Mare d'autunno, oltre a tantissime novelle. Dal 2000 tiene corsi di lettura critica e ad alta voce e di scrittura creativa sia per adulti che per ragazzi. Nel 2010 il progetto Notte di pioggia vince il primo concorso per cene con delitto, indetto dalla Compagnia Studionovecento. Continua la progettazione di cene con delitto con La colpa è del cinese, rappresentato dalla Compagnia Teatrale Proscenium in tutto il Triveneto. Nel settembre 2011 è stata presente al Festival del Gotico a Roma con un nuovo murder game scritto per l’occasione. Insieme a Giuseppe Mariuz firma per la sede RAI del FVG lo sceneggiato radiofonico in quattro puntate Pantera il ribelle tratto dall’omonimo libro di Giuseppe Mariuz e che racconta la vita del giovane partigiano di San Vito al Tagliamento Giuseppe Del Mei. Attualmente collabora in qualità di regista e autore con la Compagnia Teatrale Proscenium, presso la quale tiene corsi di tecnica teatrale.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Romanzimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License