Elena di Nassau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elena di Nassau
Elena di Nassau
Elena, Principessa di Waldeck e Pyrmont
Principessa di Waldeck e Pyrmont
Nome completo Helena Wilhelmina Henriette Pauline Marianne
Nascita Wiesbaden, Ducato di Nassau, 18 agosto 1831
Morte Pyrmont, Principato di Waldeck e Pyrmont, 28 ottobre 1888
Casa reale Nassau-Weilburg
Waldeck e Pyrmont
Padre Guglielmo, Duca di Nassau
Madre Principessa Paolina di Württemberg
Consorte Giorgio Vittorio, Principe di Waldeck e Pyrmont
Figli Principessa Sofia
Paolina, Principessa di Bentheim e Steinfurt
Maria, Principessa Guglielmo di Württemberg
Emma, Regina dei Paesi Bassi
Elena, Duchessa di Albany
Federico, Principe di Waldeck e Pyrmont
Elisabetta, Principessa di Erbach-Schönberg

Principessa Elena di Nassau (in tedesco: Prinzessin Helene Wilhelmine Henriette Pauline Marianne von Nassau-Weilburg[1]; Wiesbaden, 18 agosto 1831Bad Pyrmont, 28 ottobre 1888) fu una principessa di Nassau-Weilburg per nascita[1] e principessa di Waldeck e Pyrmont per matrimonio.

Famiglia d'originemodifica | modifica sorgente

Suo padre era il duca Guglielmo di Nassau[1], figlio maggiore del principe Federico Guglielmo di Nassau-Weilburg e di sua moglie Luisa Isabella di Kirchberg; sua madre era la principessa Paolina di Württemberg[1], figlia del principe Paolo Federico di Württemberg e della principessa Carlotta di Sassonia-Hildburghausen.
Elena era quindi sorella minore del granduca Adolfo di Lussemburgo e sorella maggiore di Sofia di Nassau, futura regina consorte di Svezia come moglie del re Oscar II.

Matrimoniomodifica | modifica sorgente

Elena il 26 settembre 1853[1], nella città di Wiesbaden, sposò il principe Giorgio Vittorio di Waldeck e Pyrmont, figlio del principe Giorgio II di Waldeck e Pyrmont e di sua moglie, la principessa Emma di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym.
Dal loro matrimonio nacquero sette figli:[1]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d e f Darryl Lundy, Genealogia della principessa Elena di Nassau, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 3 novembre 2010.







Creative Commons License