Elia Speleota

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Elia Speleota

Monaco

Nascita 863
Morte 11 settembre 960
Venerato da Chiesa cattolica, Chiese ortodosse
Ricorrenza 11 settembre
Attributi abito monacale con un pastorale

Sant' Elia Speleota, al secolo Elia Bozzetta (Reggio Calabria, 863Melicuccà, 11 settembre 960), è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa ortodossa.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Elia chiamato Speleota (dal greco "abitante di grotte") per distinguerlo dai santi Elia profeta ed Elia Juniore, nacque a Reggio Calabria da Pietro Bozzetta e Leonzia de Leontinis, ricchi nobili della città.

A diciotto anni, Elia rifiutò la proposta della madre di sposare una giovane nobile e di farsi una famiglia; fuggì di casa andando in penitenza a Taormina e poi in pellegrinaggio a Roma dove, nell'abbazia di Grottaferrata, prese l'abito monastico di Basilio Magno.

Tornato a Reggio, dopo poco tempo andò in oriente con il monaco Arsenio col quale raggiunsero Patrasso. Durante la sua assenza i Saraceni sbarcarono in Calabria facendo stragi e catturando molti abitanti come schiavi. Al suo ritorno Elia decise di ritirarsi a vita di penitenza nella grotta di Melicuccà, insieme ai monaci Cosma e Vitale.

Ben presto dai paesi limitrofi, iniziò un flusso di pellegrini attratti dalla sua fama di santità, che volevano ricevere conforto ed incoraggiamento.

Elia morì nel 960 all'età di 97 anni.

Il cultomodifica | modifica sorgente

La commemorazione liturgica ricorre l'11 settembre, giorno della morte di Elia che fu sepolto nella grotta dove, secondo la tradizione devozionale, egli stesso con le proprie mani aveva scavato un sepolcro; il suo corpo rimase sepolto nella grotta fino al 2 agosto 1747, quando un giovane di Melicuccà, Antonio Germanò, ne scoprì le ossa ed alla sola vista delle reliquie sarebbe miracolosamente guarito da una grave malattia. L'episodio è attestato da un atto pubblico del notaio locale Carmelo Fantoni datato 12 agosto dello stesso anno.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • La Nobiltà reggina antica e moderna fino al 1758 (Luigi Manzi): famiglia Laboccetta

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License