Elisio Gabardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elisio Gabardo
Elisio Gabardo.JPG
Dati biografici
Nome Eliseu Gabardo
Nazionalità Brasile Brasile
Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Carriera
Giovanili
1932 Palestra Italia Palestra Itália
Squadre di club1
1933-1935 Palestra Italia Palestra Itália 58 (34)
1935-1938 Milan Milan 62 (9)
1938-1939 Liguria Liguria 26 (8)
1939-1941 Genova 1893 Genova 1893 29 (13)
1947-1948 Gattinara Gattinara  ? (?)
Nazionale
1938 Italia Italia B 1 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Eliseu Gabardo, noto anche come Elisio (Curitiba, 1º luglio 1911 – ...), è stato un calciatore brasiliano naturalizzato italiano, noto per essere il primo calciatore brasiliano della storia del Milan.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Proveniente dal Palestra Italia di San Paolo, l'attuale Palmeiras, nel 1935 viene ingaggiato, insieme al compagno di squadra Vicente Arnoni, dal Milan.

Al contrario del connazionale, tornato a fine stagione in patria (per poi tornare al Milan l'annata successiva) Gabardo resta a Milano per tre stagioni dove viene schierato spesso in campo segnando 9 reti in 62 presenze. Nell'estate 1938 viene ceduto al Liguria.

A Genova, in coppia con Angelo Bollano, è protagonista del miracolo-Liguria che nella stagione 1938-1939 conquista il titolo di campione d'inverno, per poi cedere alla distanza, chiudendo al quinto posto. A fine stagione passa ai rivali cittadini del Genoa. Nella stagione di militanza nel Liguria, grazie al suo status di oriundo, disputa un incontro con la Nazionale italiana B contro una selezione della Francia del Sud-Est.[1]

In rossoblu Gabardo, complice alcuni problemi fisici, non riesce a scendere in campo con regolarità, andando a segno 13 volte in 29 partite disputate. Nell'estate 1941 lascia il Genoa.

Dopo la seconda guerra mondiale gioca nel Gattinara in Serie C.

Ha totalizzato complessivamente 118 presenze e 30 reti in Serie A.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Almanacco Illustrato del calcio 2005, edizioni Panini

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License