Elizabeth Bolden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Elizabeth (Lizzie) Bolden nata Jones (Somerville, 15 agosto 1890Memphis, 11 dicembre 2006) è stata una supercentenaria statunitense di 116 anni e 118 giorni.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Elizabeth Jones nacque in Tennessee da una coppia di ex schiavi. Due censimenti degli Stati Uniti attestavano la sua età: in quello del 1900 risultava di 9 anni (nata nell'agosto 1890), quello del 1910 confermava l'età (all'epoca 19 anni) e la attestava già coniugata e con un figlio. Dopo la distruzione degli archivi della contea di Fayette in un incendio (1925), la famiglia supponeva fosse del 1891, ma le ricerche al riguardo dimostrarono che era più anziana di un anno. Intorno al 1908 aveva sposato un Lewis Bolden, dal quale avrebbe avuto sette figli.

Due soli di essi erano ancora in vita all'epoca della sua morte, ma la donna aveva una schiera immensa di discendenti lungo ben sei generazioni: si aggiungevano infatti 40 nipoti, 75 bisnipoti, 150 trisnipoti, 220 quadrisnipoti e 75 quintisnipoti.[1] Negli ultimi anni visse in una casa di riposo di Memphis, e i familiari, dichiarando che non era in grado di comunicare, cercarono di preservarla il più possibile dall'attenzione dei media. Acquistata notorietà come persona vivente più longeva del mondo, Lizzie Bolden apparve raramente in pubblico; fu però fotografata per due distinte pubblicazioni all'inizio del 2005, comparendo sulla rivista Jet (maggio) e sul quotidiano The Commercial Appeal.

Al compimento dei 116 anni, per la prima volta in un anno, furono però rilasciate nuove fotografie. La famiglia dichiarò che la donna stava bene e guardando avanti verso il gran giorno.[1] Il riconoscimento di Elizabeth Bolden come decana degli Stati Uniti era avvenuto nell'aprile 2005, ma retroattivamente, poiché alla morte di Emma Verona Johnston era stata indicata in un primo momento Bettie Wilson quale detentrice del primato. Un simile errore intervenne allorché la stessa Lizzie fu indicata come decana dell'umanità: il record spettava infatti a María Capovilla. Ma, come già avvenuto per Jeanne Calment, la Bolden recuperò il primato alla morte dell'ecuadoriana.

Si tratta dei due unici casi in cui ciò è avvenuto. Prima di Elizabeth, un'altra donna (l'olandese Henny van Andel) aveva ottenuto il riconoscimento al posto della Capovilla, ma era deceduta nelle ore dell'accertamento dell'età di quest'ultima e non aveva preso il primato. Lizzie Bolden è stata l'ultima superstite fra le persone nate nel 1890 e la seconda afroamericana più longeva di sempre; alla sua morte, il primato di decano dell'umanità tornò per la prima volta da vent'anni a un uomo, il portoricano Emiliano Mercado del Toro.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b (EN) Memphis woman turns 116. URL consultato il 20-1-2009.
Predecessore
Emma Verona Johnston
Decana degli Stati Uniti
1º dicembre 2004 – 11 dicembre 2006
Successore
Emma Tillman
Predecessore
María Capovilla
Decana dell'umanità
27 agosto 2006 – 11 dicembre 2006
Successore
Emiliano Mercado
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License