Enrico Rossi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo ciclista italiano, vedi Enrico Rossi (ciclista).
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo pallanuotista italiano, vedi Enrico Rossi (pallanuotista).
Enrico Rossi
Enrico Rossi.JPG

Presidente della Regione Toscana
In carica
Inizio mandato 16 aprile 2010
Predecessore Claudio Martini

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Rossi durante la campagna elettorale 2010.

Enrico Rossi (Bientina, 25 agosto 1958) è un politico italiano, presidente della Regione Toscana dal 2010.

Toscana

Flag of Tuscany.svg
La Politica in Toscana




modifica

Categorie: Politica, Diritto e Stato
Portale Toscana
Progetto Toscana

Biografiamodifica | modifica sorgente

Enrico Rossi è nato a Bientina da una famiglia operaia, il 25 agosto 1958. Dopo aver conseguito la maturità classica al liceo classico di Pontedera prosegue i suoi studi presso l'università di Pisa, iscrivendosi alla facoltà di filosofia. All'età di 24 anni si laurea con una tesi sulla filosofa ungherese Agnes Heller e nel 1985 intraprende l'attività giornalistica presso la redazione de Il Tirreno. Inizia poi ad avvicinarsi alla politica locale nelle file del PCI e diviene sindaco di Pontedera nel 1990, riuscendo ad ottenere più del 60% dei voti. Rossi mantiene la carica di sindaco fino al 1999; in questi anni, il suo impegno è anzitutto volto ad impedire la delocalizzazione della Piaggio.

Dal 2000 al 2010 è assessore alla Sanità nella giunta regionale toscana presieduta da Claudio Martini e alle elezioni primarie toscane del 2005 risulta essere il candidato che ha ottenuto il maggior numero di preferenze.

Il 29 marzo 2010 viene eletto alla presidenza della regione Toscana con il 59,7% dei voti, sostenuto da Partito Democratico, Italia dei Valori, Sinistra Ecologia Libertà e Federazione della Sinistra[1] e il 16 aprile successivo si insedia come nuovo presidente[2].

Il lavoro nella sanitàmodifica | modifica sorgente

Il risultato elettorale ottenuto da Enrico Rossi nelle elezioni regionali del 2010 è stato condizionato dal lavoro svolto alla guida della sanità toscana, che era stata ritenuta l'unica regione italiana ad essere riuscita a chiudere in pareggio il bilancio[3] per l'assistenza sanitaria. Recentemente è stato coinvolto nelle vicenda del buco di bilancio alla Asl 1 di Massa (270 milioni circa) dovuto ad un palese falso in bilancio che ha messo in discussione il lavoro svolto da Enrico Rossi alla guida della sanità toscana[4] che solo in una fase molto successiva agli ammanchi ha denunciato incongruenze nel bilancio 2010 approvato e certificato[5]. Attualmente per la vicenda è detenuto in carcere Ermanno Giannetti, ex direttore amministrativo della Asl 1 di Massa.

Provvedimenti giudiziarimodifica | modifica sorgente

Nel novembre 2012 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Massa con l'accusa di falso ideologico. La vicenda si inserisce nell'ambito dell'inchiesta sul deficit finanziario dell'Asl 1 di Massa Carrara[6].

Curiositàmodifica | modifica sorgente

  • Secondo l'istituto di sondaggi Datamedia, risulta essere il presidente di regione più amato d'Italia nel 2013.[7]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Regione Toscana, Elezioni regionali 2010: risultati Regione Toscana. URL consultato il 29-03-2010.
  2. ^ Toscana Notizie, Cambio della guardia: Rossi proclamato presidente. URL consultato il 21-04-2010.
  3. ^ Regione Toscana, Pareggio del bilancio.
  4. ^ La Nazione, Arresti per il buco milionario alla ASL di Massa.
  5. ^ La Nazione, Interrogati: non siamo stati noi a truccare il bilancio 2010.
  6. ^ La Nazione -
  7. ^ Regioni, Datamedia: Rossi, Zingaretti e Zaia i presidenti più amati in ASCA, 29 ottobre 2013. URL consultato il 29 ottobre 2013 (archiviato il 29 ottobre 2013).

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License