Enzio d'Antonio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enzio d'Antonio
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
In fraternitatis amore
Titolo Lanciano-Ortona
Incarichi attuali Arcivescovo emerito di Lanciano-Ortona
Nato 16 maggio 1925 a Lanciano
Ordinato presbitero 29 giugno 1949
Consacrato arcivescovo 11 maggio 1975 dal cardinale Antonio Poma

Enzio d'Antonio (Lanciano, 16 maggio 1925) è un arcivescovo cattolico italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nasce il 16 maggio 1925 a Lanciano, dove riceve la sua formazione, nel Seminario diocesano della città, per poi proseguire nel Seminario Regionale "S. Pio X" di Chieti.

Viene ordinato presbitero il 29 giugno 1949.

Il 18 marzo 1975 è nominato vescovo di Trivento e coadiutore di Campobasso-Bojano. Riceve la consacrazione epsicopale l'11 maggio dello stesso anno dal cardinale Antonio Poma, coconsacranti gli arcivescovi Enrico Bartoletti e Leopoldo Teofili.

Fino al 1977 guida la diocesi di Trivento; dal 1977 al 1979 l'arcidiocesi di Campobasso-Boiano.

Arcivescovo titolare di Velebusdo dal 1979, si sta preparando alla missione "ad gentes", quando l'improvvisa morte di Teofili gli fa accettare la nomina ad arcivescovo nella sua città natale.

Guida l'arcidiocesi di Lanciano e la diocesi di Ortona (dal 1986 unite nell'arcidiocesi di Lanciano-Ortona) dal 1982 al 2000.

Predecessore Vescovo di Trivento Successore BishopCoA PioM.svg
Achille Palmerini 18 marzo 1975 - 1977 Antonio Valentini
Predecessore Arcivescovo di Campobasso-Boiano Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Alberto Carinci 31 gennaio 1977 - 24 giugno 1979 Pietro Santoro
Predecessore Arcivescovo titolare di Velebusdo Successore Archbishop CoA PioM.svg
Peter Yariyok Jatau 24 giugno 1979 - 13 maggio 1982 José Manuel Estepa Llaurens
Predecessore Arcivescovo di Lanciano e Vescovo di Ortona Successore Archbishop CoA PioM.svg
Leopoldo Teofili 13 maggio 1982 - 30 settembre 1986 -
Predecessore Arcivescovo di Lanciano-Ortona Successore Archbishop CoA PioM.svg
- 30 settembre 1986 - 25 novembre 2000 Carlo Ghidelli







Creative Commons License