Ernesto Ambrosini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ernesto Ambrosini
Dati biografici
Nazionalità bandiera Regno d'Italia
Atletica leggera Atletica leggera
Dati agonistici
Specialità Siepi
Palmarès
Giochi olimpici 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Ernesto Ambrosini (Monza, 29 settembre 1894Monza, 4 novembre 1951) è stato un atleta italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Iniziò l'attività podistica nel 1912 nella polisportiva Veloce Club Monzese. Passò in seguito all'Unione Sportiva Monza[1][2] in cui divenne il responsabile della sezione atletica[3].

Partì a servire la patria nel conflitto mondiale nel 1915 con il fratello gemello Michele, calciatore della Pro Lissone, con cui incredibilmente condivise analoghe situazioni. Entrambi furono nello stesso periodo feriti e ricoverati in un ospedale militare, ma il fratello perì a seguito di complicazioni.

Ernesto recuperò la condizione e già nel 1918 tornò dopo la convalescenza alle gare di mezzo fondo in cui fu spesso contrapposto a Carlo Speroni e non sempre nelle posizioni secondarie.

Tesseratosi nel 1919 per la storica associazione monzese Forti e Liberi, prese parte ai Giochi Olimpici del 1920 ad Anversa nella specialità dei 3000 metri siepi, vincendo la medaglia di bronzo. Partecipò anche all'olimpiade di Parigi del 1924.

È stato detentore di due primati nazionali. Morto nel 1951, è sepolto nel Cimitero di Monza sul lato destro del vialetto centrale.

A lui fu a lungo dedicato il campo sportivo comunale del Centro Singer, costruito nel 1936, che ospitava un anello in tartan.

Record mondialimodifica | modifica sorgente

  • 3000 metri siepi: 9'36"6 (Francia Parigi, 9 giugno 1923)[4]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Notizie tratte da "Il Cittadino di Monza" che ha pubblicato diverse cronache dell'epoca.
  2. ^ Tesserato per l'Unione Sportiva Monza come risulta dai verbali della F.I.S.A. pubblicati da gennaio a giugno 1914 dal settimanale milanese "La Lettura Sportiva" conservato rilegato presso la Biblioteca Nazionale Braidense di Milano.
  3. ^ Opuscolo del "Triplo giro di Monza" conservato nella cartella dei documenti comunali relativi alle società sportive del periodo 1910/1930 (Archivio del Comune di Monza, largo Esterle a Monza) con allegata la richiesta fatta al Sindaco per un premio sportivo.
  4. ^ Ernesto Ambrosini, fidal.it. URL consultato il 24 febbraio 2012.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License