Eugène Vermersch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eugène Vermersch

Eugène Vermersch (Lilla, 13 agosto 1845Londra, 9 ottobre 1878) è stato un poeta e giornalista francese, tra i protagonisti della Comune di Parigi.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nel 1864, a 19 anni, pubblicò il suo primo libro, Le Latium moderne e nel 1867 divenne direttore della rivista satirica Le Hanneton. Collaborò a Le Figaro, alle riviste letterarie La Lune e L'Éclipse, e scrisse versi. Oppositore repubblicano del regime napoleonico, collaborò a La Marseillaise di Henri Rochefort nel 1870 e a Le Cri du Peuple nel 1871. Fu più volte condannato a causa dei suoi articoli.

Aderì alla Comune e con Maxime Vuillaume e Alphonse Humbert fondò Le père Duchêne, giornale il cui titolo riprende quello del quotidiano di Hébert. Dopo la Settimana di sangue si rifugiò in Belgio e poi in Olanda da dove fu espulso. Si stabilì a Londra, dove fondò il giornale Qui vive e il Vermersch-Journal che ebbero breve vita come altri giornali da lui fondati. Stretto dalla miseria, dovette collaborare in forma anonima al Grelot, un settimanale pubblicato a Parigi che egli redigeva praticamente da solo e per pochi soldi, e scrivere feuilletons.

Sostenne dure polemiche con altri rifugiati comunardi come Édouard Vaillant, François Jourde, Émile Eudes. Nel 1874 partì con la moglie e il figlio per la Germania e la Svizzera. Tornato a Londra nel 1875, sofferente di crisi paranoiche, fu ricoverato in un ospedale psichiatrico dove morì nel 1878.

È l'autore de Les Incendiaires, «un capolavoro, il solo grande poema di un Comunardo».[1]

Scrittimodifica | modifica sorgente

  • Le Latium moderne, lettre à un étudiant en droit, Paris, E. Sausset, 1864
  • De l'Ostracisme littéraire, Paris, E. Sausset, 1865
  • Saltimbanque et pantins, réponse au Syllabus de M. A. Weill, Paris, E. Sausset, 1865
  • Les Printemps du cœur, Paris, E. Sausset, 1865
  • Les Hommes du jour, 2 voll., Paris, Madre, 1866-1867
  • Lettres à Mimi sur le Quartier latin, Paris, E. Sausset, 1866
  • Les Binettes rimées, Paris, aux bureaux de L'Image, 1868
  • La Chronique scandaleuse, Paris, Imprimerie Vallée, 1868
  • La Lanterne en vers de Bohême, Paris, Imprimerie parisienne, 1868
  • Le Grand testament du sieur Vermersch, Paris, Rouge frères, Dunon et Fresné, 1868
  • Les Incendiaires, Bruxelles, Les Temps Nouveaux, 1871
  • Un mot au public, London, s. i., 1874
  • Les Partageux, London, s. i., 1874
  • L'Infamie humaine, Paris, Lemerre, 1890

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ B. Noël, Dictionnaitre de la Commune, II, 1978, p. 278.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Bernard Noël, Dictionnaitre de la Commune, II, Paris, Flammarion, 1978

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License