Eugenio Maggi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eugenio Maggi (Genova, 1919Genova, 2003) è stato un anarchico e antifascista italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Operaio della San Giorgio di Sestri Ponente (Genova), partecipa alla Resistenza nella formazione partigiana anarchica Errico Malatesta e nella Brigata Alpron. Arrestato il 24 luglio 1944 a Sestri Ponente, detenuto nella questura di Genova e nel carcere di San Vittore a Milano, il 7 settembre 1944 è deportato nel campo di concentramento di Flossenbürg. Nell'ottobre del 1944 viene trasferito nel sotto-campo di Kottern, appartenente al campo di concentramento di Dachau, dove viene registrato con la matricola n. 116335, e destinato al lavoro forzato nello stabilimento in cui si costruivano le bombe volanti V2. Trasferito in seguito al campo principale di Dachau il 10 aprile 1945, viene liberato il 29 aprile del 1945 dai reparti dell'esercito statunitense.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • I confini del lager, a cura di Alberto Piccini (Mursia, 2004)
  • Il libro dei deportati (Mursia, 2009)
  • Tavole di Resistenza, a cura di Sergio Badino (Tunué, 2010)
  • Voci dal lager, a cura di Mario Avagliano e Marco Palmieri (Einaudi, 2012)

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License