Eupen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eupen
comune
Eupen – Stemma
Eupen – Veduta
Dati amministrativi
Stato Belgio Belgio
Regione Flag of Wallonia.svg Vallonia
Provincia Flag of the Province of Liège.svg Liegi
Arrondissement Verviers
Sindaco Elmar Keutgen
Territorio
Coordinate 50°37′N 6°01′E / 50.616667°N 6.016667°E50.616667; 6.016667 (Eupen)Coordinate: 50°37′N 6°01′E / 50.616667°N 6.016667°E50.616667; 6.016667 (Eupen)
Superficie 103,74 km²
Abitanti 19 254 (01-01-2012)
Densità 185,6 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 4700-4701
Prefisso 087
Fuso orario UTC+1
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Belgio
Eupen
Eupen – Mappa
Sito istituzionale

Eupen (in francese antico Néau) è il capoluogo (18.313 ab.) della Comunità germanofona del Belgio, nel Belgio orientale (Liegi) sulla Vesdre. Capoluogo di un distretto (di Eupen e Malmedy, chiamato anche Cantone Orientale) trasferito, con il Trattato di Versailles (1919), dalla Germania al Belgio. Il territorio fu di nuovo annesso alla Germania tra il 1940 e il 1945.

La città è situata a 16 km da Aquisgrana (in Germania) e a 45 km da Liegi (Belgio francofono) e Maastricht (Paesi Bassi). Gli abitanti sono per il 90% di lingua tedesca.

Dalla conversione del Belgio a stato federale, Eupen è sede del governo della Comunità Germanofona (DG) e perciò centro degli all'incirca 72.000 abitanti germanofoni, maggioranza all'interno della comunità, ma minoranza a livello nazionale.

Turismomodifica | modifica sorgente

La città si trova al margine del parco naturale delle Alte Fagne-Eifel (fr. Hautes Fagnes-Eifel, ted. Hohes Venn-Eifel), che si estende per 2.400 km2 tra la Germania e il Belgio; Eupen è circondata da boschi a est e a sud e da immensi prati nella parte occidentale.

Da vederemodifica | modifica sorgente

  • Il centro città con le case patrizie del XVIII secolo di Laurenz Mefferdatis e Johann Josef Couven
  • La chiesa di San Nicolò di Laurenz Mefferdatis con l'altare maggiore di Johann Josef Couven
  • La storica piazza Werth
  • La storica piazza del Mercato (Marktplatz)
  • La storica via Gosper (Gosperstraße)
  • Uno stabilimento del grande mastro edile barocco Johann Conrad Schlaun
  • La diga sul fiume Weser, la più importante riserva idrica del Belgio
  • Il museo della cioccolata
  • Il parco naturale delle Alte Fagne, con varie possibilità di escursioni in estate e sci di fondo in inverno
  • La diga sul fiume Gileppe nelle vicinanze

Economiamodifica | modifica sorgente

  • Produzione di cavi
  • Stabilimenti per la lavorazione della plastica
  • Produzione di cioccolata
  • Importante via di comunicazioni
  • Il plurilinguismo degli abitanti e l'immediata vicinanza a grandi università (Aquisgrana, Liegi, Maastricht)

Sportmodifica | modifica sorgente

È sede del K.A.S. Eupen, società calcistica militante nella massima serie belga.

Storia in brevemodifica | modifica sorgente

  • 1213 Prima menzione della località di Eupen e della cappella di San Nicolò riferite al Ducato di Limburgo
  • 1288 Con la battaglia di Worringen, sotto Giovanni I di Brabante cade il Ducato di Limburgo
  • 1387 Brabante e Limburgo passano ai Burgundi. Eupen viene devastata da un incendio durante la guerra contro i Gelder.
  • 1477 Eupen passa con il Brabante e Limburgo agli Asburgo
  • 1544 Il kaiser Carlo V conferisce il diritto di tenere due mercati annuali liberi
  • 1554 Eupen è conosciuta per il suo commercio di tessuti e chiodi
  • 1555 Eupen passa con il Brabante e Limburgo agli Asburgo spagnoli
  • 1565 Prima menzione del movimento protestante ad Eupen
  • 1582 Eupen viene ridotta in cenere per il 50% nella notte per mano dei soldati di ventura olandesi
  • 1627 Eupen conta 700 case e più di 2.000 credenti adulti
  • 1635 Un'epidemia di peste decima la popolazione di Eupen
  • 1648 Eupen diventa libera signoria con un proprio tribunale
  • 1674 Con il conferimento del sigillo, Eupen riceve anche il diritto di chiamarsi città
  • 1680 Il periodo di massima fioritura per Eupen inizia con l'edificazione di un'industria manifatturiera di veli
  • 1688 Eupen riceve il diritto di tenere cinque mercati annuali
  • 1695 Eupen viene elevata a parrocchia
  • 1713 Dopo la Pace di Utrecht, Eupen passa con il Brabante storico e Limburgo agli Asburgo austriaci
  • 1783 Istituzione del Kaufmannkollegium, una sorta di camera di commercio
  • 1787 Istituzione di un tribunale di prima istanza ad Eupen
  • 1794 Eupen passa sotto il dominio francese ed appartiene al dipartimento dell'Ourte, prefettura di Liegi, sottoprefettura di Malmedy
  • 1815 Successivamente al Congresso di Vienna, Eupen viene a far parte della provincia del Reno, nel Regno di Prussia
  • 1827 Pubblicazione del primo giornale ad Eupen
  • 1864 La Città di Eupen riceve lo stemma cittadino
  • 1872 Istituzione della Parrocchia di San Giuseppe come seconda parrocchia di Eupen
  • 1920 Con il trattato di Versailles, Eupen viene ceduta al Belgio. Fino al 1925 il generale Herman Baltia regge il governatorato di Eupen-Malmedy
  • 1940 (18 maggio) annessione dei territori di Eupen, Malmedy e Sankt Vith alla Germania nazista
  • 1945 Liberazione del Belgio
  • 1975 Gemellaggio con Temse, nelle Fiandre
  • 1977 Il comune di Kettenis viene fuso al comune di Eupen
  • 1983 Il re Baldovino I conferisce un nuovo stemma alla città
  • 1983 Con la riforma federalista del Belgio, Eupen diviene sede del primo governo della Comunità Germanofona

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Belgio Portale Belgio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Belgio







Creative Commons License