Evert Skoglund

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Evert Skoglund
Evert Skoglund.jpg
Evert Skoglund con la maglia del Lecce (1977)
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Carriera
Giovanili
1964-1972 Inter Inter
Squadre di club1
1972-1974 Inter Inter 6 (0)
1974-1976 Sant'Angelo Sant'Angelo 60 (22)
1976-1977 Lecco Lecco 26 (5)
1977-1978 Lecce Lecce 29 (3)
1978-1982 Piacenza Piacenza 79 (14)
1982-1983 Pro Patria Pro Patria 12 (1)
1983-1984 Latina Latina 22 (2)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Evert Skoglund (Milano, 10 maggio 1953) è un ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista offensivo.

Appartiene ad una famiglia di grande tradizione calcistica: il padre Lennart Skoglund ha giocato nell'Inter, nella Sampdoria e nella Svezia, mentre il fratello Giorgio, cresciuto nel Milan, ha giocato soprattutto nelle serie minori[1].

Carrieramodifica | modifica sorgente

A 11 anni entra nelle giovanili dell'Inter[1], con cui vince il Torneo di Viareggio 1971[2], e fa il suo esordio in Serie A proprio con i nerazzurri di Giovanni Invernizzi, nella stagione 1972-1973 sul campo della Lazio. Nell'Inter colleziona 6 presenze in due campionati[3] prima di essere ceduto in prestito nelle serie inferiori.

Nell'ottobre 1974 passa al S. Angelo[4], squadra neopromossa in Serie C. In quella stagione torna a giocare per una partita allo stadio di San Siro, in occasione della gara contro il Monza terminata 0-0[5], sfida di cartello del campionato 1974-1975. Conclude la prima stagione con 8 reti in 29 partite; riconfermato in prestito al S.Angelo[4], migliora il suo rendimento realizzando 14 reti nel campionato di Serie C 1975-1976. Rientrato all'Inter, viene nuovamente prestato in terza serie, al Lecco[4]: le realizzazioni diminuiscono (5 in 26 partite), ma conquista la Coppa Italia di Serie C e la Coppa Anglo-Italiana battendo in finale il Bath City[6].

Nell'estate 1977 l'Inter lo gira in prestito al Lecce, con cui disputa un campionato da titolare in Serie B giocando al fianco del fratello Giorgio[1]. Nella stagione successiva ritorna in Serie C1, al Piacenza, inizialmente in prestito[4] e quindi ceduto definitivamente[4]. In Emilia gioca quattro campionati da titolare, al fianco di Sante Crepaldi[7] e Giuliano Fiorini[8], che vincono la classifica cannonieri rispettivamente nel 1979 e 1980, e realizzando un massimo di 9 reti nella stagione 1980-1981[9]. Lasciata Piacenza, si trasferisce alla Pro Patria[6][10] (con cui retrocede in Serie C2) e quindi al Latina, in Serie C2.

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Lecco: 1976-1977
Lecco: 1977
Inter: 1971

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c Profilo di Giorgio Skoglund su Magliarossonera.it
  2. ^ (EN) Coppa Carnevale - Torneo Internazionale Giovanile di Viareggio Rsssf.com
  3. ^ Statistiche su Interfc.it
  4. ^ a b c d e Acquisti e cessioni Inter 1970-1980 storiainter.com
  5. ^ S.Angelo-Monza 0-0 acsantangelo1907.com
  6. ^ a b La prossima avversaria: Lecco bustocco.it
  7. ^ Rosa 1978-1979 storiapiacenza1919.it
  8. ^ Rosa 1979-1980 storiapiacenza1919.it
  9. ^ Rosa 1980-1981 storiapiacenza1919.it
  10. ^ Acquisti e cessioni 1982-1983 storiapiacenza1919.it

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License