Evoluzione del campionato italiano di calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Livellimodifica | modifica sorgente

I livellomodifica | modifica sorgente

Campionato Federale di Football
(1898-1903)
1898 · 1899 · 1900 · 1901 · 1902 · 1903
Prima Categoria
(1904-1922)
1904 · 1905 · 1906 · 1907 · 1908 · 1909 · 1909-10 · 1910-11 · 1911-12 · 1912-13 · 1913-14 · 1914-15 · 1915-16 · 1919-20 · 1920-21 · 1921-22 (F.I.G.C.)
Prima Divisione
(1921-1926)
1921-22 (C.C.I.) · 1922-23 · 1923-24 · 1924-25 · 1925-26
Divisione Nazionale
(1926-1929)
1926-27 · 1927-28 · 1928-29
Serie A
(dal 1929)
1929-30 · 1930-31 · 1931-32 · 1932-33 · 1933-34 · 1934-35 · 1935-36 · 1936-37 · 1937-38 · 1938-39 · 1939-40 · 1940-41 · 1941-42 · 1942-43 · 1943-45 · 1945-46 · 1946-47 · 1947-48 · 1948-49 · 1949-50 · 1950-51 · 1951-52 · 1952-53 · 1953-54 · 1954-55 · 1955-56 · 1956-57 · 1957-58 · 1958-59 · 1959-60 · 1960-61 · 1961-62 · 1962-63 · 1963-64 · 1964-65 · 1965-66 · 1966-67 · 1967-68 · 1968-69 · 1969-70 · 1970-71 · 1971-72 · 1972-73 · 1973-74 · 1974-75 · 1975-76 · 1976-77 · 1977-78 · 1978-79 · 1979-80 · 1980-81 · 1981-82 · 1982-83 · 1983-84 · 1984-85 · 1985-86 · 1986-87 · 1987-88 · 1988-89 · 1989-90 · 1990-91 · 1991-92 · 1992-93 · 1993-94 · 1994-95 · 1995-96 · 1996-97 · 1997-98 · 1998-99 · 1999-2000 · 2000-01 · 2001-02 · 2002-03 · 2003-04 · 2004-05 · 2005-06 · 2006-07 · 2007-08 · 2008-09 · 2009-10 · 2010-11 · 2011-12 · 2012-13 · 2013-14

II livellomodifica | modifica sorgente

Seconda Categoria
(1904-1912)
1904 · 1905 · 1906 · 1907 · 1908 · 1909 · 1909-10 · 1910-11 · 1911-12
Promozione
(1912-1922)
1912-13 · 1913-14 · 1914-15 · 1919-20 · 1920-21 · 1921-22 (F.I.G.C.)
Seconda Divisione
(1921-1926)
1921-22 (C.C.I.) · 1922-23 · 1923-24 · 1924-25 · 1925-26
Prima Divisione
(1926-1929)
1926-27 · 1927-28 · 1928-29 (Nord) · 1928-29 (Sud)
Serie B
(dal 1929)
1929-30 · 1930-31 · 1931-32 · 1932-33 · 1933-34 · 1934-35 · 1935-36 · 1936-37 · 1937-38 · 1938-39 · 1939-40 · 1940-41 · 1941-42 · 1942-43 · 1945-46 · 1946-47 · 1947-48 · 1948-49 · 1949-50 · 1950-51 · 1951-52 · 1952-53 · 1953-54 · 1954-55 · 1955-56 · 1956-57 · 1957-58 · 1958-59 · 1959-60 · 1960-61 · 1961-62 · 1962-63 · 1963-64 · 1964-65 · 1965-66 · 1966-67 · 1967-68 · 1968-69 · 1969-70 · 1970-71 · 1971-72 · 1972-73 · 1973-74 · 1974-75 · 1975-76 · 1976-77 · 1977-78 · 1978-79 · 1979-80 · 1980-81 · 1981-82 · 1982-83 · 1983-84 · 1984-85 · 1985-86 · 1986-87 · 1987-88 · 1988-89 · 1989-90 · 1990-91 · 1991-92 · 1992-93 · 1993-94 · 1994-95 · 1995-96 · 1996-97 · 1997-98 · 1998-99 · 1999-2000 · 2000-01 · 2001-02 · 2002-03 · 2003-04 · 2004-05 · 2005-06 · 2006-07 · 2007-08 · 2008-09 · 2009-10 · 2010-11 · 2011-12 · 2012-13 · 2013-14

III livellomodifica | modifica sorgente

Terza Categoria
(1906-1922)
1906 · 1907 · 1908 · 1909 · 1909-10 · 1910-11 · 1911-12 · 1912-13 · 1913-14 · 1914-15 · 1919-20 · 1920-21 · 1921-22 (F.I.G.C.)
Terza Divisione
(1921-1926)
1921-22 (C.C.I.) · 1922-23 · 1923-24 · 1924-25 · 1925-26
Seconda Divisione
(1926-1929)
1926-27 · 1927-28 · 1928-29
Prima Divisione
(1929-1935)
1929-30 · 1930-31 · 1931-32 · 1932-33 · 1933-34 · 1934-35
Serie C
(1935-1978)
1935-36 · 1936-37 · 1937-38 · 1938-39 · 1939-40 · 1940-41 · 1941-42 · 1942-43 · 1945-46 · 1946-47 · 1947-48 · 1948-49 · 1949-50 · 1950-51 · 1951-52 · 1952-53 · 1953-54 · 1954-55 · 1955-56 · 1956-57 · 1957-58 · 1958-59 · 1959-60 · 1960-61 · 1961-62 · 1962-63 · 1963-64 · 1964-65 · 1965-66 · 1966-67 · 1967-68 · 1968-69 · 1969-70 · 1970-71 · 1971-72 · 1972-73 · 1973-74 · 1974-75 · 1975-76 · 1976-77 · 1977-78
Serie C1
(1978-2008)
1978-79 · 1979-80 · 1980-81 · 1981-82 · 1982-83 · 1983-84 · 1984-85 · 1985-86 · 1986-87 · 1987-88 · 1988-89 · 1989-90 · 1990-91 · 1991-92 · 1992-93 · 1993-94 · 1994-95 · 1995-96 · 1996-97 · 1997-98 · 1998-99 · 1999-2000 · 2000-01 · 2001-02 · 2002-03 · 2003-04 · 2004-05 · 2005-06 · 2006-07 · 2007-08
Prima Divisione
(dal 2008)
2008-09 · 2009-10 · 2010-11 · 2011-12 · 2012-13 · 2013-14

IV livellomodifica | modifica sorgente

Quarta Divisione
(1922-1926)
1922-23 · 1923-24 · 1924-25 · 1925-26
Terza Divisione
(1926-1929)
1926-27 · 1927-28 · 1928-29
Seconda Divisione
(1929-1935)
1929-30 · 1930-31 · 1931-32 · 1932-33 · 1933-34 · 1934-35
Prima Divisione
(1935-1948)
1935-36 · 1936-37 · 1937-38 · 1938-39 · 1939-40 · 1940-41 · 1941-42 · 1942-43 · 1945-46 · 1946-47 · 1947-48
Promozione
(1948-1952)
1948-49 · 1949-50 · 1950-51 · 1951-52
IV Serie
(1952-1959)
1952-53 · 1953-54 · 1954-55 · 1955-56 · 1956-57 · 1957-58 (I e II Serie) · 1958-59
Serie D
(1959-1978)
1959-60 · 1960-61 · 1961-62 · 1962-63 · 1963-64 · 1964-65 · 1965-66 · 1966-67 · 1967-68 · 1968-69 · 1969-70 · 1970-71 · 1971-72 · 1972-73 · 1973-74 · 1974-75 · 1975-76 · 1976-77 · 1977-78
Serie C2
(1978-2008)
1978-79 · 1979-80 · 1980-81 · 1981-82 · 1982-83 · 1983-84 · 1984-85 · 1985-86 · 1986-87 · 1987-88 · 1988-89 · 1989-90 · 1990-91 · 1991-92 · 1992-93 · 1993-94 · 1994-95 · 1995-96 · 1996-97 · 1997-98 · 1998-99 · 1999-2000 · 2000-01 · 2001-02 · 2002-03 · 2003-04 · 2004-05 · 2005-06 · 2006-07 · 2007-08
Seconda Divisione
(dal 2008)
2008-09 · 2009-10 · 2010-11 · 2011-12 · 2012-13 · 2013-14

V livellomodifica | modifica sorgente

Terza Divisione
(1929-1935)
1929-30 · 1930-31 · 1931-32 · 1932-33 · 1933-34 · 1934-35
Seconda Divisione
(1935-1948)
1935-36 · 1936-37 · 1937-38 · 1938-39 · 1939-40 · 1940-41 · 1941-42 · 1942-43 · 1945-46 · 1946-47 · 1947-48
Prima Divisione
(1948-1952)
1948-49 · 1949-50 · 1950-51 · 1951-52
Promozione
(1952-1957)
1952-53 · 1953-54 · 1954-55 · 1955-56 · 1956-57
Campionato Dilettanti
(1957-1959)
1957-58 · 1958-59
Prima Categoria
(1959-1970)
1959-60 · 1960-61 · 1961-62 · 1962-63 · 1963-64 · 1964-65 · 1965-66 · 1966-67 · 1967-68 · 1968-69 · 1969-70
Promozione
(1967-1978)
1967-68 · 1968-69 · 1969-70 · 1970-71 · 1971-72 · 1972-73 · 1973-74 · 1974-75 · 1975-76 · 1976-77 · 1977-78
Serie D
(1978-1981)
1978-79 · 1979-80 · 1980-81
Interregionale
(1981-1992)
1981-82 · 1982-83 · 1983-84 · 1984-85 · 1985-86 · 1986-87 · 1987-88 · 1988-89 · 1989-90 · 1990-91 · 1991-92
Campionato Nazionale Dilettanti
(1992-2000)
1992-93 · 1993-94 · 1994-95 · 1995-96 · 1996-97 · 1997-98 · 1998-99 · 1999-00
Serie D
(dal 2000)
2000-01 · 2001-02 · 2002-03 · 2003-04 · 2004-05 · 2005-06 · 2006-07 · 2007-08 · 2008-09 · 2009-10 · 2010-11 · 2011-12 · 2012-13 · 2013-14

VI livellomodifica | modifica sorgente

Seconda Divisione
(1948-1952)
1948-49 · 1949-50 · 1950-51 · 1951-52
Prima Divisione
(1952-1959)
1952-53 · 1953-54 · 1954-55 · 1955-56 · 1956-57 · 1957-58 · 1958-59
Seconda Categoria
(1959-1968)
1959-60 · 1960-61 · 1961-62 · 1962-63 · 1963-64 · 1964-65 · 1965-66 · 1966-67 · 1967-68
Prima Categoria
(1968-1978)
1968-69 · 1969-70 · 1970-71 · 1971-72 · 1972-73 · 1973-74 · 1974-75 · 1975-76 · 1976-77 · 1977-78
Promozione
(1978-1991)
1978-79 · 1979-80 · 1980-81 · 1981-82 · 1982-83 · 1983-84 · 1984-85 · 1985-86 · 1986-87 · 1987-88 · 1988-89 · 1989-90 · 1990-91
Eccellenza
(dal 1991)
1991-92 · 1992-93 · 1993-94 · 1994-95 · 1995-96 · 1996-97 · 1997-98 · 1998-99 · 1999-2000 · 2000-01 · 2001-02 · 2002-03 · 2003-04 · 2004-05 · 2005-06 · 2006-07 · 2007-08 · 2008-09 · 2009-10 · 2010-11 · 2011-12 · 2012-13 · 2013-14

VII livellomodifica | modifica sorgente

Seconda Divisione
(1952-1959)
1952-53 · 1953-54 · 1954-55 · 1955-56 · 1956-57 · 1957-58 · 1958-59
Terza Categoria
(1959-1968)
1959-60 · 1960-61 · 1961-62 · 1962-63 · 1963-64 · 1964-65 · 1965-66 · 1966-67 · 1967-68
Seconda Categoria
(1968-1978)
1968-69 · 1969-70 · 1970-71 · 1971-72 · 1972-73 · 1973-74 · 1974-75 · 1975-76 · 1976-77 · 1977-78
Prima Categoria
(1978-1991)
1978-79 · 1979-80 · 1980-81 · 1981-82 · 1982-83 · 1983-84 · 1984-85 · 1985-86 · 1986-87 · 1987-88 · 1988-89 · 1989-90 · 1990-91
Promozione
(dal 1991)
1991-92 · 1992-93 · 1993-94 · 1994-95 · 1995-96 · 1996-97 · 1997-98 · 1998-99 · 1999-2000 · 2000-01 · 2001-02 · 2002-03 · 2003-04 · 2004-05 · 2005-06 · 2006-07 · 2007-08 · 2008-09 · 2009-10 · 2010-11 · 2011-12 · 2012-13 · 2013-14

VIII livellomodifica | modifica sorgente

Terza Categoria
(1968-1978)
1968-69 · 1969-70 · 1970-71 · 1971-72 · 1972-73 · 1973-74 · 1974-75 · 1975-76 · 1976-77 · 1977-78
Seconda Categoria
(1978-1991)
1978-79 · 1979-80 · 1980-81 · 1981-82 · 1982-83 · 1983-84 · 1984-85 · 1985-86 · 1986-87 · 1987-88 · 1988-89 · 1989-90 · 1990-91
Prima Categoria
(dal 1991)
1991-92 · 1992-93 · 1993-94 · 1994-95 · 1995-96 · 1996-97 · 1997-98 · 1998-99 · 1999-2000 · 2000-01 · 2001-02 · 2002-03 · 2003-04 · 2004-05 · 2005-06 · 2006-07 · 2007-08 · 2008-09 · 2009-10 · 2010-11 · 2011-12 · 2012-13 · 2013-14

IX livellomodifica | modifica sorgente

Terza Categoria
(1978-1991)
1978-79 · 1979-80 · 1980-81 · 1981-82 · 1982-83 · 1983-84 · 1984-85 · 1985-86 · 1986-87 · 1987-88 · 1988-89 · 1989-90 · 1990-91
Seconda Categoria
(dal 1991)
1991-92 · 1992-93 · 1993-94 · 1994-95 · 1995-96 · 1996-97 · 1997-98 · 1998-99 · 1999-2000 · 2000-01 · 2001-02 · 2002-03 · 2003-04 · 2004-05 · 2005-06 · 2006-07 · 2007-08 · 2008-09 · 2009-10 · 2010-11 · 2011-12 · 2012-13 · 2013-14

X livellomodifica | modifica sorgente

Terza Categoria
(dal 1991)
1991-92 · 1992-93 · 1993-94 · 1994-95 · 1995-96 · 1996-97 · 1997-98 · 1998-99 · 1999-2000 · 2000-01 · 2001-02 · 2002-03 · 2003-04 · 2004-05 · 2005-06 · 2006-07 · 2007-08 · 2008-09 · 2009-10 · 2010-11 · 2011-12 · 2012-13 · 2013-14

Cronistoria con evoluzione dei livelli del calcio italianomodifica | modifica sorgente

Situazione dal 1898 al 1903
I livello Campionato Federale di Football
Situazione dal 1904 al 1905
I livello Prima Categoria
II livello Seconda Categoria
Situazione dal 1906 al 1912
I livello Prima Categoria
II livello Seconda Categoria
III livello Terza Categoria Regionale
Situazione nel 1908 e 1909 (Campionati Federali e Italiani)
Campionati Federali Campionati Italiani
I livello Prima Categoria Prima Categoria
II livello Seconda Categoria Seconda Categoria
III livello Terza Categoria Regionale Terza Categoria Regionale

Chiusosi il primo decennio, il calcio italiano andò incontro ad importanti cambiamenti, dovuti alla decisione della FIF di italianizzare a forza il campionato, escludendovi i giocatori stranieri che pure, abbiamo visto, avevano fondato il gioco in Italia. La scelta della Federazione colpì duramente i Football Club, e diede largo spazio alle Unioni Sportive e Ginniche che, più deboli in quanto non dirette dai maestri albionici, erano però usualmente formate completamente da atleti italiani, e fino ad allora si erano interessate maggiormente al parallelo campionato organizzato dalla Federazione Ginnica. All'assemblea del 20 ottobre 1907, comunque, il presidente della Doria, Oberti, presentò un ordine del giorno con cui proponeva di organizzare un campionato parallelo a quello italiano, che fosse aperto a tutti, compresi gli stranieri:[1]

« L'Assemblea delibera che il Regolamento organico sia modificato in modo da comprendere due gare di campionato: la prima chiamata Campionato Federale, libera a tutti i soci appartenenti alle società iscritte alla Federazione, anche se stranieri..., e la seconda chiamata Campionato italiano e riservata ai soli giuocatori italiani o nazionalizzati... Alla prima sarà assegnata la Coppa Spensley... Alla seconda sarà invece assegnata la Coppa Buni... »

All'approvazione di tale ordine del giorno, la reazione dei Club classici fu durissima, sfociando addirittura nel ritiro dal torneo. LA FIF emanò dunque un ulteriore ordine del giorno:

« I delegati presenti, addolorati per il ritiro dei delegati delle società Club Torino, Milan Club, Libertas, Genoa Club, Naples FBC, affermano solennemente il concetto che nel proporre un campionato italiano riservato ai soli giuocatori italiani... hanno inteso dare maggior incremento al giuoco, diffondendolo ovunque in Italia, senza per questo pregiudicare i diritti delle società composte da giuocatori stranieri, alle quali hanno riservato la maggior gara di campionato federale. »
(Ordine del giorno della FIF, citato in Chiesa, p. 19.)

Le squadre "spurie internazionali" (composte cioè anche da stranieri) non ritornarono però sui propri passi, sia per protesta contro le nuove limitazioni contro gli stranieri, esistenti persino nel campionato federale (al quale potevano partecipare solo gli stranieri con dimora fissa in Italia), sia per il timore che, se avessero accettato la politica autarchica della Federazione, essa sarebbe stata soltanto il primo passo verso la completa epurazione degli stranieri dal campionato. Di conseguenza il Milan campione in carica, il Genoa e il Torino rifiutarono di partecipare al Campionato italiano, e si ritirarono anche dal torneo federale dopo le prime gare eliminatorie.

Nella stagione 1908 si disputarono ben due campionati separati:

  1. quello federale vinto dalla Juventus contro il Doria.
  2. quello italiano vinto dalla debuttante Pro Vercelli.

Alla Juventus non fu però assegnata la Coppa Spensley che le spettava di diritto in quanto Campione Federale, perché il Milan detentore in carica (in quanto campione d'Italia nelle stagioni 1906 e 1907) l'aveva polemicamente riconsegnata a Spensley, rappresentante del Genoa; all'inizio della stagione successiva, fu deliberato che la Coppa venisse assegnata permanentemente al Milan, la società che l'aveva vinta per due volte di fila (1906 e 1907).[2] Per quanto riguarda il Campionato italiano, snobbato dalle grandi, fu la debuttante Pro Vercelli ad aggiudicarselo, approfittando della situazione: i nuovi arrivati neutralizzarono i liguri dell'Andrea Doria e i lombardi dell'US Milanese conquistando il loro primo titolo, bissato l'anno successivo. Il nuovo calcio italiano usciva così dalle metropoli: cominciava il periodo d'oro delle provinciali.

La formula dei due tornei, uno ammettente anche gli stranieri e l'altro riservato ai soli italiani, si ripeté anche l'anno successivo (anche nelle serie inferiori):

  1. il campionato federale, aperto a tutti, fu vinto dalla Pro Vercelli[3]
  2. il campionato italiano fu invece appannaggio della Juventus, trionfante contro l'USM[4]

La Pro Vercelli vinse così la Coppa Zaccaria Oberti abbinata alla vittoria del Campionato federale, mentre la Juventus poté aggiudicarsi la Coppa Romolo Buni in quanto vincente il Campionato italiano.[5] Tuttavia, solo i due trionfi della Pro Vercelli nelle stagioni 1908 e 1909 sono riconosciuti attualmente dalla Federazione come "ufficiali", mentre i due tornei paralleli vinti dalla Juventus nei medesimi anni non vengono ritenuti tali, non venendo inseriti nell'albo d'oro del Campionato italiano di calcio. E ciò nonostante entrambi i tornei fossero stati organizzati dalla FIGC, come si evince dal suo regolamento organico per le stagioni 1908 e 1909, e la stessa FIGC all'epoca dei fatti avesse definito il campionato federale vinto dalla Juventus nel 1908 come "maggior gara" (più importante) rispetto al campionato italiano vinto dalla Pro Vercelli nel medesimo anno.[6]

Situazione dal 1912 al 1921
I livello Prima Categoria
II livello Promozione Regionale
III livello Terza Categoria Regionale
Situazione nel 1921/22 (scisma)
FIGC CCI
I livello Prima Categoria Prima Divisione
II livello Promozione Regionale Seconda Divisione Regionale
III livello Terza Categoria Regionale Terza Divisione Regionale

I fasti della Prima Divisione furono di breve durata. Ma è solo grazie all'accelerazione imposta dalla Carta di Viareggio che si è arrivati al campionato nazionale a girone unico come avveniva da decenni in Inghilterra. Fu così che nel 1926 le sue migliori società furono promosse in un neo-costituito torneo, la Divisione Nazionale, finalmente unificato fra Nord e Sud. La Prima Divisione formalmente continuò ad essere disputata, ma era ora ridotta, senza più lo scudetto in palio, a rappresentare il secondo livello del campionato italiano. Con il trascorrere degli anni poi fu ulteriormente declassata, rappresentando il terzo livello a partire dal 1929 quando fu creata la serie B, il quarto livello (riportandola nella gestione dei Comitati Regionali e con la denominazione di Prima Divisione Regionale) dal 1935 dopo l'istituzione della Serie C, il quinto livello dal 1948 e il sesto livello dal 1952 con la nascita della Serie D e della Promozione. Fu infine definitivamente abolita nel 1959 con la riforma che portò alla creazione delle tre categorie dilettantistiche regionali attuali.

Situazione dal 1922 al 1926
I livello Prima Divisione
II livello Seconda Divisione
III livello Terza Divisione Regionale
IV livello Quarta Divisione Regionale

Nel 1926 in seguito alla riforma dei campionati prevista dalla Carta di Viareggio, documento voluto dal regime fascista al fine di sottomettere il mondo del calcio alla propria autorità totalitaria, fu creata la nuova Divisione Nazionale. Il campionato italiano era disputato ad inizio secolo solo da squadre dell'Italia settentrionale, e solo nel 1912 fu istituito un torneo del Sud, la cui vincitrice avrebbe sfidato i campioni del Nord per l'assegnazione dello scudetto. Il tasso tecnico/finanziario fra le squadre delle due parti della penisola era però totalmente sproporzionato, e le finalissime nazionali si risolvevano di regola in pesanti rovesci per le rappresentanti meridionali. Il fascismo, in linea con i propri ideali nazionalistici e di unità nazionale, volle superare dunque questa dicotomia inserendo in un campionato esteso a tutta la Penisola sia squadre del Nord che le migliori società del Sud. Vennero dunque prescelti due sodalizi di Roma e uno di Napoli che potessero contendersi il titolo con le blasonate formazioni del Nord. Dopo un anno tuttavia l'esperimento sembrò già in crisi poiché tutte e tre le rappresentanti del Sud erano risultate retrocesse, schiacciate dalla prepotenza finanziaria delle rivali settentrionali. Federazione e Governo non si diedero però per vinti e, ribadendo i propri propositi, decisero di ripescare le malcapitate, operando un ennesimo allargamento del campionato.

Situazione dal 1926 al 1928
I livello DDS
Divisione Nazionale
Nazionale
a gironi nazionali
II livello DDS
Prima Divisione
Nazionale
a gironi interregionali
III livello DDIN & DDIS
Seconda Divisione
Subnazionale
a gironi interregionali
IV livello Direttori Regionali
Terza Divisione
Regionale
a gironi unici o interprovinciali

Note: seguendo le direttive stabilite dalla Carta di Viareggio, Leandro Arpinati guidò la FIGC nell'estate del 1928 a raggiungere gli obiettivi prefissati e introdurre quella novità che divenne tappa storica per il Calcio italiano. Il mondo del pallone tricolore era infatti oramai pronto per dare una svolta che lo portasse ad assumere un'organizzazione simile a quella dei maestri inglesi; per raggiungere tale scopo si era progressivamente allargato il lotto delle squadre "pronte" e "preparate" per concorrere a dei campionati sempre più lunghi e impegnativi. Fu così decisa quella svolta che portò all'introduzione anche in Italia della formula del Girone Unico all'inglese. Non si trattava in realtà di un'assoluta novità, essendo già stata sperimentata nella stagione 1909-10; tuttavia fu quella un'esperienza estemporanea, subito travolta dall'elefantiaco ingrandimento del torneo.


Dalla stagione successiva, le grandi squadre sarebbero state riunite in un nuovo torneo, la Serie A, mentre le escluse avrebbero costituito l'altrettanto inedita Serie B. A tal fine, Arpinati decise unilateralmente l'allargamento una tantum di quello che a quel punto sarebbe stato l'ultimo torneo di Divisione Nazionale. Con decreto federale furono ripescate le quattro retrocesse del precedente torneo, fra cui la Lazio, società destinata a dare con la Roma un'adeguata visibilità alla Capitale. Vennero quindi promosse d'ufficio le seconde classificate dei quattro gironi della Prima Divisione appena conclusa, tra cui spiccavano due società rappresentanti capoluoghi regionali, cioè il Venezia e la giovanissima Fiorentina. A completare l'organico vennero iscritte d'ufficio la Fiumana e la Triestina, con l'evidente obiettivo politico di inserire nel giro del grande calcio quei territori orientali annessi dall'Italia nel 1919 dopo la vittoria nella Grande Guerra, ma che fino a quel punto non erano riusciti a scalfire le gerarchie del consolidato calcio della Penisola.

I due gironi da sedici squadre così costruiti avrebbero dunque avuto il duplice scopo sia di assegnare il titolo del 1929 - che per ovvi motivi di tempistica a quel punto non sarebbe stato disputato con un torneo conclusivo, bensì reintroducendo per un'ultima volta la finale secca -, sia quello di suddividere le società in un raggruppamento d'élite e in uno cadetto per le stagioni a venire: in particolare, metà delle società avrebbero costituito la Serie A, mentre le altre la Serie B.

I campionati della ex Lega Sud tra molte difficoltà logistiche e amministrative intanto iniziavano ad essere abbozzati. La FIGC dette un netto strattone alle squadre che già disponevano di un impianto sportivo e che potevano permettersi di pagare un notevole deposito cauzionale proporzionato ad un campionato composto, secondo la distribuzione geografica delle iscritte, da almeno 6 squadre e da un solo girone di 12 in cui erano accorpate il Cagliari e le tutte squadre laziali. Il Direttorio Meridionale, infatti, decise solo per la stagione 1928/29 di non organizzare il campionato di Seconda Divisione e di portare direttamente in Prima Divisione le neo promosse dai campionati regionali e le squadre sopravvissute alla stagione precedente. Il bilancio di fine stagione fu positivo: il numero delle squadre rinunciatarie e finanziariamente impreparate a sostenere le spese della gestione di questi campionati si ridusse drasticamente.

Situazione nel 1928/29
I livello DDS
Divisione Nazionale
Nazionale
a gironi nazionali
II livello DDS
Prima Divisione Nord
Subnazionale
a gironi interregionali
DM
Campionato Meridionale
Subnazionale
a gironi interregionali
III livello DDIN
Seconda Divisione Nord
Subnazionale
a gironi regionali
IV livello Direttori Regionali
Terza Divisione
Regionale
a gironi unici o interprovinciali

Note: Nel 1929 la FIGC e Arpinati realizzarono dunque, come negli altri paesi, un campionato nazionale a girone unico. Il progetto iniziale prevedeva una prima categoria composta da sedici squadre, ovvero quelle che si erano classificate tra le prime otto nei due gironi in cui era diviso il campionato precedente. Il protrarsi dello spareggio per l'ottavo posto fra Napoli e Lazio portò ad ammetterle entrambe, e con il ripescaggio della Triestina per motivi patriottici il numero delle squadre fu alzato a 18.

Situazione nel 1929/30
I livello DDS - Div.Naz.
Serie A
Nazionale
a girone unico
II livello DDS - Div.Naz.
Serie B
Nazionale
a girone unico
III livello DDS & DM
Prima Divisione
Nazionale
a gironi interregionali
IV livello DDIN & DM
Seconda Divisione
Subnazionale
a gironi regionali
V livello Direttori Regionali
Terza Divisione
Regionale
a gironi unici o interprovinciali
Situazione dal 1930 al 1935
I livello DDS - Div.Naz.
Serie A
Nazionale
a girone unico
II livello DDS - Div.Naz.
Serie B
Nazionale
a girone unico
III livello DDS
Prima Divisione
Interregionale
a gironi interregionali
IV livello Direttori Regionali
Seconda Divisione
Regionale
a gironi unici o interprovinciali
V livello Direttori Regionali
Terza Divisione
Regionale
a gironi unici o interprovinciali

Note: La FIGC nell'estate 1935 decise di creare una terza serie nazionale: la Serie C. Decise quindi che le prime sei di ogni girone di Prima Divisione 1934-35 più le settime classificate del Girone F e G e le ottave e le none classificate del Girone F sarebbero state ammesse alla Serie C mentre le altre sarebbero retrocesse in Prima Divisione Regionale (ex Seconda Divisione Regionale) che diventava così, a partire dalla stagione 1935-36, il quarto livello. In seguito però la FIGC decise di riammettere alla nuova Serie C anche la 7º, l'8º e la 9º del Girone H.

Situazione dal 1935 al 1943
I livello Serie A
II livello Serie B
III livello Serie C
IV livello Prima Divisione Regionale
V livello Seconda Divisione Regionale

Alla ripresa dopo la guerra nel 1945, le distruzioni lasciate dalla Linea Gotica avevano forzatamente diviso in due il paese. Il posto del soppresso Direttorio Divisioni Superiori era stato preso da due organismi concepiti per gestire una singola annata straordinaria: al Nord la Lega Nazionale Alta Italia, e al Centro-Sud la Lega Nazionale Centro-Sud. Entrambe dovettero mettere in piedi alcuni campionati misti. Per quanto riguarda il calcio regionale, in generale si procedette per vari motivi a numerose promozioni di massa.

Situazione straordinaria 1945-46
Nord Centro-Sud
I livello Lega Alta Italia
Serie A
Lega Centro-Sud
Serie A-B
II livello Lega Alta Italia
Serie B-C
Lega Centro-Sud
Serie C
III livello Lega Alta Italia
Serie C
Leghe Regionali
Prima Divisione
IV livello Leghe Regionali
Prima Divisione
Leghe Regionali
Seconda Divisione
V livello Leghe Regionali
Seconda Divisione
Leghe Regionali
Terza Divisione
Situazione dal 1946 al 1948
I livello LNP
Serie A
Nazionale
a girone unico
II livello LNP
Serie B
Subnazionale
a gironi interregionali
III livello LIN & LIC & LIS
Serie C
Subnazionale
a gironi regionali
IV livello Leghe Regionali
Prima Divisione
Regionale
a gironi interprovinciali
V livello Leghe Regionali
Seconda Divisione
Regionale
a gironi interprovinciali

Note: Nel 1947-48 con la decima edizione del torneo italiano di calcio di Serie C (terzo livello) fu decisa la riforma dei campionati con il blocco delle promozioni verso la Serie B. Dall'annata seguente la categoria sarebbe ritornata al suo formato originario a quattro gironi. Vennero quindi retrocesse un'enorme massa di società (286) appartenenti alla C che però non tornarono a disputare i campionati regionali, ma costituirono il nuovissimo livello del Campionato di Promozione. Da ricordare che nella stagione 1939-40, nella prima giornata dell'ultimo campionato del periodo di pace pre-bellico, il 17 settembre del 1939, compaiono sulle casacche dei giocatori per la prima volta i numeri. Inoltre si rammenta che solo nel 1946-47, la Serie A tornò definitivamente al girone unico come oggi lo conosciamo: ne facevano parte 20 squadre (21 nella stagione 1947-48, per il ripescaggio della Triestina), numero che rimase tale fino al 1951-52. Dismessa la "Sezione Propaganda", agli ex Comitati che la organizzavano a livello provinciale è data facoltà di organizzarla al posto della Seconda Divisione sulla falsariga della Sezione Propaganda ovvero non inserita nella scala gerarchica F.I.G.C. Per contro le Leghe Regionali, che organizzano direttamente la Seconda Divisione (o indirettamente demandandola ai Commissariati Provinciali), lo fanno quale ultimo livello della scala gerarchica federale.

Situazione dal 1948 al 1952
I livello Serie A
II livello Serie B
III livello Serie C
IV livello Promozione
V livello Prima Divisione Regionale
VI livello Seconda Divisione Regionale o Provinciale
Amatori Campionato senza promozioni [7].

Note: Grande riforma dei campionati dopo quella che nel 1929 aveva creato la Serie A. Il campionato di Serie C raggiunto l'obiettivo da tempo prefissato di 72 partecipanti, (di cui cinque provenienti dalla Serie B e dodici dalla Promozione) subì una svolta epocale divenendo a Girone Unico, nazionale e professionistico. Solo tredici squadre del vecchio torneo vi sarebbero state ammesse, mentre le escluse avrebbero partecipato al campionato di IV Serie anch'esso riformato in senso elitario. Il campionato di Promozione 1951-52 (quarta edizione del torneo di calcio di IV livello a carattere interregionale in Italia) non mise in palio posti per la Serie C, ma fu finalizzato a dividere le società partecipanti in due gruppi: le migliori avrebbero avuto accesso al nuovo torneo di IV Serie a carattere interregionale, le altre sarebbero retrocesse nell'altrettanto nuova categoria denominata Promozione Regionale. Nel 1952 la categoria "Amatori" è definitivamente soppressa e le società che hanno partecipato al campionato precedente sono inserite nei ranghi della Seconda Divisione, salvo rinuncia. La F.I.G.C. concede fino al 1958-59 alle Leghe Regionali di non demandare ai Commissariati Provinciali la gestione della Seconda Divisione (in questo caso lo fanno loro direttamente) concedendo alle società nuove affiliate la diretta iscrizione in Prima Divisione se nella loro provincia non c'è un Commissariato Locale e/o Provinciale a organizzare il campionato di Seconda Divisione.

Situazione dal 1952 al 1957
I livello Serie A
II livello Serie B
III livello Serie C
IV livello IV Serie
V livello Promozione Regionale
VI livello Prima Divisione Regionale
VII livello Seconda Divisione Provinciale

Note: nel 1957 le retrocessioni dalla IV Serie in Promozione regionale furono sospese, le retrocesse scendono in Interregionale II Serie

Situazione nel 1957/58
I livello Serie A
II livello Serie B
III livello Serie C
IV livello Interregionale I Serie o Eccellenza
Interregionale II Serie
V livello Campionato Nazionale Dilettanti a livello Regionale
VI livello Prima Divisione Regionale
VII livello Seconda Divisione Provinciale

Note: Interregionale 1957-58 decima edizione del torneo interregionale di calcio di quarto livello in Italia, sesta a carattere semiprofessionistico. La categoria fu suddivisa su due livelli: la Prima Serie (che molti chiamarono "Eccellenza") composta da tre gironi (48 squadre) e la Seconda Serie formata da otto gironi (128 squadre), al fine di selezionare le squadre da aggiungere alla Serie C che deve aggiungere un girone ogni stagione fino ad arrivare ad un totale di tre. Il regolamento prevedeva la promozione in C dei vincitori dei raggruppamento di primo livello, ma tutto venne rimescolato in corsa perché la FIGC decise l'ampliamento della Serie C e la promozione a tavolino di numerose società.

Il campionato 1958/59
LN
Milano
Serie A 18 squadre
Serie B 20 squadre
Serie C 39 squadre
LI
Firenze
Campionato Interregionale 144 squadre
Leghe
Regionali
Campionato Dilettanti 571 squadre
Prima Divisione oltre 500 squadre
Seconda Divisione oltre 500 squadre

Il 1959 fu l'anno della seconda e definitiva riforma professionistica del calcio italiano. Da un anno la FIGC era commissariata in seguito al disastro di Belfast, ossia la clamorosa mancata qualificazione della Nazionale ai Mondiali. Il commissario Bruno Zauli, avvalendosi dei poteri concessigli dal CONI, elaborò un piano che prevedeva la rigida suddivisione dei campionati in tre settori. Se alcuni aspetti del Piano Zauli[8] vennero accantonati per la reazione delle società, duratura conseguenza fu la regolamentazione del professionismo a contratto in Serie A e in Serie B, fra le quali si aumentò a tre il numero delle retrocesse e delle promosse, del semiprofessionismo a premi e rimborso spese in Serie C, portata a tre gironi, e nella nuova Serie D a sei gironi, e del puro dilettantismo nei campionati regionali di Prima Categoria e di Seconda Categoria. Venne invece rapidamente disapplicato il principio, mutuato dal campionato inglese, di un interscambio solo eventuale e su presupposti economici fra categorie di leghe diverse, mantenendo il primato delle promozioni per titoli sportivi guadagnati sul campo.

Il campionato 1959/60
LNP
Milano
Serie A 18 squadre
Serie B 20 squadre
LNSP
Firenze
Serie C 54 squadre
Serie D 108 squadre
LND
Roma
Prima Categoria oltre 300 squadre
Seconda Categoria oltre 500 squadre

Quadro riassuntivomodifica | modifica sorgente

Situazione dal
1959 al 1968
Situazione dal
1968 al 1978
Situazione dal
1978 al 1981
Situazione dal
1981 al 1991
Situazione dal
1991 al 1992
Situazione dal
1992 al 2000
Situazione dal
2000 al 2008
Situazione dal
2008
I livello LNP
Serie A
Nazionale
a girone unico
LNP
Serie A
Nazionale
a girone unico
LNP
Serie A
Nazionale
a girone unico
LNP
Serie A
Nazionale
a girone unico
LNP
Serie A
Nazionale
a girone unico
LNP
Serie A
Nazionale
a girone unico
LNP
Serie A
Nazionale
a girone unico
Lega Serie A
Serie A
Nazionale
a girone unico
II livello LNP
Serie B
Nazionale
a girone unico
LNP
Serie B
Nazionale
a girone unico
LNP
Serie B
Nazionale
a girone unico
LNP
Serie B
Nazionale
a girone unico
LNP
Serie B
Nazionale
a girone unico
LNP
Serie B
Nazionale
a girone unico
LNP
Serie B
Nazionale
a girone unico
Lega Serie B
Serie B
Nazionale
a girone unico
III livello LNSP
Serie C
Interregionale
a gironi singoli
LNSP
Serie C
Interregionale
a gironi singoli
LNSP
Serie C1
Interregionale
a gironi singoli
LNSC
Serie C1
Interregionale
a gironi singoli
LNSC
Serie C1
Interregionale
a gironi singoli
LPSC
Serie C1
Interregionale
a gironi singoli
LPSC
Serie C1
Nazionale
a gironi interregionali
LPSC
Lega Pro Prima Divisione
Nazionale
a gironi interregionali
IV livello LNSP
Serie D
Interregionale
a gironi singoli
LNSP
Serie D
Interregionale
a gironi singoli
LNSP
Serie C2
Interregionale
a gironi singoli
LNSC
Serie C2
Interregionale
a gironi singoli
LNSC
Serie C2
Interregionale
a gironi singoli
LPSC
Serie C2
Interregionale
a gironi singoli
LPSC
Serie C2
Interregionale
a gironi singoli
LPSC
Lega Pro Seconda Divisione
Interregionale
a gironi singoli
V livello Prima Categoria
Regionale
LND
Promozione
Regionale
LNSP
Serie D
Interregionale
a gironi singoli
LND
Interregionale
Interregionale
a gironi singoli
LND
Interregionale
Interregionale
a gironi singoli
LND
Camp. Naz. Dilettanti
Nazionale
a gironi interregionali
LND
Serie D
Nazionale
a gironi interregionali
LND
Serie D
Nazionale
a gironi interregionali
VI livello
LND
Seconda Cat.
Regionale
LND
Prima Cat.
Regionale
LND
Promozione
Regionale
LND
Promozione
Regionale
LND
Eccellenza
Regionale
LND
Eccellenza
Regionale
LND
Eccellenza
Regionale
LND
Eccellenza
Regionale
VII livello
LND
Terza Cat.
Provinciale
LND
Seconda Cat.
Regionale
LND
Prima Cat.
Regionale
LND
Prima Cat.
Regionale
LND
Promozione
Regionale
LND
Promozione
Regionale
LND
Promozione
Regionale
LND
Promozione
Regionale
VIII livello
LND
Terza Cat.
Provinciale
LND
Seconda Cat.
Regionale
LND
Seconda Cat.
Regionale
LND
Prima Categoria
Regionale
LND
Prima Categoria
Regionale
LND
Prima Categoria
Regionale
LND
Prima Categoria
Regionale
IX livello
LND
Terza Cat.
Provinciale
LND
Terza Cat.
Provinciale
LND
Seconda Categoria
Regionale
LND
Seconda Categoria
Regionale
LND
Seconda Categoria
Regionale
LND
Seconda Categoria
Regionale
X livello
LND
Terza Categoria
Provinciale
LND
Terza Categoria
Provinciale
LND
Terza Categoria
Provinciale
LND
Terza Categoria
Provinciale

Albi d'oromodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Chiesa, p. 18.
  2. ^ Chiesa, pp. 20-21.
  3. ^ La Finale del Campionato Federale a Milano. USM e Pro Vercelli fanno match pari., La Stampa, 26 aprile 1909, p. 5. URL consultato il 17 aprile 2012.
  4. ^ Il F.C. Juventus vince il Campionato Italiano., La Stampa, 7 giugno 1909, p. 5. URL consultato il 17 aprile 2012.
  5. ^ Chiesa, p. 21.
  6. ^ Chiesa, p. 19.
  7. ^ Non un livello in senso proprio, bensì una categoria completamente al di fuori dalle scale gerarchiche FIGC. Senza promozioni né retrocessioni, categoria che come dice il nome è stata organizzata per soli fini amatoriali.
  8. ^ Corriere dello Sport, 20 gennaio 1959

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio







Creative Commons License