Felice Laudadio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Felice Laudadio

Felice Laudadio (Mola di Bari, 25 aprile 1944) è un giornalista, produttore cinematografico e scrittore italiano. È il fondatore e direttore del Bif&st, il Bari International Film Festival, e ha diretto in passato la Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica della Biennale di Venezia e il Taormina Film Fest. È stato ammninistratore delegato dell'Istituto Luce e successivamente presidente di Cinecittà Holding. Ha ideato, fondato e diretto la Casa del Cinema di Roma.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Fondatore e direttore del MystFest (1980-1986), del festival EuropaCinema (1984-2009), del Premio Fellini, del festival "Per il cinema italiano", del Premio Solinas per la migliore sceneggiatura. È stato amministratore delegato dell'Istituto Luce nel 1994, direttore della Mostra del Cinema di Venezia nel biennio1997-1998, presidente di Cinecittà Holding dal 1999 al 2002, direttore del Taormina film fest (1999-2006), del Premio Grolle d'oro per il cinema italiano (1990-2001), del RomaFictionFest (2007), vicepresidente operativo della Fondazione Fellini di Rimini dal 2000 al 2002. Ha fatto parte, dal 2006, del Comitato dei Fondatori del Festa del Cinema di Roma.

Ha ideato e fondato la Casa del Cinema di Roma che ha diretto dal gennaio 2004 al gennaio 2011. È attualmente direttore artistico dell'ItaliaFilmFest e del Bif&st (Bari International Film Festival).

Ha scritto varie sceneggiature per film diretti da Margarethe von Trotta, dei quali è stato anche produttore. Ha coprodotto il film Al di là delle nuvole di Michelangelo Antonioni e Wim Wenders e un'altra dozzina di film. Ha pubblicato i libri Fare festival (1996) e Il colore del sangue (2005). È stato inoltre a lungo impegnato nella creazione in Puglia di un Polo del cinema e dell'audiovisivo digitali, dopo aver condotto per anni a Cinecittà, a cominciare dal 2000, una serie di laboratori (i cosiddetti "Martedì di Cinecittà") sul cinema digitale insieme a David Bush, fra i massimi esperti europei della materia.

Da giornalista è stato responsabile delle pagine degli spettacoli e critico televisivo, cinematografico e teatrale de l'Unità dal 1974 al 1980, poi collaboratore dello stesso quotidiano e di Rinascita. Collabora attualmente con i quotidiani La Repubblica/Bari e Corriere della Sera/Corriere del Mezzogiorno. È membro onorario della FIPRESCI (Fédération Internationale de la Presse Cinématographique) e componente della European Film Academy, dell'Accademia del cinema italiano e dell'ANAC, la storica associazione degli autori cinematografici.

È fratello del regista Francesco Laudadio, prematuramente scomparso nel 2005, in memoria del quale è stata creata l'associazione culturale "Fondazione Francesco Laudadio" che assegna il Premio Opera prima del Bif&st e che pubblica opere letterarie e sceneggiature inedite da lui scritte.

Curiositàmodifica | modifica sorgente

Nel 2008 ha partecipato al documentario Il falso bugiardo di Claudio Costa dedicato allo sceneggiatore Luciano Vincenzoni e ad un documentario su Franco Cristaldi. Nel 2011 ha preso parte al documentario Diversamente giovane di Marco Spagnoli dedicato a Giovanna Cau, la leggendaria agente e avvocato di Fellini, Mastroianni, Loren, Scola e di tantissime altre personalità del cinema italiano. Nel 2013 ha realizzato una videointervista con Andrea Camilleri dedicata alla figura e all'opera di uno dei massimi formatori di attori, Orazio Costa, col titolo A cavallo di un cavillo.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License