Felipe de Castro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Felipe de Castro (Noia, 1711Madrid, 25 agosto 1775) è stato uno scultore spagnolo.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Dopo aver compiuto un corso di studi nella sua città, Castro si trasferì dapprima a Lisbona e poi a Siviglia per studi di perfezionamento.

Quando lo stile neoclassico incominciò a penetrare anche in Spagna, Castro si recò a Roma per osservare i monumenti ed i marmi antichi.

Al suo rientro in patria ottenne l'incarico direttivo dell'Accademia fondata da Ferdinando VI.

Da questo momento Castro intraprese una serie di opere storiche, commemorative e celebrative, tra le quali si annoverò il busto Ferdinando VI che presenta lo statuto dell'Accademia, che presentò il re attorniato da figure mitologiche allegoriche, come la regina Barbara sotto le sembianze di Minerva.

Oltre a quest'opera, i busti di Ferdinando VI e della regina Barbara confermarono il talento dello scultore, che non aderì completamente alla lezione neoclassica, conservando elementi rococò sia per i panneggi sia per la concezione del modellato[1].

Sia il rilievo della Battaglia di Salado sia le monumentali statue di Teodosio e di Traiano realizzate a Madrid furono tra le ultime opere significative dello scultore.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ "Le muse", De Agostini, Novara, 1965, Vol. III, p. 153.

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License