Ferdinando Acton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Ferdinando Acton
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Luogo nascita Napoli
Data nascita 16 luglio 1832
Luogo morte Roma
Data morte 18 febbraio 1891
Legislatura XIII

Ferdinando Acton (Napoli, 16 luglio 1832Roma, 18 febbraio 1891) è stato un ammiraglio, politico e Ministro della Marina italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Discendente da una nobile famiglia originaria dell'Inghilterra trapiantatasi dapprima in Toscana e successivamente nel Regno delle Due Sicilie, ne proseguì l'antica tradizione militare.

Figlio del barone Carlo Acton (1783-1863), brigadiere generale della Marina delle Due Sicilie e consultore di Stato, e della nobile dama francese Zoè dei conti Guignes D'Albon, studiò nel collegio di Lucca e quindi nella Scuola della Marina di Napoli, diventando guardiamarina nel 1849. Nel 1856 sposò la nobile Ninfa Ramirez, figlia del marchese Vincenzo, ministro del Re di Napoli a Vienna e a Torino. Seguirono la carriera militare anche i fratelli Guglielmo ed Emmerik, e il figlio Alfredo.

Il suo ingegno e la sua spiccata attitudine agli studi e alla vita del mare, lo portarono a conseguire rapidamente i primi gradi della carriera, diventando tenente di vascello nel 1857 nella marina del Regno delle Due Sicilie; più tardi, nella Regia Marina fu capitano di fregata nel 1860, capitano di vascello nel 1869, contrammiraglio nel 1878 e viceammiraglio nel 1883.

Nel 1860, in seguito all'occupazione del Regno di Napoli da parte delle truppe garibaldine, fu nominato Capo di Stato Maggiore di Squadra grazie alle sue qualità di manovratore e di tattico navale, partecipando così all'assedio e alla resa di Ancona e conseguendo la medaglia d'argento al valore militare. Nel 1866 ebbe dapprima il comando della corvetta Etna in servizio di esplorazione nel Canale d'Otranto, successivamente fu Capo di stato Maggiore sulla corazzata Principe di Carignano. Nel 1869 fu scelto come Capo di Stato Maggiore sulla corazzata Roma, mentre nel 1870 fu scelto come Capo di Stato Maggiore durante la costituzione della flotta per l'occupazione dello Stato Pontificio.

Nel 1877, fu ancora Capo di Stato Maggiore sulla corazzata Venezia. Promosso al grado di contrammiraglio nel 1878, assunse la carica di segretario generale al Ministero della Marina, quindi fu ministro della Marina dal 23 novembre 1879 al 25 novembre 1883. Fu inoltre nominato nel 1880 senatore del Regno e fu ministro della Guerra ad interim dal mese di luglio dello stesso anno al mese di febbraio dell'anno successivo. Morì colpito da un male inguaribile mentre era Presidente del Consiglio Superiore della Marina e Capo di Stato Maggiore della Marina.

A lui si deve lo studio della costruzione dell'Arsenale Militare Marittimo di Taranto e del canale navigabile che congiunge il Mar Grande con il Mar Piccolo, nonché del locale Ponte Girevole che inaugurò solennemente il 22 maggio 1887.

A Napoli, sua città natale, sono stati dedicati in sua memoria una strada, la darsena adiacente e un ascensore pubblico.

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Onorificenze italianemodifica | modifica sorgente

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia
Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (3 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (3 barrette)
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia

Onorificenze stranieremodifica | modifica sorgente

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca)
Gran cordone dell'Ordine dell'Elefante Bianco (Siam) - nastrino per uniforme ordinaria Gran cordone dell'Ordine dell'Elefante Bianco (Siam)
Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Sole Nascente (Giappone) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Sole Nascente (Giappone)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi)
Gran Croce dell'Ordine al Merito Navale (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine al Merito Navale (Spagna)
Cavaliere di II classe dell'Ordine di Medjidié (Impero ottomano) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II classe dell'Ordine di Medjidié (Impero ottomano)
Grande Ufficiale dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis (Portogallo)
Commendatore di Numero dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Numero dell'Ordine di Carlo III (Spagna)

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Predecessore Ministro della Guerra del Regno d'Italia Successore Flag of Italy (1861-1946).svg
Cesare Bonelli 13 luglio 1880 - 27 luglio 1880 ad interim
Bernardino Milon

Controllo di autorità VIAF: 10787117 LCCN: no2005083960 SBN: IT\ICCU\SBNV\010305








Creative Commons License