Ferrovia Napoli-Foggia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Napoli–Foggia
Stati attraversati Italia Italia
Lunghezza 194 km
Apertura a tratte, tra il 1867 e il 1870
Gestore RFI
Precedenti gestori SFM (1867-1906)
FS (1906-2001)
Scartamento 1435 mm
Elettrificazione 3 kV CC
Diramazioni Telese-Telese Bagni (1+571 km)
Ferrovie

La ferrovia Napoli–Foggia è una linea ferroviaria italiana di proprietà statale che unisce Napoli, in Campania, a Foggia, in Puglia.

È gestita da Rete Ferroviaria Italiana (RFI) che la classifica come linea principale[1].

Fa parte del prolungamento del Corridoio paneuropeo VIII verso ovest che permetterà il collegamento con l'"Asse ferroviario 1" della Rete ferroviaria convenzionale trans-europea TEN-T.

La linea è stata soggetta negli ultimi anni ad alcuni lavori che hanno portato al raddoppio di binario tra Vitulano e Apice. È in fase di studio il progetto di tramutarla in una linea con le caratteristiche di Alta capacità, raddoppiando il resto del tracciato, rettificandolo in certi punti e costruendo una galleria di base che valicherà l'Appennino a una quota più bassa dell'attuale.

Storiamodifica | modifica sorgente

La costruzionemodifica | modifica sorgente

Tratta Inaugurazione[2]
BovinoFoggia 27 gennaio 1867
NapoliCaserta 7 maggio 1867
Caserta–Casalduni 15 marzo 1868
Casalduni–Benevento 18 aprile 1868
Benevento–Santo Spirito 1º agosto 1868
Savignano–Bovino 1º agosto 1868
StarzaPianerottolo 25 gennaio 1869
Savignano–Pianerottolo 12 giugno 1869
Santo Spirito–Starza 26 maggio 1870
diramazione Telese–Telese Bagni 15 luglio 1883

La concessione per la costruzione e l'esercizio di una strada ferrata che unisse l'Adriatico al Tirreno collegando Foggia a Napoli fu ottenuta dalla Società Italiana per le strade ferrate meridionali grazie alla Legge 21 agosto 1862, n. 763.

Nel decennio precedente era stato proposto al governo del Regno delle due Sicilie un progetto di ferrovia che congiungesse Caserta alla città pugliese, sfruttando la appena completata Napoli-Caserta via Cancello. Il progetto decadde successivamente per problemi politici e finanziari. Tuttavia la Società Meridionale preferì riprendere quel progetto piuttosto che costruire una nuova linea che iniziasse da Napoli e che attraversasse la Valle Caudina. I lavori cominciarono su entrambi i vertici della linea[3].

Il primo tronco ad essere aperto all'esercizio fu quello tra Bovino e Foggia, il 27 gennaio 1867, seguito l'anno successivo dalle sezioni Caserta–Casalduni (15 marzo), Casalduni–Benevento (18 aprile), Savignano–Bovino e Benevento–Santo Spirito (1 agosto). Nel 1869 fu la volta del tratto tra Starza e Pianerottolo (25 gennaio) e di quello tra quest'ultima località e Savignano Irpino (12 giugno). La linea fu completata il 26 maggio 1870 con l'apertura della sezione fra Santo Spirito e Starza[4].

L'elettrificazionemodifica | modifica sorgente

La tratta Benevento–Foggia fu la prima linea sulla quale si sperimentò il sistema di alimentazione elettrica a corrente continua, con una tensione di 3000 volt. La palificazione e la catenaria furono installate tra il 1926 e il 1928. In quegli anni iniziarono quindi a circolare sulla ferrovia i treni trainati dalle locomotive elettriche E.626 delle Ferrovie dello Stato le quali avevano assunto l'esercizio della linea a seguito della statizzazione delle ferrovie e il riscatto delle linee costruite dalla Società Meridionale (1906)[5].

Il nuovo tipo di trazione fu poi esteso fino a Caserta e a Napoli nel 1931.

Il progetto di raddoppiomodifica | modifica sorgente

Negli anni novanta iniziarono i lavori per il raddoppio della linea. Il 3 dicembre 1997 fu inaugurato il nuovo tratto tra la stazione di Vitulano e quella di Apice, che sostituiva il precedente, più tortuoso. Nello stesso giorno fu soppressa la stazione di Vitulano-Foglianise, che si trovava sul vecchio tracciato, per essere sostituita dal nuovo scalo di Vitulano[3].

Al 2009, i lavori di raddoppio per il resto del tracciato sono fermi. È allo studio la loro ripresa con l'intenzione di adeguare l'intera linea agli standard dell'Alta capacità entro il 2028.

In particolare si prevede:

  • la costruzione di una nuova tratta in doppio binario tra San Felice a Cancello, sulla Roma – Cassino – Napoli, e Frasso Telesino permettendo di evitare sia il regresso nella stazione di Caserta dei treni provenienti da Napoli e diretti a Foggia e viceversa sia l’attraversamento all'interno del comune di Maddaloni;
  • il raddoppio della tratta esistente fra Frasso Telesino e Vitulano con le eventuali necessarie rettificazioni del tracciato;
  • l'adeguamento agli standard dell'Alta capacità la tratta Vitulano – Apice già a doppio binario;
  • la costruzione di una nuova linea a doppio binario a meridione dell'attuale che risalga le valli del Miscano e del Cervaro fino al valico di Ariano Irpino. Il nuovo tracciato partirebbe dalla stazione di Apice e attraverserebbe la valle dell’Ufita fino alla cittadina di Grottaminarda dove verrà ubicata una nuova stazione denominata "Irpina", a servizio dei comuni limitrofi e del complesso industriale della Valle Ufita. La linea proseguirà verso nord, attraversando lo spartiacque appenninico grazie ad una galleria di circa 25 km. Essa infine giungerà a Savignano Irpino per poi ricollegarsi all’attuale linea in prossimità della stazione di Orsara;
  • la costruzione di una nuova linea a doppio binario parallela a quella attuale tra Orsara di Puglia e Bovino;
  • il raddoppio fra Bovino e Cervaro, frazione di Foggia. Nel Dicembre 2012 sono terminati i lavori del primo segmento (18,5 km). Nel 2014 è prevista l'ultimazione dell'intera tratta (23 km);
  • l'adeguamento agli standard dell'Alta capacità della sezione Cervaro-Foggia che, come la Vitulano-Apice, si presenta già a doppio binario;
  • la realizzazione di una bretella che permetta di innestarsi direttamente sulla linea adriatica senza entrare nella stazione di Foggia ed evitare così il regresso obbligatorio: il cosiddetto baffo di Foggia.

Caratteristichemodifica | modifica sorgente

Armamento e trazionemodifica | modifica sorgente

La ferrovia Caserta-Benevento-Foggia è una linea a singolo binario ad eccezione dei tronchi Vitulano-Benevento-Apice e Cervaro-Foggia che sono a doppio binario non banalizzato.

La trazione è elettrica a 3.000 volt a corrente continua.

Eserciziomodifica | modifica sorgente

La circolazione ferroviaria sul tronco tra Caserta e Cervaro è regolata dal Dirigente Centrale Operativo avente sede presso Napoli Centrale, mentre tra Cervaro e Foggia, l'esercizio è affidato ai Dirigenti Locali.

Percorsomodifica | modifica sorgente

Stazioni e fermate
BSicon KBHFa.svg 197+540 Napoli Centrale 13 m s.l.m.
Continuation to left Junction to right
linea per Salerno
Continuation to left Junction to right
linea per Roma (via Cassino)
BSicon AKRZo.svg Autostrada A56
BSicon BHF.svg 188+551 Casoria-Afragola 63 m s.l.m.
BSicon eBHF.svg Casoria (vecchia)
BSicon BHF.svg 183+819 Frattamaggiore-Grumo Nevano 52 m s.l.m.
BSicon HST.svg 182+114 Sant'Antimo-Sant'Arpino 51 m s.l.m.
Track turning from left Unknown route-map component "xABZrf"
variante * 1928
Station on track Unknown route-map component "exBHF"
178+320 Aversa 38 m s.l.m.
Junction to left Unknown route-map component "xKRZ" Continuation to right
linea per Roma (via Formia)
Track turning left Unknown route-map component "xABZlg"
Junction from left Continuation to right
linea per Villa Literno
BSicon BHF.svg 174+670 Gricignano-Teverola 20 m s.l.m.
Junction to left Track turning from right
Continuation to left Unknown route-map component "KRZu" Track turning right
linea per Maddaloni-Marcianise Smistamento
BSicon HST.svg 168+941 Marcianise 29 m s.l.m.
BSicon HST.svg 165+720 Recale 53 m s.l.m.
BSicon AKRZu.svg Autostrada A1 - Strada europea E45
Junction from left Continuation to right
linea per Roma (via Cassino)
BSicon BHF.svg 163+400 Caserta 61 m s.l.m.
Continuation to left Junction to right
linea per Napoli (via Cancello)
BSicon DST.svg 155+801 Maddaloni Superiore 141 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 150+668 Valle di Maddaloni 103 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 144+228 Frasso-Dugenta 53 m s.l.m.
BSicon HST.svg 137+263 Amorosi-Melizzano 40 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 132+788 Telese-Cerreto 51 m s.l.m.
Unknown route-map component "eABZlf" Unknown route-map component "exCONTl"
diramazione per Telese Bagni † 1959[6]
BSicon BHF.svg 128+648 Solopaca 57 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 120+815 San Lorenzo 74 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 116+562 Ponte-Casalduni
Unknown route-map component "xABZlf" Track turning from right
Unknown route-map component "exSTR" Enter and exit tunnel
111+700
108+235
Galleria Mascambroni
Unknown route-map component "exSTR" Station on track
107+080 Vitulano inizio doppio binario
Unknown route-map component "exBHF" Straight track
Vitulano-Foglianise 110 m s.l.m.
Unknown route-map component "exSTR" Enter tunnel
106+394 Galleria San Vitale (4164 m)
Unknown route-map component "exSTR" Exit tunnel
102+230
Unknown route-map component "xABZrg" Track turning right
Continuation to left Junction from right
linea MCNE per Cancello
BSicon BHF.svg
101+058
100+859
Benevento 122 m s.l.m.
Continuation to left Unknown route-map component "ABZdf" Continuation to right
linea per Avellino / linea per Campobasso
Track turning from left Unknown route-map component "xABZrf"
Bridge over water Unknown route-map component "exSTR"
fiume Calore
Bridge over water Unknown route-map component "exSTR"
fiume Calore
Track turning left Unknown route-map component "xABZlg"
BSicon DST.svg 94+729 Paduli 138 m s.l.m.
Unknown route-map component "xABZlf" Track turning from right
Unknown route-map component "exSTR" Enter and exit tunnel
88+920 Galleria Apice
Unknown route-map component "xABZrg" Track turning right
BSicon BHF.svg 87+758 Apice termine doppio binario 158 m s.l.m.
BSicon DST.svg 82+688 Corsano 190 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 73+902 Montecalvo 273 m s.l.m.
BSicon TUNNELa.svg 71+124 Galleria Cristina (1433 m)
BSicon TUNNELe.svg 69+691
BSicon eHST.svg 69+578 Castelfranco in Miscano * 1939[7] 354 m s.l.m.
BSicon TUNNELa.svg 69+331 Galleria Starza (2600 m)
BSicon TUNNELe.svg 66+731
BSicon BHF.svg 62+654 Ariano Irpino 479 m s.l.m.
BSicon TUNNELa.svg 61+388 Galleria Ariano (3205 m)
BSicon TUNNELe.svg 58+183
BSicon DST.svg 58+075 Pianerottolo d'Ariano 547 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 52+367 Savignano 474 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 46+076 Montaguto-Panni 395 m s.l.m.
BSicon BHF.svg 42+229 Orsara 359 m s.l.m.
BSicon TUNNEL1.svg 40+129 Galleria Colle Lamia
BSicon BHF.svg 33+070 Bovino-Deliceto 260 m s.l.m.
BSicon DST.svg 26+538 Troia-Castelluccio Sauri 201 m s.l.m.
BSicon DST.svg 16+450 Ponte Albanito 124 m s.l.m.
BSicon ABZlg.svg Linea per Potenza
BSicon BHF.svg 8+647 Cervaro 79 m s.l.m.
BSicon ABZgxr+r.svg Linea per Bari
BSicon ABZlg.svg Linea per Manfredonia
BSicon BHF.svg 0+000 Foggia 64 m s.l.m.
BSicon STR.svg Linea per Pescara

Trafficomodifica | modifica sorgente

Sulla ferrovia non circola un gran numero di convogli e la tratta più frequentata è quella tra le stazioni di Benevento e Caserta, mentre tra Benevento e Foggia si contano poche coppie di treni al giorno: l'importanza della linea sta esclusivamente nel fatto di collegare il lato tirrenico con quello adriatico, usando per lo più convogli merci.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ RFI - Rete in esercizio (PDF). URL consultato l'08-09-2009.
  2. ^ Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926
  3. ^ a b lestradeferrate.it - La ferrovia Caserta - Benevento - Foggia. URL consultato l'8 settembre 2009.
  4. ^ Sviluppo delle ferrovie italiane dal 1839 al 31 dicembre 1926, Roma, Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, 1927. Vedi Alessandro Tuzza, Trenidicarta.it, 1997-2007. URL consultato il 30 novembre 2008.
  5. ^ Stefano Maggi, Le ferrovie, Bologna, Il Mulino, 2007, p. 179. ISBN 978-88-15-12391-6.
  6. ^ Decreto del presidente della Repubblica 26 agosto 1959, n. 873, in materia di "Soppressione della linea ferroviaria a scartamento ordinario Telese Cerreto-Telese Bagni."
  7. ^ Ordine di Servizio n. 36 del 1939

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • RFI SpA. Fascicolo Linea 126 Cervaro – Napoli. pp. 71–96.
  • RFI SpA. Fascicolo Linea 134 Cervaro – Foggia. pp. 51–62.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License