Ferruccio Pagni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ferruccio Pagni (Livorno, 1866Torre del Lago, 1935) è stato un pittore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Frequenta la Scuola di Disegno a Livorno sotto Natale Betti, e poi L’Accademia delle belle arti di Firenze, sotto la guida di Giovanni Fattori. Negli anni ’90 partecipa alle attività del Club della Boheme, gruppo goliardico-culturale legato a Giacomo Puccini. Lavora per diversi anni a Torre del Lago, insieme a Francesco Fanelli in quello che il critico d’arte Diego Martelli ha chiamato il sodalizio degli Impressionisti livornesi, che nell'ambito del gruppo postmacchiaiolo, portava avanti un linguaggio modellato su quello francese di Monet e Manet. Più tardi l’impressionismo di Pagni si frantuma in una pennellata rarefatta con forti echi divisionisti. La sua opera artistica assume una maggiore rilevanza internazionale durante il soggiorno in Argentina, dal 1904 al 1917, dove realizza i quadri attualmente più ambiti dal collezionismo.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Gastone Razzaguta, Virtù degli artisti labronici, Livorno, Editrice Nuova Fortezza, 1985.







Creative Commons License